giovedì 22 novembre 2018

DOPING TECNOLOGICO: dove eravamo rimasti?

Ritorniamo sull’argomento già trattato, al termine degli scorsi Campionati Italiani di Verona e successivamente nel mese di luglio, in occasione dell’allenamento collegiale in previsione dei Campionati del Mondo di Wuxi.
Come ricorderete, verso la metà di luglio, in occasione dell’allenamento delle sciabolatrici, alcune di esse hanno avuto una conversazione(!?) con il Procuratore federale per alcuni chiarimenti inerenti la vicenda del doping tecnologico. Da allora nulla si è più saputo, tutti con le bocche 
cucite, quindi non si hanno notizie in merito, se non quelle finora conosciute e cioè che la Segreteria della Federazione trasmise alla Commissione SEMI tutta la documentazione inerente il caso, ritenendola per questo l’unica struttura federale preposta ad esaminare e valutare gli aspetti connessi alla vicenda. Mi domando:” allora cosa centra la Procura federale?” Ma è una domanda che rimarrà senza risposta.

Per quanto attiene invece l’atleta che, a dire di molti, si sarebbe avvantaggiata di questo fantomatico sistema di “doping tecnologico”, non possiamo far altro che prendere nota di un avvio di stagione certamente non brillante. I risultati che ha ottenuto in occasione della prima prova Open di Bastia Umbra, dove, pur essendo esentata dai gironi per la sua posizione nel ranking, non è riuscita ad andare oltre un risicato piazzamento nelle prime 32 ed alla prima prova di coppa del Mondo ad Orleans, dove è subito uscita di scena già nel tabellone di qualificazione e per mano di un’altra atleta italiana con la quale negli scontri diretti, alcuni esperti di statistiche dicono, che negli ultimi anni abbia sempre avuto la meglio. Scenario confermato ai campionati italiani U 23 di Belluno dove a dispetto del risultato decisamente migliorato ha dovuto subire nuovamente la superiorità della medesima atleta.
Seguiremo come sempre l’evoluzione della giustizia federale e le vicende dell’atleta “di cui tutti parlano”.
Ezio RINALDI

8 commenti:

  1. Sa se fa parte del programma elettorale del neo candidato presidente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riportare i peccatori sulla via del paradiso è compito di un missionario non di un candidato presidente. Oppure della famiglia, qualora non sia peggio della figlia. Ovviamente

      Elimina
  2. Abbasso la tristezza! Perchè su questo blog si parla sempre del lato oscuro della scherma e mai del lato b(ello)?
    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=2026826867404798&set=a.107597959327708&type=3&theater

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcuno ci sa dire se il presidentissimo o i sigg. consiglieri si sono mai espressi su questo valore aggiunto della nostra bella scherma?

      Elimina
    2. PUBBLICITA' PROGRESSO
      Creme Illuminanti Clinique Even Better - Siero Idratante Antimacchia
      Il lato bello e luminoso della scherma!

      Elimina
    3. lasciateli perdere quelli del CF ormai non hanno più l'età per le forti emozioni

      Elimina
    4. Guagliò, o' piacere è peccato ma spisso o peccato è nu piacere!
      KIM O' COREANO

      Elimina