giovedì 3 dicembre 2015

TRASPARENZA, NUMERI E POLEMICHE


Risultati immagini per trasparenzaScrivo dopo tanto tempo e prima di farlo ho meditato a lungo.
Un comunicato chiaro vedrebbe la pubblicazione dell’elenco dei convocati e degli autorizzati, con una specifica a fianco di ogni nome. Esempio: Scarso (CT), Rinaldi (Ranking). Ciò darebbe precise indicazioni sulle scelte fatte ed offrirebbe ai cultori delle analisi e delle statistiche, idonei strumenti di valutazione del lavoro svolto, eludendo, così possibili equivoci e strumentalizzazioni da parte di chicchessia. Pur considerando che i responsabili d’arma siano remunerati per effettuare scelte, anche secondo una loro valutazione, se lo facessero con criteri dichiarati in apposite regolamentazioni verrebbero evitate inutili quanto perniciose proteste. E’ pur vero che non sia sempre fattibile la redazione di specifiche relazioni per ogni convocazione, ma è altrettanto vero che la conoscenza di determinati criteri renderebbe tutti più sereni, senza dimenticare che le risorse finanziarie che il CONI elargisce alle federazioni provengono dalle tasse dei cittadini e, pertanto, un minimo di considerazione, verso dirigenti e tecnici societari, ma anche verso i genitori bisogna averla.
Leggo anche delle Convocazioni Arbitrali. Fumo negli occhi per aumentare la comunicazione e il caos, o reale trasparenza? Se così fosse perché non pubblicare l’elenco vero dei maestri di Staff e le gare loro assegnate?
E’ da porre in evidenza che alcune scelte, soprattutto in relazione ai tecnici, sembrano fatte in base alla regione di appartenenza. Ciò fa capire che in alcune di esse vi risiedano quelli di maggior talento.
La trasparenza non è una cosa astratta, bensì una pratica molto concreta che ha le sue fondamenta su forti e saldi principi. La chiarezza nulla toglie allo spazio ed all’autonomia di chi è preposto alle decisioni, ma renderebbe partecipi tutti coloro che le scelte le devono subire. La responsabilità di scegliere il figlio di… o il maestro di…comporta decisioni a volte difficili, se però le regole fossero chiare tali difficoltà sarebbero superate in scioltezza. Invece, appare sempre più frequente appellarsi a quelle non scritte, adducendo motivazioni discutibili. Molte sarebbero le considerazioni che si potrebbero fare, ma si sceglierebbe il campo della polemica e non è questo l’intento. 
E’ stato scritto molto sulle diverse analisi relative alle qualificazioni individuali e a squadre. Le condivido, anche se sarebbe meglio esprimersi dopo le olimpiadi. Dobbiamo complimentarci con il solito Fioretto femminile che ha conseguito il massimo obiettivo ed è un peccato che non possa competere a squadre. Complimenti anche alla Sciabola, la quale sembra poter raggiungere una storica qualificazione femminile, che pochi davano per certa. Per quanto riguarda la spada siamo di fronte ad un bivio: totale fallimento o grande traguardo. Una cosa è certa, per il momento complimenti al vice Ct che ha unito la squadra recuperandola da un periodo oscuro.
Risultati immagini per polemicheAltro aspetto poco chiaro sono i provvedimenti disciplinari. Se un soggetto è in corso in una sanzione non si capisce perché tale disposizione non venga fatta rispettare. Premesso che un tesserato è tale sia nella veste di tecnico che di atleta o dirigente, non è chiara la distinzione nell’attribuzione della penalità nel momento in cui subisce il provvedimento, cioè se la mancanza sia stata effettuata nella veste di atleta, tecnico o dirigente: un tesserato punito lo è a tutto tondo per il semplice fatto di essere un iscritto e quindi soggetto alle normative disciplinari. Pertanto in presenza di un provvedimento la sanzione punisce il soggetto nella globalità delle sue vesti e quindi interdetto da tutte le competizioni. Forse una modifica al Regolamento di Giustizia sarebbe necessaria.
Concludo rispondendo all’articolo sui numeri e non volendo citare la “Teoria del Caos”, mi sovviene che tutte le grandi dittature trovino la loro base laddove c’è da dominare una popolazione dai grandi numeri, in cui la sottomissione e l’ignoranza regnano sovrane. Verrebbe, quindi, da supporre che  i meriti dell’esponenziale numero di iscritti sia certamente da attribuire alla politica federale, ma probabilmente con un fine ben preciso e lascio all’immaginazione di chi legge quale possa essere.
L’alimento principale della politica è il consenso e avere una base larga da gestire è un punto cardine. Si pensi solo all’aumento dei Tecnici di vario livello, degli Arbitri e quindi delle Società. Sono tutti voti facilmente gestibili per un vero politico. Infatti, una base ristretta vuole risposte concrete, una base larga si accontenta del passa parola e di poco altro. Il mio pensiero è che una ampia base consenta un restringimento del vertice e quindi meno persone che contano a favore di più voti.
Queste riflessioni non vogliono avere nulla di “polemico”, ma un contributo di idee a favore di una politica più lungimirante e con meno personalismi.
Italo Rossi
 

2 commenti:

  1. E IL CT?
    Dalle foto sul web, dalle notizie e dai video è sempre più evidente che la Nazionale di Spada sia nelle mani del maestro Chiadò. Sicuramente quella maschile, come leggiamo, lo è da tempo, adesso porta anche quella femminile alla vittoria individuale proprio quando manca il CT nella trasferta di Doha. Ho smesso da giovane a credere nelle coincidenze e così come credo che nella vittoria di Navarria ci sia la "mano" del suo scomparso Maestro, così credo che i risultati nella spada avvengano quando il CT non c'è. Forse proprio non c'è feeling?
    In ogni caso sembra che la scherma abbia già scelto, in pedana, il suo futuro prossimo. Si è scritto che la Sciabola maschile abbia vinto con Tarantino a fondo pedana, la spada Maschile ha recuperato una qualifica olimpica, con Chiadò.
    Onde evitare di essere tacciati per polemici, parliamo solo di dati di fatto concreti, sono certo che ognuno ne faccia le proprie considerazioni.
    Svevo Morandi

    RispondiElimina
  2. COME VOLEVASI DIMOSTRARE

    I nostri figli scriverebbero CVD. Infatti, leggiamo gli autorizzati ad un allenamento a Formia di Spada, ma non c'è traccia dei convocati atleti e tecnici e pure le convocazioni agli interessati sono partite da tempo e ad oggi non ci si fa sapere chi sarà a spese della FIS un mese prima della prossima gara di Coppa. Sappiamo però che a poche settimane da gare di Coppa U20 ci sono alcuni autorizzati a spese proprie, i soliti, ma i richiedenti? Ci verrebbe da riflettere sul fatto che ci siano poche richieste se gli autorizzati sono i richiedenti. Ma i malpensanti potrebbero dire che alla fine facendosi tutti gli allenamenti a Formia o Napoli, la formula sancisce quello che già avveniva prima.
    Siamo comunque certi che adesso il CT potrà ritrovare quel feeling con le squadre di spada maschile e femminile che sembrava perso considerando gli ultimi risultati in sua assenza.
    Chiuderei con gli auguri di Natale, sperando che "Babbo Natale" da Modica ci porti sempre più trasparenza e chiarezza.

    Italo Rossi

    RispondiElimina