martedì 16 maggio 2017

GLI SPIFFERI DI CAGLIARI

Giorgio Scarso
La sintesi della tre giorni di Cagliari, sede di svolgimento dei Campionati Italiani Cadetti e Giovani-Trofeo ITAS, riporta le affermazioni di Scarso, il quale asserirebbe che ora si può lavorare serenamente perché con il provvedimento adottato dalla Prefettura di Roma, per il quale è stata disposta la registrazione dello Statuto nel registro delle persone giuridiche, non c’è più alcun ostacolo alla gestione federale: l’unica cosa da fare adesso è l’istituzione di un ufficio legale al fine di evitare intasamenti di carte per la segreteria federale. Affermerebbe, altresì, che tale iniziativa avrà dei costi per la F.I.S. e ne attribuirebbe la responsabilità degli oneri finanziari al gruppo di opposizione (guastatori).
In merito alle fantasiose espressioni del Presidente, semmai le abbia fatte, vale la pena sottolineare che per quanto riguarda lo Statuto, sebbene la Prefettura abbia comunicato di aver proceduto alla registrazione della normativa quadro della F.I.S., senza fornire le previste motivazioni, la questione è ancora in itinere, ovvero in alto mare, anzi in pieno oceano. Infatti, corre l’obbligo di ribadire che i ricorrenti hanno prodotto istanza di accesso agli atti della Prefettura, al fine di acquisire copia del documento di richiesta del parere all’avvocatura dello stato e del documento con il quale l’avvocatura esprime la propria opinione.

Non tutti ricordano che l’obiettivo era arrivare al TAR e che la Prefettura sarebbe stata una tappa intermedia: non sto qui a spiegare il perché di questo percorso, ma era necessario farlo. Certo non si può disconoscere che qualora il provvedimento della Prefettura fosse stato favorevole agli esponenti, ora staremmo a scrivere un’altra storia. Comunque, avute le due attestazioni, il passo successivo, già previsto, sarà quello di adire il Tribunale Amministrativo Regionale di Roma. Posso anticipare che, qualora necessario, i ricorrenti si rivolgeranno anche al Consiglio di Stato. Pertanto, ritenendo Scarso persona intelligente, queste cose le avrà immaginate e da qui nascerebbe la sua idea di istituire un Ufficio Legale in federazione. Però attribuirne le responsabilità dei costi all’opposizione, ovviamente nel caso in cui le voci che circolano siano veritiere, mi sembra una puerile scusa per giustificare i relativi costi di fronte agli affiliati. Insomma un po’ di serietà!

A Cagliari erano presenti alcuni Consiglieri, i quali, sembra abbiano cominciato a pensare al dopo Scarso. Non è dato capire se a fine mandato o legislatura durante. Gli spifferi riferiscono che autorevoli componenti la compagine del Presidente si stiano sfilando e parrebbe che addirittura aspirino alla Presidenza. Insomma una grande turbolenza in quel gruppo che, forse, avendo preso consapevolezza di un certo declino, cerca di organizzarsi per conservare la poltrona.

Oltre le questioni legali, Scarso dovrà gestire anche i suoi rampolli: ci riuscirà? Ai posteri l’ardua sentenza.
Ezio RINALDI

31 commenti:

  1. Inizio dalla fine, penso ci riuscirà, di fatto si è circondato di Consiglieri signori SI e lo sappiamo, da anni molti ex esponenti dell'esecutivo e attuali riconfermati erano critici nei confronti di alcune scelte, ma nei verbali del CF non c'è traccia del loro disappunto. Più facile che si crei una dittatura totalitaria se pensiamo che chi in questo periodo ha provato a guardarsi intorno, sarà isolato dal presidente e quindi lui sempre più al comando da solo o con gli unici certi, i dipendenti. Cosa che già avviene con l'ascesa al potere di alcuni di loro provenienti dal basso. Se fosse il ranking della FIS per alcuni di loro adesso tra i primi 10, vedremmo tra parentesi un (150) le posizioni recuperate.
    Detto questo mi fa sorridere quando leggo che Scarso avrebbe detto, adesso ci occupiamo della FIS. Quindi adesso rivedrà i calendari gare e gli orari che sempre più arricchiscono gli organizzatori e impoveriscono le famiglie? rivedrà il settore arbitrale che invade durante le decisioni degli arbitri solo per alcuni atleti? rivedrà il ruolo dell'Aims sempre più potente? creerà alternanza nei vari ruoli tecnici e chissà rivedrà le scelte 'politiche' dei CT? controllerà le spese attentamente e quindi anche come alcuni CT spendono il denaro pubblico convocando a più non posso? Eviterà il conflitto di interessi tra CT, atleti, arbitri, dirigenti? Troverà soluzioni alla disparità tra le armi adottando le percentuali invece dei numeri fissi? Ridurrà l'egemonia di pochi a favore di tanti? rivedrà le decisioni tecniche e arbitrali o del Giudice Sportivo senza far intervenire la politica? E ci sarà la trasparenza necessaria ad un Ente come la Federazione?
    Ho forti dubbi e se fosse questa la linea, lunga vita ai 'ricorrenti' se hanno stimolato tutto questo.
    Presidente credo che lo scritto di prima sia solo utopia se consideriamo che lei l'unica cosa che ha saputo dire dopo la ritrovata 'serenità' è di creare un ufficio legale che aumenterà le spese. Ironico pensare che avere un Ufficio Legale più organizzato è una ammissione di colpa, infatti, se uno fa le cose in trasparenza e senza errori, a cosa serve l'ufficio legale, basta aprire le porte degli Uffici FIS. Se si fosse fatta una Assemblea per lo Statuto non ci sarebbero stati ricorsi.Se i Bilanci fossero chiari e leggibili e presentati nei tempi ed approvati dall'Assemblea, non ci sarebbero ricorsi. Dire poi che porterà maggiori spese, significa che mette le mani avanti per approvare quello che già molti dei suoi collaboratori annunciavano e cioè un aumento della Tassa di Iscrizione alle Gare? continuare a 'pretendere' gli 80 euro per gli atleti del Circuito Europeo giovanile, quando disse che avrebbe trovato una soluzione? Certo più facile insistere a chiedere soldi alle famiglie invece di risparmiare all'interno della FIS e far anche abbassare i costi per le famiglie. Ovvio come risparmiare in FIS adesso che le spese di presidenza saranno tutte a carico della FIS? adesso che i Dipendenti al vertice del Ranking interno alla FIS viaggiano e sono presenti a tutte le gare? adesso che per non togliere un CT poco amato, un eufemismo, si devono convocare il triplo delle persone di staff per tranquillizzare l'ambiente.
    Un Pensatore

    RispondiElimina
  2. Questa idea dell'ufficio legale da da pensare. In questi anni la federazione si è sempre appoggiata ad uno studio legale specializzato in diritto sportivo che fornisce consulenza a molte federazioni, probabilmente il migliore sulla piazza. Come mai adesso questo studio non basta più? Sarà che questo studio ha rapporti pure con il coni, e quindi ha fatto sapere che non gradisce più la federazione come cliente?
    E quante cause si aspetta di subire il nostro presidentissimo per giustificare la spesa di un ufficio legale?

    RispondiElimina
  3. Accada quel che accada, anche il sole del giorno peggiore tramonta.
    Bao Huan Feng

    RispondiElimina
  4. ma come?? perché aprire un ufficio legale quando qui si trovano i migliori legali sulla Piazza con i loro pareri e per di più tutto gratisss!! che spreco di denaro pubblico, una vergogna da non credere!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente per contrastare efficacemente questa vicenda ci sarebbero voluti veri grandi avvocati sul tipo del gran maestro avv. Ernesto D'ippolito.

      Elimina
  5. L’amore fraterno è la molla principale della vita. Se lo rimuovi la macchina cade a pezzi e l’intera fabbrica si dissolve come neve al sole. L’amore fraterno ha i suoi doveri imperativi che ogni fratellanza è obbligata a compiere. Se un fratello è ingiuriato deve essere protetto; se è calunniato deve essere giustificato; se perseguitato deve essere difeso:sin tanto che è prudente farlo senza compromettere i propri interessi.

    RispondiElimina
  6. Dato che la Federazione adesso è più libera di lavorare, mi aspetto una maggiore attenzione nell'attuazione dei progetti cui sceglie di aderire. Giusto per fare un esempio,in alcune regioni la gara per la selezione regionale del torneo CONI Kinder sport 2017 è stata fissata nel bel mezzo degli esami di terza media. Dato che la Federazione, tra le opzioni possibili (nati dal 2003 al 2007), ha scelto di riservare la competizione alla categoria Ragazzi (nati 2004) che, in larga parte è, appunto, interessata agli esami, e dato che il CONI nell'ultimo anno si è particolarmente impegnato nel difficile compito di dimostrare come l'agonismo non sia inconciliabile con l'impegno scolastico, la disattenzione della federazione è davvero imperdonabile!
    Paola Puglisi

    RispondiElimina
  7. Malagò all'atto del suo nuovo insediamento ha dichiarato che sarà compito di tutti i Presidenti Federali nel prossimo futuro quello di volare alto e di evitare ogni forma di conflitto d'interesse. L'augurio, dunque, è che queste linee guide siano direttamente poste in essere con immediatezza dall'attuale governance del sistema scherma, o alternativamente efficacemente imposte con gli strumenti che il Coni avrebbe in ogni caso a sua disposizione.
    G.

    RispondiElimina
  8. Mio fratello è figlio unico!

    aaahhahahahhahhahhhahhhahhhahhhahhhahhhahhahhha! .._. SPIFF .. SPIFF ... TRONK-end

    RispondiElimina
  9. La festa dell'anonimato...ovviamente Rinaldi, lei li conosce tutti ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente, come conosco te.Se vuoi sapere chi sono comincia con la tua firma o, se vuoi, con le tue generalità.

      Elimina
  10. La questione come sinteticamente interpetata dai giornali suddisti:
    http://www.giornaleibleo.it/2017/05/il-modicano-giorgio-scarso-silurato-da-malago/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno finora aveva parlato di siluramento, ma se lo dicono in Sicilia!?

      Elimina
  11. LEI conosce me, come io conosco loro...il gioco è risolto!...non ho mica chiesto chi fossero!?!

    RispondiElimina
  12. la questione dell'anonimato è cosa grave. Infatti chi ha il coraggio di esporsi se lo può permettere, a mio modo di vedere, per due motivi:
    1^ E' talmente forte da non temere le vendette trasversali e verticali dell'attuale governo federale,
    2^ non dipende in nessun modo dall'attuale governo federale.
    In quest'ultimo caso la domanda che mi pongo è: Come mai esistono club affiliati alla federazione che non hanno nessuna interessenza con la stessa? la risposta che mi mi viene in mente è sin troppo facile:" la Federazione non si interessa affatto di quei club sapendo bene che gli stessi non sono in linea con il suo governo. A questo proposito però mi era parso di sentire, ad elezione avvenuta, che questo sarebbe stato il Presidente di tutti e quindi qualcosa non torna.
    Firmato da Un Anonimo
    che evidentemente non può permettersi di esporsi per evitare le vendette Federali

    RispondiElimina
  13. Il fatto stesso che si vogliano sapere i nomi senza leggere i contenuti, conferma che ci sia solo voglia di 'vendetta'. Qualcuno in più da non salutare, boicottare, far sparire dalle foto della FIS. Chissà forse il fatto che le foto siano sempre meno e sempre più agli stessi soggetti, dimostra che i 'nemici' su cui è caduta la proscrizione, sono ormai tanti.

    RispondiElimina
  14. Ma scusate...dove è scritto che si vogliono conoscere i nomi??...qui la fantasia vi ha offuscato il cervello e la vista!

    RispondiElimina
  15. Se questo è tutto quello che avete da scrivere, sarebbe meglio tornare all'anonimato come scusa per non pubblicare commenti inutili

    RispondiElimina
  16. Caro Ezio, da quando hai sdoganato questo Blog, aprendo le porte ai liberi pensatori, si leggono commenti di ogni colore e sapore: da quelli più ermetici a quelli filosofici, dai commenti dissociati a quelli plausibili. Tornando, però, al tema di oggi ritengo che se il gossip sul presidente fosse attendibile, il suo pensiero sarebbe indice di un vero paradosso. Mi domando, infatti, il perchè, volendosi tenere conto dei noti giuriconsulti appartenenti alla compagine presidenziale, il presidente abbia deciso di rivolgersi a dei professionisti esterni a pagamento! Ricordo infatti,(solo per fare un esempio), l'eccelsa intepretazione dell'art. 64 propalata al pubblico durante l'ultima assemblea elettiva da qualche fedelissimo della prima ora.
    Tornando, però, al giudizio sulla capacità gestionale della FIS mi preme sottolineare che il 18 giugno è il giorno stabilito dal comitato Sicilia per lo svolgimento della gara di qualificazione del Trofeo CONI "Kinder + Sport" 2017. Sennonchè era abbastanza ovvio che proprio in quella data avrebbero avuto inizio, o sarebbero proseguite, le prove degli esami di terza media per la maggior parte degli atleti interessati dalla gara; con l'ovvia conseguenza che non potranno parteciparvi. Sono certo che se quelli del comitato avessero voluto farlo apposta mai avrebbero azzeccato la data prescelta con la stessa precisione! Eppure mi sembra di ricordare che proprio nel comitato regionale sicilia opera qualche consigliere particolare del presidente. Forse farebbe meglio la Fis a trovare i fondi non solo per le consulenze legali ma anche e soprattutto per qualche seria lezione di management da dispensare ai fedelissimi più ostinati.
    A. Fileccia

    RispondiElimina
  17. Ma in Sicilia le scuole sono aperte anche di domenica? O forse quel giorno serve agli studenti per studiare e giungere ad una perfetta preparazione per gli esami di TERZA MEDIA??...che ben venga una gara di scherma la domenica prima degli esami!...almeno i nostri ragazzi si rilassano e divertono alleviando lo stress da studio ed esami. Poi se la cosa serva per polemizzare...allora scriviamo anche alla confederazione europea che organizza i campionati continentali a metà giugno! Per non parlare della Fie con i mondiali ad inizio anno scolastico...e con la Juve che gioca nei giorni feriali, con l'Inter che gioca o non gioca non se ne accorge nessuno è così via ...

    RispondiElimina
  18. E' simpatico notare come gli "amici" della FIS usino sempre più l'ironia per giustificare e commentare alcune scelte, che poco hanno dell'ironico. Una cosa è certa, per come vanno le cose gli è rimasto solo il motto 'ridiamoci sopra, ci sarebbe da piangere'.
    Ammetto allo stesso modo che c'è coerenza tra la FIS nazionale e quella della Sicilia, la totale mancanza di rispetto dei ragazzi, delle famiglie e della scuola. Se adesso si sceglie giusto il week end a cavallo degli esami di terza media, tutto l'anno si impongono gare di giovedi, o venerdì con conseguenti trasferte il giorno prima e relativi pernotti oltre alle levatacce. Ma si l'importante è che gli Hotel siano pieni e che gli Arbitri finiscano presto e stiano più giorni. Che siano assenze giustificate o meno non significa che i ragazzi non perdano spiegazioni e attirino "l'attenzione" spesso negativa degli insegnanti.
    P.S. Con quale ilarità gli amici della FIS mi risponderanno a questo quesito: cosa ci faceva un padre di una allieva a fondo pedana con tanto di accredito e lo stesso non solo non è un tecnico ma neppure un tesserato FIS. Il regolamento prevede l'accredito in FIS alcuni giorni prima e addirittura la tuta sociale. Da un video su Facebook notiamo il compiacente genitore in giacca senza alcun titolo seguire nel 'recinto' la figlia. Sono certo che anche in questo caso sia colpa dei 'guastatori' che fanno i ricorsi e quindi spazio all'autogestione, direbbero i nostri figli.
    il Peplesso

    RispondiElimina
  19. Mio caro Persempreanonimo, verosimilmente lei non ha considerato che il 18 giugno è esattamente in mezzo agli esami e non all’inizio; che una gara non è mai rilassante ma richiede una preparazione e comporta una buona dose di stress; che il palazzetto di Santa Venerina è un forno in pieno inverno, figuriamoci poi a giugno; che alle gare spesso ci si fa male e se, come è accaduto di recente, alla gara ti rompi un dito gli scritti non li puoi più fare. Ma forse la federazione ha intenzione di supplire anche lo Stato e mettersi a rilasciare i diplomi di licenza media oltre a quelli di tecnico.
    A. Fileccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dott. Fileccia se ne faccia una ragione! Per gli italiani è più importante sapere di avere vinto 28 medaglie alle olimpiadi piuttosto che essere cittadini del 2° paese al mondo per obesità infantile.
      La verità è che il CONI avrebbe dovuto essere dismesso dopo la seconda guerra mondiale ma la Democrazia Cristiana avvertì con anticipo le grandi potenzialità che celava sul terreno di raccolta del consenso politico. Oramai il mondo dello sport nostrano è definitivamente ostaggio della decadenza politica e culturale del nostro paese, peraltro incrementatasi nell’ultimo ventennio. I paesi anglosassoni, invece, continuano a fondare la loro esistenza sul binomio sport-cultura e non è un caso che i migliori campioni vengano fuori dalle migliori università. Non credo che per l’Italia si possa dire lo stesso.

      Elimina
    2. http://www.iene.mediaset.it/puntate/2017/05/17/toffa-studia-alla-buona-gli-danno-la-poltrona_11248.shtml

      aahahhahhhahhahhhahhhahhhahhhahhhahhhahhahhah I have no dream!..ma me piace o' pilu!

      Elimina
    3. un precedente interessante: Crisci potrebbe dirigere il nuovo ufficio legale

      Elimina
  20. Capisco che l'istruzione non è la priorità per la federazione e che nessuna critica è mai la benvenuta, però vorrei chiedere all'Anonimo quanti ragazzi conosce che fanno gli esami di terza media quest’anno e giocano nell'Inter e nella Juve o partecipano ai mondiali fie.

    RispondiElimina
  21. E' necessario mantenere una venerazione per coloro che ci governano ad ogni livello: dalla politica allo sport. Questo blog disturba la tranquillità pubblica divenedo strumento di complotti e cospirazioni contro la pace e l’ordine della nazione e contro il governo federale sotto cui si vive e si è protetti. Ogni affiliato deve essere un uomo pacifico e deve praticare in pubblico le lezioni di sottomissione, calma, ed obbedienza che gli vengono insegnate fin da bambino. La distruzione dell’ordine è peccato grave.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Disturbo? No no...anzi, direi divertente...siamo in tanti a convincerci che attualmente non c'è nessuna alternativa valida, continuate pure...divertentissimo!

      Elimina
    2. Mio caro, al momento nessuno parla di alternativa, anche se molti del gruppo Scarso si stanno agitando, bensì di legalità e parliamo sempre di statuto. Nonostante il provvedimento della Prefettura di Roma, ritengo le modifiche effettuate non legali: ma è un mio parere. Quando tutta la questione avrà fine allora potremo parlare di alternativa ed in quel momento ci saranno tante sorprese.

      Elimina
    3. Ma questo che è l'aggiornamento dell'art. 1 dello statuto o la correzione di refusi del codice etico? Mò, comunque, ne prendo nota.
      (Ma l'Agenda del presidente è oggetto di un cyber attacco "Wannacry"? La pagina è in crack da un pò di tempo.)

      Elimina
  22. Carissimo Rinaldi, non disperda oltre le sue energie per rispondere a vacui interlocutori. E' già abbastanza aver dato spazio al loro semplicissimo pensiero. Si ricordi che il brusio di fondo non è mai saggezza e quanti ostentano meriti propri o altrui qualche volta possono gioire della soddisfazione di aver ingannato ma, alla fine, la loro vanità sarà smascherata.

    RispondiElimina