giovedì 12 dicembre 2013

BILANCIO DEL 2013

Il 2013 sta concludendo il suo percorso: sta arrivando alla fine, quindi è tempo di bilanci. Sono trascorsi 12 mesi dalla plebiscitaria rielezione di Giorgio SCARSO alla guida della Federazione Italiana Scherma ed in questo periodo molte cose sono accadute, quasi tutte positive. Il Presidente sicuramente farà un bilancio più dettagliato di questi ultimi 12 mesi, io mi limito a quelli, per me, più significativi.

Egli ha portato la FIS ai massimi livelli politici nazionali ed internazionali, infatti è stata riconfermata all’Italia la carica di Vice Presidente della FIE e, cosa ancor più importante, è stata ottenuta la Vice Presidenza vicaria del CONI. Inutile nasconderlo, risultati che non si vedevano dai tempi di NOSTINI. A questo si aggiunga che Giampiero PASTORE lavora alla Preparazione Olimpica del CONI mentre in tutte le Commissioni della FIE vi è un rappresentante Italiano. E’ fresca la notizia dell’inserimento nelle commissioni della Confederazione Europea di Scherma di 7 rappresentanti italiani. Che dire? Onore al merito ed in bocca al lupo ai neo commissari.
La FIS e per essa SCARSO ha sottoscritto diversi accordi di collaborazione con vari comuni interessati a una cooperazione con la nostra Federazione: gli ultimi in ordine di tempo sono stati i comuni di ARICCIA, FORMIA, MEZZANA e LA VAL DI SOLE.
Sono stati festeggiati a Roma i 10 anni di vita della Confederazione dei Paesi del Mediterraneo, Associazione nata da una idea del Presidente FIS, nel quadro di una sempre più stretta amicizia e supporto con detti paesi.
I risultati nelle massime competizioni internazionali sono stati  altalenanti nel senso che ad alcune positive e prestigiose conferme si sono contrapposte delle negatività. Essendo io un ottimista ritengo che presto tutto il settore tecnico sarà sullo stesso livello di positività. D’altra parte le scelte del Presidente impongono il massimo impegno di tutti i settori, in particolar modo di quelli che hanno ottenuto una riconferma ed una fiducia a fronte di una latitanza non già di eccellenze ma semplicemente di risultati accettabili. Al di la dei nostri convincimenti, ritengo che tutti insieme dobbiamo cercare di aiutare il movimento evitando polemiche dannose, soprattutto perché  La FIE (Federazione Internazionale di Scherma) ha deciso che nei Giochi Olimpici del 2016 di Rio de Janeiro non ci saranno le prove a squadre del fioretto femminile e della sciabola maschile.

Causa la consueta rotazione quadriennale, dovranno fermarsi proprio le due squadre azzurre medagliate, il Dream Team del fioretto (oro a Londra), e il quartetto capitanato da Montano (bronzo). La decisione non è ancora ufficiale, ma non si nutrono molte speranze per un ripensamento. Pertanto abbiamo il dovere di stringerci attorno ai nostri atleti e tecnici, ivi compresi i Commissari. Conseguentemente il mio più sincero e convinto in bocca al lupo va alla spada ed esprimo la mia solidarietà alla sciabola maschile ed al fioretto femminile, certo che SCARSO porrà in essere ogni azione possibile per evitare in futuro queste stupide penalizzazioni, vittime del business connesso alle Olimpiadi.
Ho potuto notare che la base è assai sensibile alle notizie inerenti il settore tecnico, infatti un articolo tra i più letti riguardava proprio questo ambito. Mi auguro, ma lo auguro soprattutto ai vari operatori ed al Presidente in particolare, che le scelte operate si rivelino giuste e quindi foriere di notizie positive e conseguentemente di risultati all’altezza del prestigio della nostra Federazione.
Per quanto riguarda il Blog sono molto soddisfatto del successo ottenuto. I quasi 40.000 contatti in meno di 2 anni testimoniano la bontà del lavoro svolto. Ha rappresentato, rappresenta e rappresenterà la voce chiara e cristallina della base. Non sto scrivendo corbellerie perché quando alcuni articoli sono letti oltre 600 volte vuol dire che la gente manifesta interesse a conoscere e poco importa se ci sono stati pochi commenti, sia positivi che negativi. In tal senso mi rifaccio ad un proverbio: “Chi tace acconsente”. Ciò significa che i miei scritti sono stati, per la maggior parte, condivisi.
Sono stati trattati i più disparati argomenti, sono state segnalate situazioni anomale, sono state riportate situazioni di disagio: credo sia stato dato un contributo a migliorare il nostro movimento e questa è la strada che continuerò a percorrere per il futuro, nella certezza che altri vorranno esporre le proprie idee, contribuendo sempre più al consolidamento di un dialogo propositivo, che potrà solo far bene al nostro movimento. Questo il grafico delle letture:
Italia
33687
Stati Uniti
1383
Giappone
747
Germania
681
Federazione Russa
488
Svizzera
259
Regno Unito
216
Francia
150
Ucraina
79
Ungheria
71

L’analisi riporta i primi 10 paesi della classifica per letture.
Colgo l'occasione per annunciare la rinascita di "Schermaonline.it": il sito sarà operativo nel 2014.
Mi è grato ringraziare quanti hanno voluto sostenermi in questa avventura: non li cito tutti per non fare torto a nessuno, ma coloro chi mi sono stati vicino sanno che mi rivolgo a loro.
Ezio RINALDI

 

Nessun commento:

Posta un commento