mercoledì 25 aprile 2012

IL NONNISMO


Ritengo doveroso dare un contributo di pensiero sul fenomeno in argomento (e chi vuole intendere intenda).

La letteratura  sul fenomeno del nonnismo è particolarmente ricca e per esporla tutta ci vorrebbero pagine e pagine, quindi cercherò, per quanto possibile, di enunciare il mio pensiero in forma molto sintetica ma al tempo stesso chiaro ed efficace: spero di riuscirci.

Nell’arco della mia carriera militare ho avuto il privilegio e la fortuna di frequentare Seminari e corsi sul problema, trattando il “disadattamento giovanile –cause, effetti ed azioni di supporto psicologico e prevenzione”.

Intanto chiariamo cos’è il nonnismo: esso è  un insieme di prove dolorose e di pratiche ritualizzate, destinate a simboleggiare l’integrazione di un individuo in un gruppo sociale particolare che può essere studentesco, militare, professionistico, sportivo. Si parte da semplici atti di superiorità insulti pesanti, scherzi balordi e insensati  fino ad atti di gravità maggiore: furto, disturbo costante psicofisico  della “vittima”, atti di devastazione, persecuzione, atti denigratori e razzisti verso la vittima. Detto fenomeno, come si può capire avviene in gruppi strutturati (nell’abito sportivo negli allenamenti collegiali) in cui un elemento – “il nonno” – si identifica nel più anziano, il quale è in contrapposizione al “nipote”, cioè al novizio. Il fenomeno è ufficialmente vietato e scoraggiato, cionondimeno è stato sempre minimizzato e considerato parte del processo formativo del giovane (ERRORE!!!)

I nostri giovani, in età adolescenziale, hanno bisogno d modelli positivi, non tanto per emularli ma per comprendere il senso della vita e per prendere coscienza di cosa potrebbero divenire seguendo le proprie attitudini, con sforzo ed abnegazione: I modelli positivi sono in genere rappresentati da letterati, matematici, fisici,, medici, giuristi, pensatori e certamente anche dagli esponenti più rappresentativi dello specifico sport.

Bisogna togliersi dalla testa  che “il nonnismo è l’esuberanza giovanile”, ciò banalizzerebbe il fenomeno e lo ridurrebbe a valutazioni semplicistiche che ne minimizzerebbero la portata. Per cogliere la complessità del fenomeno è necessario avvicinarsi a problema con delle conoscenze di base: tra queste la psicologia  dell’età evolutiva.

 Mi accorgo di addentrarmi nei meandri di materie che non posso trattare in poche righe, quindi vado sull’esperienza professionale. Ad un certo punto della mia carriera, fui chiamato a Comandare la Compagnia Comando e Servizi del mio Reparto, incarico che non mi competeva poiché la mia carriera era di tipo amministrativo. In tale Compagnia generalmente confluivano i soldati destinati ai servizi di caserma ed il loro livello istruttivo culturale era appena sopra l’alfabetismo: gente abituata, nell’ambito civile, ad una serrata lotta contro la società : rapine, violenze, estorsioni etc.etc.. Pertanto gli atti di nonnismo erano all’ordine del giorno. La prima azione fu quella di presentarmi alla Compagnia con una adunata generale, successivamente cominciai a chiamare a rapporto tutti i soldati, uno per uno, cercando di capire il loro retroterra: situazione familiare e sociale. Fatto ciò posi in essere una costante azione di controllo unita ad una ristrutturazione delle camerate e dei servizi igienici al fine di consentire loro di vivere in un ambiente igienicamente sano; disciplinai la concessione di permessi serali secondo una meritocrazia: eliminai il nepotismo ed il clientelismo. I ragazzi  avevano percepito che esisteva un Comandante che guardava tutti con lo stesso occhio e dopo 4 mesi di azione di comando non si verificarono più atti di nonnismo e gli armadietti potevano essere lasciati senza lucchetto perché nessuno toccava niente. Si badi bene non avevo fatto niente di eccezionale ma semplicemente un costante lavoro giornaliero.

In  conclusione, per conoscere, comprendere e per poter incidere significativamente sul fenomeno del nonnismo sono necessarie esperienze e conoscenze dirette che nessun “esperto”  possiede, soprattutto se l’esperto non vive e lavora all’interno del gruppo. A mio avviso per combattere il fenomeno all’interno di un gruppo, non è necessario affidarsi ad esperti esterni, bensì è fondamentale coinvolgere pienamente chi vive e lavora con i ragazzi. Pertanto, nel caso di un allenamento collegiale, la presenza di Campioni, del recente passato, che con la loro esperienza possono rappresentare quel modello positivo a cui i giovani atleti dovrebbero ispirarsi, sarebbe di notevole aiuto. Questi Campioni dovrebbero seguire gli atleti stando con loro e trasmettendogli quei valori che, molto probabilmente, ogni singolo atleta ha ma che in gruppo perde. Un cane randagio da solo ha paura, in gruppo si scatena diventando molto aggressivo: recenti episodi ce lo dimostrano. A questo punto il capo branco non può e non deve essere uno del gruppo, ma il grande Campione. Un’altra cosa: spesso dopo un azione di nonnismo si tende a minimizzare cercando di far presentare le scuse per l’atto commesso, ma queste non servono se non segue il convincimento da parte dell’autore che quanto ha fatto è sbagliato. Vale la pena, qualche volta, di fare riferimento anche a proverbi che i nostri avi ci hanno tramandato e ce n’é uno napoletano che recita :”Mazz e panell fann i figli bell, pane e senza mazz fann i figli pazz”. Forse ai tempi d’oggi questo proverbio non si attaglia, ma qualche volta provare non fa male, soprattutto quando si deve gestire un gruppo.

Non c’è nulla a questo mondo che valga più della dignità. Affrontare la vita a testa alta, anche passando momenti di ristrettezze, di sconforto e anche subendo molte sconfitte, è il modo migliore per crescere, irrobustirsi ed in sostanza vivere una lunga e fruttuosa vita.

Ezio RINALDI

4 commenti:

  1. gentilissimo consigliere
    condivido pienamente il Suo articolo, se c'è la volontà e un minimo di impegno qualsiasi episodio di nonnismo viene debellato sul nascere con estrema facilità. Spero che il Suo sia solo un contributo di pensiero e che non faccia riferimento a episodi di nonnismo avvenuti in ambito federale e/o a danno di "minorenni"....sarebbe veramente penoso se la federazione, i maestri e l'intero movimento sportivo coprissero o solo sminuissero tali comportamenti.
    A proposito,se la memoria non mi inganna qualche anno fà in ambito raduno federale non si sono verificati altri episodi di nonnismo o glogliardici inducendo la federazione a prendere una posizione ?
    Ci può rassicurare che tali episodi non siano ritornati d'attualità nei raduni federali?
    con stima
    Antonio Cataldi

    RispondiElimina
  2. Oggi mi sono scatenato, è il terzo post che scrivo su questo blog. Sull'argomento: Ho avuto il piacere di essere presente, per caso, ad un collegiale under 20 dove i/le "nonni/e" hanno imposto che le matricole potevano essere sottoposte soltanto a prove che non toccassero le tasche(quindi nessuna richiesta di soldi) e la DIGNITA'. Credo che questo dica tutto. Forse quei/lle "nonni/e". Forse qualcuno/a di quei/lle "nonni/e" non sono diventati/e dei/lle fuoriclasse ma sicuramente sono cresciute, in ogni senso, come brave persone e questo è forse più importante di qualsiasi medaglia.Ad maiora.

    Alan Ford
    (Qualcuno ricorda la "palestra dell'ardimento di Alan Ford disegnato da Magnus Bunker?)

    RispondiElimina
  3. gentilissimo alan ford
    nel mio commento facevo riferimento a fatti ben più gravi di quelli cui Lei fa riferimento nel suo post, avvenuti in un ritiro federale maggiore , se non erro di fioretto maschile.
    Il rischio delle cd "gogliardate" è quello che si possano trasformare in comportamenti pesanti per chi le subisce e che dovrebbero , secondo me, essere debellate con tempestività sul nascere.
    Speriamo che non si ripresentino tali situazioni che potrebbero creare un forte imbarazzo agli Organi Federali preposti.
    Antonio Cataldi

    RispondiElimina
  4. Mi congratulo con il sig. Rinaldi per aver scritto un post su questo argomento che riguarda un fenomeno che per sua natura tende ad essere nascosto. Infatti chi pratica il nonnismo tende a farlo in luoghi dove la vittima non sia esposta al pubblico, perchè costoro sanno che stanno facendo qualcosa di scorretto e, vigliaccamente, non vogliono essere scoperti.
    Gentilissimo signor Cataldi, il sottoscritto ha subìto e visto subire il nonnismo durante due ritiri degli azzurrini, nel 1988 e nel 1990. Le confermo che i fenomeni investivano esattamente dei minorenni. L'anno scorso ho scritto alla Federazione per far presente di monitorare il fenomeno. In seguito ha saputo da altre fonti che ancora nel 2011 sono avvenuti fenomeni di bullismo nell'ambito di questi ritiri.
    Per quanto riguarda Alan Ford, uno che vive dentro un fumetto non meriterebbe neanche una risposta. Ma come si fa ad "imporre" delle prove che non tocchino la dignità ???! Se sono "imposte" è difficile che non lo facciano. Hanno per caso steso un manuale che stabilisse quando la dignità era lesa e quando no? Forse decidono i "nonni/e" cosa sia la dignità degli altri? (più probabile). E sarebbero "cresciuti come delle brave persone" perchè hanno imposto delle prove ai più giovani, ma "senza chiedere i soldi nè ledere la dignità?" Boh. Io so solo che quando ho subito certi atti guardavo come queste persone ne godessero e pensavo: possibile che sia così idiota ? Forse è malato di sadismo? In ogni caso sta copiando qualcosa che hanno fatto a lui, perciò è un debole perchè sta emulando il comportamento di altri che lo hanno influenzato.

    RispondiElimina