mercoledì 22 aprile 2020

GOVERNO ED OPPOSIZIONE

Il nostro vivere quotidiano è regolato da Amministratori vari, dal Governo Italiano all’amministratore condominiale. Ora, chi governa o amministra ha compiti importanti e di responsabilità poiché deve disciplinare ed assicurare una esistenza consona ad ogni essere vivente.
Il Governo Italiano fa parte dell’organizzazione dello Stato; è complesso perché è formato da forze politiche che compongono la maggioranza in Parlamento. La sua attività si articola in due momenti essenziali: scelte politiche e pratica di attuazione o esecuzione delle decisioni parlamentari. Esso, quindi, concorre con il parlamento a definire l’indirizzo politico/amministrativo del paese, individuando le scelte da compiere ed il modo per realizzarle.
Abbiamo parlato di maggioranza parlamentare, quindi esiste una minoranza, che è formata da quei partiti che, pur molto differenti tra loro per provenienza cultura e storia, oppongono, nei paesi democratici, all’azione governativa le loro idee ed un controllo sulle sue scelte.
Quindi è corretto affermare che paesi a carattere democratico siano amministrati da una maggioranza, la quale deve confrontarsi in parlamento con una minoranza, il cui compito, come dianzi espresso, è essenzialmente controllare le scelte governative, cercando di realizzare una opposizione costruttiva, nell’interesse generale del paese. Spesso però chi governa addebita la responsabilità dei propri insuccessi o l’adozione di provvedimenti controversi, che possano favorire questo o quello del proprio partito e della coalizione che lo sostiene, alla opposizione, dimostrando, così, la propria debolezza intellettuale e politica.
Vi chiederete dove voglia andare a parare, è presto detto. La nostra Federazione (Paese) ha un suo Governo (Consiglio Direttivo) eletto dai suoi affiliati e tesserati. Le ultime due elezioni hanno visto il successo del Presidente in carica con una larghissima maggioranza dei presenti. Larghissima non vuol dire totalità, il che sta a significare che una parte, sia pure di dimensioni ridotte, ha espresso la propria opinione, in difformità dalla maggioranza dei votanti. Pertanto, è sempre corretto affermare che quella minoranza possa essere identificata in una opposizione al Governo federale? Certamente si. Ciò non autorizza nessuno a supporre che il gruppo minoritario sia compatto, ovvero facente parte dello stesso partito. E’ più realistico ipotizzare che in esso convivano anime eterogenee, distinte nella loro opposizione.
Mentre la politica nazionale riconosce che un paese democratico abbia assoluto bisogno di una opposizione, senza la quale non verrebbe garantita la democrazia, il Governo federale ha molte remore a riconoscerne l’esistenza, tant’è che la sua azione è tendenzialmente protesa ad emarginarla, facendola passare come il male oscuro del movimento, in particolare riconducendo ad una sola persona i disastrosi eventi degli ultimi tempi, la quale lo avrebbe indotto a richiedere la nomina di un commissario ad acta, per rimettere a posto lo statuto, al fine di conformarlo alla legge ed alla sentenza del Consiglio di Stato, implicitamente riconoscendone l’invalidità di una parte significativa di quanto deliberato  nell’assemblea del 19 maggio 2019.
L’aver posto in chiaro che le modifiche statutarie, fatte approvare in una assemblea che definire “discutibile” è un eufemismo, non aderivano compiutamente ai dettami di leggi dello Stato e degli statuti e regolamenti del CIO e del CONI, non è stato un attentato alla azione del governo federale, bensì l’esercizio democratico di quella minoranza che ne aveva assoluto diritto.
Credo che l’opposizione, non rappresentata soltanto da "quell’uno" definito “il male oscuro” ma da persone che in passato avevano condiviso la linea politica federale, abbia semplicemente contribuito a porre in evidenza la prepotenza di una gestione non capace di ammettere che vi possa essere gente con idee e progetti validi, ma infinitamente diversi, per chiarezza ed attinenza alle sempre più pressati richieste di una base schiacciata dal peso di un governo insensibile.
L’opposizione è una rappresentanza politica che in un sistema decisionale rappresenta una parte del parlamento e assume l’impegno di una alternativa al governo in carica. Non è assolutamente detto che sia monocolore, tutt’altro. Essa, come dicevo prima, può essere eterogenea, cioè formata da diverse componenti politiche che hanno differenti visioni gestionali. Direi che nel movimento schermistico sia nata una nuova cultura nella gestione del sistema. E’ bene farsene una ragione, oggi chi è in carica, domani i nuovi possibili governanti e sarà difficile tornare indietro. Infatti, i sostenitori dell’attuale governance saranno gli oppositori di domani e sarà estremamente positiva la loro esistenza. In questo quadro, ridurre ad una sola persona l’opposizione significa non aver capito cosa sia cambiato negli ultimi tempi.
Ezio RINALDI

96 commenti:

  1. Se la fis fosse governata dal mio Stivale di Ferro tutti sarebbero eternamente felici. Non ci sarebbe l'opposizione e neppure il governo. Tutto scorrerrebbe liscio sotto lo sguardo vigile dello Stivale buono e giusto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembrano degli ottimi presupposti democratici. Però rimango dell’idea che quello stivale dovresti ficcartelo per benino dove sai tu!

      Elimina
  2. In qualunque organismo, in condominio o in federazione, l'assemblea è sovrana finchè rimane nei limiti di azione concessi dalla legge.
    L'adozione di uno statuto a larga maggioranza non vuol dire che lo statuto sia legale infatti la stragrande maggioranza dei votanti non ha le competenze per discernere se un provvedimento sia compatibile con l'ordinamento giuridico, aver di fatto impedito all'opposizione di parlare ha impedito che i votanti potessero porsi il dubbio.
    Il risultato è uno statuto in larga parte in contrasto con la legge e quindi invalido come dimostra la richiesta di nomina del commissario ad acta.
    Si noti che benchè la richiesta del commissario ad acta nasca nell'ambito del contenzioso con l'Accademia Nazionale di Scherma il mandato non riguarda solo la parte degli esami e dei rapporti con l'ANS ma riguarda tutto lo statuto!
    Di fatto la vittoria schiacciante dell'Accademia di napoli in sede giudiziaria ha costretto il CF a venire a più miti consigli su tutta la linea

    RispondiElimina
  3. Ebbene sì, gli asini volano! Del resto se una schiacciante maggioranza ha votato che gli asini volano, la democrazia ha deciso: per statuto gli asini volano. Com’è bello e divertente vedere tutti questi asini che volano nel cielo e potremmo andare avanti a ripetere all’infinito questo medesimo concetto nell’intento d convincere i più sulla veridicità della strampalata teoria degli asini che volano, e con la certezza che, alla fine, la maggioranza finirebbe col crederci davvero.
    Pertanto vi supplico, vi imploro: smettete di ripetere questa storiella della maggioranza onnipotente.
    Incominciamo tutti a ragionare con la nostra testa, vediamo con oggettività le comuni regoli della convivenza e apriamo il cuore alla solidarietà, perché solo così la scherma potrà superare il COVID-19.

    RispondiElimina
  4. Scusi signor Rinaldi lei sa se la trattativa tra Fis e Ans sarà trasmessa in diretta su FEDERSCHERMATV? Sarebbe molto interessante per comprendere esattamente i termini della questione.

    RispondiElimina
  5. Ritengo e non me ne vogliate, se non avete argomenti validi da porre all'attenzione, meglio astenersi.Viceversa, danneggiate il Blog e tutto il Movimento.

    RispondiElimina
  6. Rinaldi mi chiedo ma veramente credete che le iniziative della FIS o meglio del suo presidente e del suo Ct, unici veri decisionisti, siano a favore della scherma e del movimento in modo democratico? Vado esclusivamente in ordine cronologico e cioè ai famigerati corsi di aggiornamento. Quello per gli arbitri, con come docenti non tutti i membri del Gsa, ma solo pochi e ovviamente l'arbitro siculo delle olimpiadi. Ma la cosa sconvolgente è che chi vi partecipa percepisce, per ogni riunione, 120€ che poi diventano 150€ per gli arbitri Internazionali. Non oso immaginare i compensi dei docenti.
    Allo stesso modo però i Tecnici delle Armi, hanno il loro corso ma ovviamente senza compenso. Fermo restando che non comprendo le differenze, mi chiedo anche: ma gli arbitri fermi dal 9 marzo, erano in attività senza pausa e soprattutto pronti ad una serie interminabile di gare. L'attività internazionale ferma, come quella delle relative commissioni nazionali e internazionali. A cosa serve aggiornare i nostri arbitri? Quindi devo pensare che alle gare vengono senza conoscere le novità regolamentari o lo stesso regolamento? Inoltre, in tutte le professioni l'aggiornamento è a carico del professionista anche perché il suo aggiornamento lo rende più efficiente e quindi con maggiore offerta per il suo operato. Qui poi c'è la contraddizione classica del emerito presidente: dice che nella Federazione scherma non ci sono professionisti ma dilettanti. Vale per gli atleti, i tecnici e gli arbitri. Quindi perchè trattare gli arbitri come professionisti pagandoli per frequentare dei corsi di aggiornamento? Devo pensare che qualcuno abbia esagerato nei rapporti diretti e privilegiati con gli arbitri da garantirgli un tot di gare all'anno e quindi di fatto garantirgli uno stipendio? non volgio pensare questo!
    Ma nella massima libertà del Consiglio Federale di spendere i soldi destinabili alle società, come crede. Ma perché non rispettare anche l'aggiornamento dei Tecnici delle Armi e quindi prevedere anche per loro il compenso? Perché poi non considerare che anche i Tecnici debbano aggiornarsi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente quando si fanno domande serie, nessuno risponde mai.

      Elimina
    2. Ovviamente quando si riportano cose inesatte, è inutile anche prenderti in considerazione .

      Elimina
    3. Ovviamente le risposte sono sempre polemiche e mai costruttive, caro Anonimo delle 01.14. Dove sarebbero le inesattezze? Nega che gli arbitri, così come annunciato da Scarso nel primo comunicato, abbiano soldi per ogni incontro? Neghi che alle altre categorie non andrà niente? Impara sempre a motivare altrimenti non sei credibile.

      Elimina
    4. Ascolta, deficiente del 25 aprile delle 9.41, la mia non è una risposta polemica perche mi pare la domanda lo sia di gran lunga. Secondo, nella tua polemica sostieni delle inesattezze che qualche tuo collega deficiente ti ha riportato. Terzo sarebbe bene che alcuni vocaboli che utilizzi, li cercassi prima sul vocabolario per capirne il significato. Ribadisco, finché fai domande, sostenendo inesattezze, avrai solo risposte “insultive”. Buona serata. Io vado, ho un corso dove mi pagano 500€ al minuto: “come insultare i deficienti!”.

      Elimina
    5. Vedo, caro anonimo delle 21.25, che la questione ti tocca e ti brucia personalmente. Come sempre quando si toccano gli interessi di pochi, in questa gestione. Oltre insultare me, continui ad accusarmi di inesattezze ma non dici quali? mi avrebbero riportato, veramente lo ho sentito con le mie orecchie del rimborso agli arbitri, come vedi vado contro i miei interessi. Quindi anche qui, dove sbaglio? smentisci con i fatti non insultando altrimenti continui a dimostrare che ho ragione. Per quanto riguarda le parole di cui non conoscerei il significato: illuminami. Anche qui insulti ma non dici niente. Forse come sempre non hai niente da dire. I fatti si smentiscono con i fatti, se insulti non fai altro che confermarli.

      Elimina
    6. Quindi? Ti è arrivata la corretta informazione?...tranquillo, capita a tutti di fare una figuraccia

      Elimina
    7. Caro amico docente degli arbitri in sicilia e in Italia, visto che ironizzi sulla informazione divulgata, perché non ci dai tu quella giusta? continui a parlare ma illuminaci sulla verità. La tua verità. O forse, per caso, butti fumo perché sai che le cose dette sono esatte e cerchi come sempre, nel tuo stile di vita e di arbitro, di metterla in caciara per nascondere le verità?
      Stai tranquillo fin quando hai nonno presidente, nessuno ti tocca. E' dopo che ti devi cercare un lavoro.

      Elimina
    8. Visto che pensi di sapere chi sono, tira su il telefono e chiamami...sarò contento di darti tutte le delucidazioni che vuoi...però ce ne vogliono almeno due...di palle

      Elimina
    9. Ma ti chiamerei se avessi qualcosa da chiederti. Non mi hai mai smentito nero su bianco o scegli tu il colore del carattere che gli Arbitri prendono 150€ internazionali e 120€ nazionali, per la sola partecipazione ad ogni giorno di corso.
      Compenso valido solo per la classe arbitrale.
      Per la cronaca gli attributi li ho e mi girano non poco a vedere sperperare i soldi senza almeno la coerenza delle scelte.

      Elimina
    10. Beh, se vuoi un esempio di sperpero basta che vai a riprendere la proposta di Italia scherma e verificare la proposta fatta per il contributo agli arbitri...e soprattuto se mi aiuti a trovare con quale scopo dovevano essere elargite quelle somme. Poi se ne hai voglia, fai un confronto e aggiungi il tuo commento . Stai sereno, non sono gli attributi a girare, probabilmente è l’unico neurone che hai in testa e sbatte nella scatola vuota

      Elimina
    11. Il mio neurone funziona benissimo anche se solo, sul tuo ego credo abbia vinto con il tuo neurone uccidendolo.
      Quello che mi basta è che ci hai messo 4 interventi per smentire ciò che hai detto nel primo e confermare che gli arbitri sono pagati. Avevi detto che dovevo informarmi bene, come vedi lo ero.
      Poi caro amico, non conosco le proposte di un gruppo che forse avrà delle persone che vogliono candidarsi. Mi interessa lo spreco attuale di denaro. Quello che il tuo nonno sta attuando.
      Capisco che per voi dipendenti acquisiti di un sistema, vi brucia. Ma dici al nonno che bastava darlo a tutte le categorie. Ancora una volta per accontentare la tua famiglia ha fatto la sua figura.

      Elimina
    12. Brucia? A chi? A me no, figurati...sti benissimo. Da ciò che scrivi mi pare bruci più a te! Secondo la tua tesi io sarei un arbitro, secondo la tua tesi prenderei 120€ a riunione...ho deciso di partecipare ad almeno 7 riunioni: 840€. Poi ti mando un regalo!

      Elimina
    13. Dai non sminuire il tuo valore, meriti di più come docente.

      Elimina
    14. Hai ragione , molto di più !

      Elimina
  7. Premiere

    https://www.youtube.com/watch?v=3HbNWY93J1M

    RispondiElimina
  8. Rinaldi Superstar dell' informazione on line. Ma quando avverrà sta trattativa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sta avvenendo ma non mi è dato conoscerne i dettagli. Quando avrò notizie le pubblicherò.

      Elimina
  9. Rinaldi ma è lei o chi per lei che fa questi video promozionali del blog?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono io, mi piacerebbe ma non sono così bravo. Colgo l'occasione per ringraziare l'autore, sperando di poterlo conoscere, se non personalmente almeno via mail.

      Elimina
  10. C'è un proverbio che dice:"SE NON VUOI CHE SI SAPPIA COSA VUOI FARE, NON LO DEVI NEANCHE PENSARE".
    Si dice e a questo punto sarà vero, che oggi ci sarà un incontro (in videoconferenza),
    tra una delegazione della FIS e una dell'Accademia, per trovare un accordo sulla eventuale collaborazione tra le parti per la questione Magistrale e rilascio diplomi, anche in relazione alla Sentenza del Consiglio di Stato.Tale Ente, giova ricordare, ha
    rigettato il ricorso della FIS, confermando nella sua interezza la sentenza del TAR del Lazio del 18.02.2019.
    Nel frattempo i due Enti si erano impegnati di comune accordo, (la FIS) a chiedere al CONI, la nomina di un Commissario ad Acta, per definire i dettagli dello Statuto FIS, mentre l'Accademia avrebbe chiesto al TAR del Lazio il rinvio del processo per l'esposto presentato a suo tempo, per la questione Statuto, cosa che sarebbe avvenuta.
    Se ci sarà volontà di collaborazione per un nuovo percorso si saprà.
    A titolo personale confermo quanto già detto in passato, e cioè che le guerre fanno solo danni e arricchiscono i cosiddetti venditori di armi, per cui auspico un accordo.
    Ci sarà senz'altro chi invece spera che tale accordo non si faccia, perché spera in un proprio tornaconto.
    Noi speriamo di conoscere il contenuto delle proposte delle parti e le decisioni prese, per poi serenamente giudicare.
    Come è dato sapere, ci sarà anche un rappresentante del CONI, quale mediatore.
    Non ci resta che aspettare.
    Auguro buon lavoro a tutti, nell'interesse della Scherma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auspico fortemente una convergenza di intenti che possa portare ad un accordo che soddisfi le parti in causa.

      Elimina
  11. Concordo pienamente con Lei Signor Rinaldi.

    Chi ci tiene veramente al bene della Federazione non può che essere d'accordo, poi

    ognuno è libero di pensare quel che vuole.

    RispondiElimina
  12. 2PREMIERE

    https://www.youtube.com/watch?v=_4R8ybH3sDY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forza ANS riprendetevi tutto ciò che è vostro e aprite la strada verso il totale rinnovamento della scherma italiana.

      Elimina
  13. Forza ANS, prenditi tutto quello che c'è da prendere e non lasciare neanche le briciole.
    Così potrai fare quello che vuoi, magari elevare anche la tassa di esami a Mille E.
    in quanto nessuno al mondo ha un'Accademia prestigiosa come la nostra.
    Forza La Ragione, Forza Fumo, Forza Basile. Voi siete il nostro futuro, la nostra democrazia, il nostro credo.
    È finita l'era dei Marescialli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giggino ti stai sbagliando sull'ANS: non è la FIS che si prende i contributi pubblici e si è fatta pagare formazione e diplomi. Non esasperare gli animi e affidati al CONI: hai fatto la tua storia.

      Elimina
  14. Signor Rinaldi difficile credere che lei non sappia nulla dei video tuttavia dall'alto della sua esperienza federale le chiediamo se ha notato anche lei che l'immagine del presidente fis è oscurata in favore del vicepresidente. E' soltanto una casualità, una trovata artistica dell'anonimo regista o dietro l'arte cinematografica si cela forse l'eloquente metafora di un imminente trapasso? Le saremmo grati di una sua risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo devo deluderti, purtroppo non conosco l'autore e devo dire che in questo momento se si astenesse da qualsiasi commento e video riguardanti me e la trattativa ANS/FIS sarebbe cosa gradita. Personalmente tengo molto a che questa vicenda trovi un lieto fine soprattutto per il superiore interesse dell'intero movimento. Come ho già scritto plaudo alla iniziativa, chiunque l'abbia posta in atto.

      Elimina
    2. Oscurata a favore di Azzi? Ma perchè Azzi è capace di oscurare qualcuno? Forse solo messo al sole può creare ombra su qualcuno ma null'altro!

      Elimina
  15. Cerchiamo di FARE CHIAREZZA!
    Come noto sin ad oggi il Consiglio Federale ha cercato di far passare un messaggio nel quale l’Accademia è l’ente che ha rotto le regole mentre Scarso and Co come agnellini nelle fauci del lupo.
    La giustizia ha detto il contrario!
    Detto ciò mentre tutti coloro che hanno auspicato una giustizia “giusta” in questa fase sono in rigoroso silenzio nell’auspicio che la trattativa sia la più serena e silenziosa possibile , ho come la sensazione alcuni Federelalisti stiano cercando di intorbidire le acque con FALSI commenti a sostegno dell’Accademia.
    Infatti avendo fatto passare il concetto che l’Accademia è il male assoluto, adesso i Federelealisti ingannevolmente inneggino all’Ente pluricentenario invocando la sua vendetta, circostanza che inevitabilmente accresce il sentimento di rigetto nei confronti dello stesso morale in questione.
    NON CADIAMO NELLA TRAPPOLA!
    L’accademia, non ha sete di vendetta, l’Accademia, per il bene comune, ha teso una mano a Scarso ed il suo consiglio, L’accademia si sta già preoccupando di trovare una soluzione per i tecnici penalizzati.

    RispondiElimina
  16. DIMISSIONI!
    Pastore, Angalani e Randazzo consiglieri legali del...........cavolo(vedi cosigli dati nella causa con l'Accademia della scherma). Campofreda quinta colonnetta (...e ho detto tutto) si dimetta , si dimetta.
    Valentina non sa provarci, poverina (il nuovo(?) che dovrebbe avanzare).
    Lauria , non ne parliamo, MAMMAMIA.
    Di Bartolomeo pensa ai guai che puoi passare nel tuo ministero(se continui ad avallare azioni illegali).
    E...quanto a ScarsAzzi se li rivotate siete solo pazzi.


    RispondiElimina
  17. Catechismo del CONI
    SEZIONE SECONDA
    «I SETTE SACRAMENTI DEL CONI»
    CAPITOLO SECONDO
    I SACRAMENTI DI GUARIGIONE
    ARTICOLO 4
    IL SACRAMENTO DEL COMMISSARIO AD ACTA I REFUSI LA PENITENZA E LA RICONCILIAZIONE
    1422« Quelli che si accostano al sacramento del commissario ad acta ricevono dalla misericordia del CONI il perdono dei refusi e insieme si riconciliano con l’Autorità di Governo, al quale hanno inflitto una ferita col refuso e che coopera alla loro conversione con il commissario, il bianchetto e l'idrossido di magnesio».
    A cura di Father Brown

    RispondiElimina
  18. Faccio riferimento all'anonimo delle 13.45 e spero abbia fatto una provazione.
    Considerato che l'Accademia é l'unico Ente riconosciuto dallo Stato a rilasciare
    diplomi per Maestro di Scherma.
    Accertato che è un Ente Autonomo, per non dire privato, che ha uno Statuto regolarmente depositato presso la Prefettura di Napoli.
    Proprio in base alla sua autonomia che gli consente di non dipendere da nessuno, se un giorno, l'Accademia decidesse di elevare a mille Euro la tassa di esami per Maestro,
    chi potrebbe impedirglielo? considerato anche che non esiste concorrenza come per legge?
    Gradirei risposte serie e ponderate e non stupidaggini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei dice minchiate. Mille euro potrebbe richiederli per la Formazione che gli compete al pari della federazione. Cosa diversa ė la certificazione ovvero l'esame per il conseguimento del titolo che non potrebbe mai costare 1000 euro.

      Elimina
    2. Le ricordo che L'Accademia è un ente MORALE senza fine di lucro. Le ho risposto!

      Elimina
    3. Guardi che "Ente Morale" ha un significato tecnico-giuridico diverso da quello che lei pensa.

      Elimina
  19. Anonimo delle ore 18.11, ho espresso con toni pacati e, soprattutto educati ciò che pensavo e non è certamente lei che me lo potrà impedire.
    Se poi me lo permette e, non me ne voglia, la "minchiata" la fatta suo padre quando pensò di metterla al mondo. Ne poteva fare a meno, mi creda.
    Per quanto riguarda invece l'anonimo delle ore 18.37, deve spiegare se non siano troppe
    anche le attuali 250 Euro per la tassa, considerato che l'Accademia da circa 20 anni non ha spese da affrontare neanche per la sede sociale,in quanto non esiste.
    L'Accademia paga soltanto le spese relative all'organizzazione degli esami.
    Se è ente MORALE senza fine di lucro, dove finisce quel fiume di soldi che incassano?
    Si legga sul sito dell'Accademia l'elenco di tutti quelli che hanno sostenuto gli esami
    compreso la scherma Storica,negli ultimi anni e poi mi farà sapere.





    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo delle 21:34 e lei forse non sa quante migliaia di euri spendono le famiglie per portare i figli alle gare nei posti più sperduti ed irraggiungibili del nostro paese. Poi però c'e Bombolone che ha ben capito come farsi rimborsare facendo la cresta ad una federazione molto distratta e poco interessata a fargli i conti in tasca.

      Elimina
    2. Anonimo delle 21.34 si faccia socio dell'accademia e potrà chiedere conto dei bilanci. Sino ad oggi ai soci è sembrato tutto regolare. Cosa diversa per LAIMS dove nell'ultima approvazione di bilancio vi sono state contestazioni

      Elimina
  20. Anonimo delle ore 21.34, è incredibile che la sua posizione coincide perfettamente con le affermazioni dei Maestri Crisci e Lauria. È uno di loro? Se lo fosse o meno, mi ricorda quante sottocommissioni venivano fatte in Accademia, su richiesta del Maestro Crisci? Quanto costavano vitto, alloggio, trasporto e diaria? Quante invece nella sessione illegittima della FIS? Quanti soldi o altri servizi fornisce la FIS all'Aims ogni anno? Grazie.

    RispondiElimina
  21. Scusate se interrompo la vostra ditriba sui mille euri ma vorrei avere un quadro più possibile aggiornato. Qualcuno mi sa dire se il M° Aspromonte è tecnico di scherma con titolo valido o meno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sig. Aspromonte non è maestro in quanto non ha conseguito un titolo valido.

      Elimina
  22. Il consiglio federale ha perso. Evviva il consiglio federale.

    Ciò che sorprende non è la pervicacia di Scarso (giunto alla fine della propria parabola politica), né di altri anonimi consiglieri.
    Ciò che sbigottisce è il comportamento dei consiglieri ex tiratori.
    Tutti cresciuti sportivamente grazie a Maestri formati e diplomati dall’ANS, hanno perso le loro radici.
    Oggi, dopo una sconfitta così clamorosa, non hanno la forza di dimettersi.
    Ricordano quei tiratori che, eliminati al primo turno, rimangono nel palazzetto sino alla conclusione della gara, sperando di essere confusi con i vincitori.

    Mitya

    RispondiElimina
  23. Saremmo interessati a capire come l'AIMS spende tutti quei bei quattrini che gli dà Scarso perchè ancora non l'abbiamo capito molto bene.

    RispondiElimina
  24. METAFORE
    Quando la testa di Bombolone sarà schiacciata dal nobile Stivale di Ferro allora la pace regnererà in tutto l'impero.

    RispondiElimina
  25. Anonimo delle 22.49, se vuoi sapere come l'AIMS ha speso tutti quei "bei quattrini"
    che gli ha dato Scarso (volevi dire FIS?), basta chiedere il relativo consuntivo che ogni anno l'AIMS inviava alla FIS e che il Consigli Direttivo della stessa approvava
    regolarmente. Oppure rivolgiti direttamente alla Segreteria dell'AIMS. No problem.
    Se poi non riesci a capirlo ancora vorrà dire che sei di coccio, oltre che in malafede
    Ma visto che sei così curioso, e stiamo parlando delle somme incassate dalla Accademia
    prova a chiedere i consuntivi di quell'Ente, perché alcuni soci, tra i quali Cuomo e
    Campofreda non ci sono riusciti. Quei consuntivi sono tabù.
    Per quanto riguarda gli eventuali titoli irregolari,visto che sei curioso, chiedi ad
    Arpino come ha fatto ha sostenere un solo esame per diventare Maestro.
    A questo punto non fare il codardo e vai fino in fondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dire minchiate perchè se Cuomo e Campofreda avesseroo diritto di accedere ai consuntivi potrebberoo rivolgersi ad un qulsiasi legale e li otterrebbero. Se invece non hanno diritto e vogliono ficcare il naso dove non gli compete è tutta un'altra cosa.

      Elimina
    2. aahahhhahhahhahahhaa Praticamente fate tutto in casa. Io mi riferivo agli associati che dai bilanci AIMS non rilevano come vengono spesi i quattrini che l'AIMS riceve dalla fis. Se non ricordo male in un recente passato qualcuno di noi ve lo ha anche fatto notare in una fatidica assemblea ma sull'argomento è calato il silenzio.

      Elimina
    3. Anonimo delle ore 10.07, rispondo alle tue affermazioni, ritenendoti in buona fede, altrimenti non starei a perdere tempo.
      È effettivamente vero e, non c'è motivo di negarlo, che nell'assemblea ordinaria AIMS, un socio fece presente che il consuntivo presentato per l'approvazione era composto da DUE atti separati. Su uno erano riportate le entrate e uscite
      relative ai contributi ottenuti dalla FIS, per i progetti finalizzati, in un altro vi era il consuntivo delle attività proprie dell'AIMS, con i fondi della stessa. Precisando che il consuntivo relativo alla FIS era stato debitamente approvato dal CD Federale. Quindi un errore formale e non di sostanza.
      A partire dall'Assemblea del 2018 o 2019, non ricordo bene, nel consuntivo presentato in assemblea erano comprese tutte le somme in entrata (quindi anche quelle debitamente già approvate dalla FIS e quelle dell'AIMS.
      Ricordo inoltre che in previsione dell'assemblea, tutti i soci AIMS,con la convocazione, ricevono in allegato anche il consuntivo di cui trattasi.
      Infine mi permetto precisare che sull'argomento non è mai calato il silenzio.
      Se tu avessi bisogno di tale documento, anche se non fossi socio AIMS, potrai richiederlo alla Segreteria.
      Spero aver dissipato i tuoi dubbi e ti auguro buona giornata.
      Codice 54,75














      Elimina
    4. Anonimo delle ore 09.55, soltanto per precisare, che Cuomo e Campoverde ed altri richiedenti non elencati, sono regolari Soci, regolarmente in regola con le quote associative.

      Devo aggiungere altro? Fammi sapere se sei in buona fede, altrimenti lascia

      perdere.

      Spero non mi verrai a dire che in caso di diniego si rivolgessero alla

      Magistratura, in quanto la riterrei una presa in giro.

      Ti ringrazio dell'attenzione e ti auguro buona giornata.




      Elimina
    5. Anonimo delle ore 11.30, ci darebbe prova che Cuomo e Campoverde (chi è?) sono regolari Soci, regolarmente in regola con le quote associative?

      Perché per Lei rivolgersi alla

      Magistratura è una presa in giro?

      La ringrazio dell'attenzione e Le auguro buona giornata.

      Elimina
    6. Se fossi in Cuomo o Campofreda mi rivolgerei alla magistratura ordinaria per ottenere ragione e nel caso mi fosse riconosciuta chiederei a Rinaldi di darne ampia diffusione per dimostrare la malafede dell'ANS. Tutto il resto sono soltanto fandonie.

      Elimina
    7. Un uccellino riferisce che Campofreda è stato radiato dall'ANS e non è più socio da tempo non avendo mai versato la quota sociale.
      Invece Cuomo era presente all'assemblea di approvazione del bilancio ed ha avuto a disposizione il bilancio e i documenti contabili.

      Elimina
  26. Buona Festa della Liberazione.
    Da quando il Maestro Saverio Crisci ha assunto la presidenza dell'AIMS il livello di litigiosità con l'ANS è esploso. Gli argomenti maggiormente divisivi erano proprio i costi degli esami. A chi rispondeva che gli oneri degli esami potevano essere sostenuti dalla FIS piuttosto che dai candidati, il Maestro Crisci ha opposto sempre un netto rifiuto. Sono certa che il Maestro Saverio Criscio esprimerà di persona il suo pensiero o su suo incarico ci farà sapere se ha cambiato idea. In questa fase di riconciliazione nazionale, se fosse il Maestro Crisci a suggerire che la FIS sosterrà i costi degli esami, il popolo della scherma lo apprezzerebbe. Se il Presidente Giorgio Scarso adottasse questa iniziativa, sono certa che risulterebbe molto apprezzata e lascerebbe un bellissimo ricordo in un mandato governativo francamente deludente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerchiamo di fare una riflessione di quanto accaduto in AIMS: ma davvero qualcuno pensa di poter paragonare un illuminato della scherma come il Maestro Toran con Crisci? Se qualcuno ha argomenti me li spieghi perché io davvero non riesco neanche a pensarci

      Elimina
  27. Scusi Rinaldi, e la trattativa? Com'è finita? Chi sono gli interlocutori? VV sarà presente? È interessata dalle sorti del Consiglio Federale? Perché tacete?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusi Anonimo delle 10:57, il Sig. Rinaldi non fa parte né del Consiglio F.I.S. né del Consiglio A.N.S., perché dovrebbe sapere come vanno le trattative? Se le sta a cuore la trattativa lasciamo lavorare in pace i negoziatori. Se vuole contattare la rappresentante delle atlete Vezzali@hotmail.it.

      Elimina
    2. Pare che VV non sia stata presa in considerazione per condurre la trattativa. Chissà perchè?

      Elimina
  28. La voce “ufficiale” e quella “revisionista” della storiografia divulgativa sull'AIMS e sull'ANS si trovano concordi nel riconoscere che dopo la “SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO ” nulla sarà come prima.
    Ma qual è la verità? «BILANCIO AIMS» regolare? L'ANS è una congrega di parrucconi post borbonici senza sede?
    In “Tre uomini in una barca: (per tacer del cane)” di Jerome K. Jerome c’è un gustoso episodio: durante una gita in barca, tre amici si fermano ad un bar, alle cui parete era appesa una teca con una bella trota che pareva imbalsamata. Ogni avventore che entra, racconta ai tre forestieri di aver pescato lui la trota, condendo con mille particolari il racconto della pesca. Alla fine dell’episodio, la teca cade e la trota va in mille pezzi. Era di gesso.
    Situazione più o meno simile leggendo le varie ricostruzioni della storia di quello che viene presentato come il vero scontro tra i partigiani di Crisci e quelli di Fumo. Ogni “testimone oculare” ne racconta una diversa. L'AIMS è una finta ASD cantavano i partigiani napoletani, anzi no, l'ANS è un diplomificio anacronistico, ribattono quelli del Comitato di liberazione dall'accademia nazionale. E così via.
    Ed anche sulla storia dei diplomi del 1968 e di quelli del XXI secolo se ne presenta ogni volta una versione diversa. Ha senso tutto ciò?
    La scherma non può essere governata da chi ha lo sguardo rivolto troppo spesso al passato.

    RispondiElimina
  29. Anonimo delle 15.18, sono un cultore della storia della scherma, ivi compreso i verbali relativi ad alcuni i esami dell'Accademia a partire da quello rilasciato a Napoli a PESSINA Carlo, (Titolo di Maestro di Spada e Sciabola) rilasciato il 27/12/1885.
    Commissione:MELINA Almerico, PARISE Raffaele, DATTOLA Giovanni, PARISE Masaniello e
    LOPEZ Giuseppe.
    Ho anche qualche bando degli anni 60', per cui si potrà fare chiarezza sulla validità o meno sui titoli rilasciati nel 1968.
    Fatemi sapere cosa serve e se posso esservi utile.











    RispondiElimina
  30. Per il bilancio dell'AIMS e quello dell'Accademia perché non se ne chieda una copia a

    qualcuno che ne sia in possesso?

    Di certo quello dell'AIMS ha fatto il giro d'Italia allorquando è stata indetta

    l'Assemblea Ordinaria, quindi qualcuno ne ha copia.

    Rinaldi se ne faccia promotore.

    RispondiElimina


  31. Direttore Rinaldi, complimenti!


    Il blogspot ha superato il milione di visualizzazioni, è più seguito della TV federale, ma sopratutto ha cambiato la sua natura che il suo creatore aveva concepito.



    Da megafono di Rinaldi, PiazzaScherma è diventata la rete di intermediarî, per dare informazioni o impartire direttive, adottando per motivi di sicurezza (o censura di Rinaldi) un linguaggio cifrato, comunque criptico.



    I commenti anonimi sono il "pizzino" della rete: se li scambiano i seguaci di Crisci, di Scarso, come quelli dell'accademia, ma soprattutto non sfuggono all'occhio vigile e attento del presidente federale e dei suoi incaricati.



    L'anonimato sul blogspot per qualcuno è l'abbandono della verità, per altri della convenienza, per tutti è la prova che è l'unico strumento di politica federale accessibile a tutti.


    Questo dato ci indica la scarsa propensione democratica di chi governa la federazione e l'esperienza recente ne conferma la portata totalitaria: il procedimento disciplinare contro Michele Maffei attesta l'uso distorto della giustizia sportiva che si è piegata ai voleri dell'esecutivo.


    Altra distorsione è la concezione scarsiana del termine "politica federale": per il presidente solo chi è al governo federale può fare politica.



    Ma è una distorsione perché la politica federale deve essere fatta da tutti. Tutti i tesserati sono soggetti politici che chiamerò, in linea con l'articolo del direttore, governo e filogovernativi da una parte e opposizione e suoi sostenitori dall'altra, nonché i non schierati che hanno però le loro idee sulla scherma.


    Il direttore è stato l'ultimo oppositore nel consiglio federale: dal 2012 la federazione vede un'opposizione extraconsiliare, con tutti i limiti che ne derivano: assenza nei processi decisionali, accesso negato agli atti federali, mancanza di controllo diretto e sincrono sulle scelte governative.


    Questi limiti di democrazia sono le priorità della politica federale, non le lotte tra Aims, Ans e consiglio federale sui diplomi.

    Direttore cosa ne pensa?


    RispondiElimina
  32. Anonimo delle 15.28, se ha dei dubbi su un qualsiasi rilascio di diplomi, perché non

    si rivolge all'anonimo delle ore 17.28, il quale afferma di avere quasi un Archivio in

    suo possesso.

    Se si astiene dal farlo, dimostra, come spesso accade che lei è il classico personaggio

    che per abitudine, usa buttare il sasso e nascondere la mano.

    Si faccia sentire, suvvia, un po' di coraggio, tanto lei non si espone avvalendosi dello

    anonimato. Viceversa fa la figura del "PIRLA".




    RispondiElimina
  33. Anonimo delle 06.34 del 25 Aprile, Lei si sveglia di buon mattino, nella giornata solenne della Liberazione, per affermare:"COSA DIVERSA PER L'A.I.M.S. DOVE NELL'ULTIMA APPROVAZIONE DI BILANCIO VI SONO STATE CONTESTAZIONI".
    Ero anch'io presente e, tanti altri, a quella Assemblea, per cui mi limito soltanto a dire che lei non dice il vero. Per quale motivo?
    Al di là delle proprie convinzioni di appartenenza, ritengo sia "sconveniente" il suo comportamento.
    Penso non dover aggiungere altro.




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero presente anche io e continuò ad affermare ciò che ho detto. Se vuole aggiungo un ulteriore elemento. Uno dei consiglieri si è adoperato per "addomesticare" i contrari garantendo una maggiore trasparenza negli anni a venire. In questo modo il bilancio è stato approvato. Auguri a tutti noi per una pronta liberazione

      Elimina
  34. In questi giorni si sente parlare di "SALOTTO DEI MAESTRI", ci troviamo di fronte al paradosso di un salotto certamente di qualità, per fortuna, manca però la sede degna del
    cosiddetto salotto.
    Ora io mi chiedo, senza polemica alcuna, è mai possibile che tra gli illustri personaggi
    che guidano l'Accademia, non vi sia qualcuno che sia dia da fare, anche presso il Comune
    per risolvere l'annoso problema?
    Risulta che il comune di Napoli sia tutt'ora, proprietario di idonei locali di prestigio che potrebbe dare addirittura in comodato. E allora? Mi spiegate questo grande mistero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto il suo accaldato appello per una sede DEGNA del salotto magistrale: mi sono commosso per la sua sensibilità. Le chiedo di intervenire presso ogni Autorità per risolvere la questione che lei ha ricordato in modo DEGNO. Io mi uniró.

      Elimina
  35. Anonimo provocatore delle ore 13.49, sto al gioco e le rispondo, dando comunque una idea percorribile, in quanto la mia proposta era concreta.
    Il Signor Sindaco di Napoli De Magistris, è un Magistrato prestato alla politica. Quindi, comunque, collega del dottor. Fumo, vicepresidente dell'Accademia di Napoli. Che senso avrebbe, soprattutto per la credibilità della richiesta che un tizio, non Napoletano e lontano da quella città centinaia di chilometri, perorare tale causa in nome è per conto dell'Accademia? In un ipotesi tutta da verificare e soprattutto sostenibile, che possibilità di successo potrebbe avere?
    La sua è una battuta concepita male e arrivata peggio, per cui la invito a ritirare la provocazionee e a lasciar perdere.


















    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Il Signor Sindaco di Napoli De Magistris, è un Magistrato prestato alla politica. Quindi, comunque, collega del dottor. Fumo, vicepresidente dell'Accademia di Napoli" questo processo mentale proprio non lo condivido! Aborro ogni tendenza di un settore professionale all'affermazione esclusivistica di propri interessi o privilegi. Anonimo delle delle ore 15.59 non ci siamo. Credo che anche il Dr. Fumo non sia affatto d'accordo con questo ragionamento. Comunque l'ex magistrato Di Pietro direbbe di questo argomento sulla sede dell'Accademia "Che c'azzecca con l'articolo GOVERNO ED OPPOSIZIONE?"

      Elimina
    2. Se non erro. Per dovere di cronaca De Magistriis non è più un magistrato, stando alle cronache, dal circa 12 anni a seguito di alcuni provvedimenti del CSM.

      Elimina
  36. Anonimo delle 18.10, la mia era una proposta che consentisse all'Accademia poter avere una sede, magari dignitosa.
    Si ricordi che l'ultima sede è stata in quella dello stadio Collana, abbandonato circa 18 anni orsono.
    Quindi non ne possiamo parlare in quando non è in tema?
    Mi vuole dire quanti interventi son rimasti nel tema da quando esiste il Blog di Rinaldi?
    Parla anche di interessi e privilegi, ma che "ciazzeccano" e qui il riferimento a Di Pietro può starci.
    Concludo ammettendo che non ciò capito un bel niente del suo aggrovigliato e addottorato
    ragionamento.
    Per caso, il suo è uno scritto cifrato?





    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quante cose sa questo anonimo.

      Elimina
  37. Signor anonimo delle 12.48 visto che Lei è a conoscenza di locali idonei che il comune potrebbe dare in comodato li segnali all'ANS così ne potranno fare richiesta, o forse la Sua solo una bufala?

    RispondiElimina
  38. Signor anonimo, lei che si lamenta del fuori tema degli altri, poi ne fa abuso e

    sorpruso. Bella coerenza.

    Tra l'altro è così scoordinato e sconclusionato nei suoi interventi che fa capire che

    non ha capito una beata mazza, per cui parla solo per il gusto di farlo e lo fa male.

    Lasci stare, perché certi discorsi, seppur semplici e comprensivi, non sono alla sua

    portata. Con questo passo e chiudo.


    RispondiElimina
  39. amenta, per chi non si accontenta

    RispondiElimina
  40. Signor anonimo so tutto io, oggi si potrà tornare a giocare in tabaccheria al 10eLotto, Million Day, Winforlife e Vincicasa. Sono graditi numeri vincenti su cui scommettere.
    Bombolone ludopatico.

    RispondiElimina
  41. Sicuro che sia lo stesso anonimo?

    RispondiElimina
  42. La fine della carriera politica del Signor C e la vicenda delle stanze a viale Tiziano. Chi inizia?

    RispondiElimina






















  43. La sconfitta al consiglio di stato è colpa del vertice fis o aims? Non mi vergogno di dire: anzi ne sono orgoglioso, ero all’assemblea aims quando il vertice affermò che l’intervento sull’accademia si era reso necessario per gravi irregolarità accertate.
































    RispondiElimina
  44. Sono circa CINQUE anni, se ricordo bene, che si parla dei locali di Viale Tiziano. Il tutto da quando si è incominciato a parlare del rilascio di alcuni Diplomi irregolari
    da parte dell'Accademia di Napoli, tra i quelli rilasciati al Presidente Pasquale La Ragione (Maestro di Scherma Storica ed Olimpica, Honoris Causa). Sarà una
    coincidenza?
    Per quanto riguarda i locali di Viale Tiziano, proprio su questo Blog, qualcuno forse
    bene informato, riferiva che alla fine dell'anno scorso, c'erano stati opportuni controlli da parte del Ministero. Ad oggi nulla è successo ancora. Se la posizione dell'AIMS risultasse irregolare è giusto che vadano via.
    Per quanto riguarda invece la fine della carriera politica del Maestro Crisci, che stimo a prescindere, voglio soltanto ricordare che da quando è Presidente, fa tutto gratuitamente, compreso le cosiddette spese di rappresentanza e di locomozione.
    Si sbrighino a "cacciarlo fuori" altrimenti è lui che andrà via e lascerà tutti con il naso ingrugnito.
    Il vero problema del Maestro Crisci è che è stato involontario testimone di alcune
    irregolarità.
    Quando l'ho sentito l'ultima volta mi ha confidato che a lui piacciono le arance rosse. Ovviamente si riferiva all'eventualita' di un arresto.
    Buona quarantena a tutti. Ai buoni e anche ai cosiddetti "Cattivi".










    RispondiElimina
  45. Gentilissimo Signor Rinaldi, leggo l'intervento del non tanto "anonimo" delle ore 14.50 ed ho capito come funziona.
    Il dubbio c'era, ma questa ne è la prova.
    L'invito dell'illustre personaggio è quello di dare addosso a Crisci, dando il via alle danze.
    Non Le sembra che tutto ciò sa di pochezza morale?



    RispondiElimina
  46. Quando Crisci se ne andrà sarà sempre troppo tardi e pochi, ma veramente pochi, sentiranno la sua mancanza.

    RispondiElimina
  47. Gentile anonimo, anch'io non sentirò la tua pochezza. Parlane con tua madre e capirai

    perché.

    RispondiElimina
  48. Gentile anonimo, ha attaccato il dottore Pasquale La Ragione per il diploma ad honorem; si ricorderà benissimo che ha già accusato altre volte questa concessione. Altri le risposero che in analoga professione magistrale si concedono diplomi ad honorem. Si tratta dei maestri di sci e per sua curiosità può verificare personalmente.
    Il giornalista Massimo Ossini
    http://www.amsi.it/it/node/1799
    Il ministro Giulio Tremonti
    https://www.montagna.tv/11515/tremonti-maestro-di-sci-ad-honorem/
    Il governatore Roberto Maroni
    https://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/non-solo-presidente-della-regionemaroni-laureato-in-maestro-di-sci_1101388_11/
    L'imprenditore Andrea Perri
    https://www.maestriscicalabria.it/wp/collegio-maestri-di-sci-calabria-approva-bilancio-e-conferisce-il-titolo-di-maestro-di-sci-a-honoris-causa-ad-andrea-perri-di-gambarie-daspromonte/
    Altri accusarono il signore Saverio Crisci di avere ricevuto il diploma magistrale in modo irregolare o di avere consegnato dei pizzini in sede di esame. A me questi fatti non interessano perché se fossero veri, il signor Crisci non mangerebbe mai le arance rosse in una casa circondariale per raggiunti limiti di età. E per raggiunti limiti di età il signor Crisci è bene che lasci la gestione dell'associazione maestri.
    Il colonnello Rinaldi le ha dato spazio e farà lo stesso con il mio commento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parlando di sportivi anche Valentino Rossi, Alberto Tomba...

      Elimina
  49. Nel tennis è pieno di “maestri nazionali ad honorem”: ex-giocatori o ex-giocatrici della Coppa Davis, della Federation Cup, dei Giochi olimpici, nonché docenti benemeriti per l’attività formativa di alto livello.

    RispondiElimina
  50. Il mondo del gossip non si riposa mai; quando poi riguarda il signor Saverio Crisci la curiosità schizza alle stelle. Secondo molti lui non avrebbe uno dei requisiti per insegnare scherma: il diploma di maturità. Nella regione Campania raccontano che non avrebbe il diploma di terza media. Sarebbe interessante una sua smentita o del suo fedele interlocutore che l'ha sentito l'ultima volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il titolo di studio non c'entra assolutamente niente. Se fu ammesso agli esami aveva tutti i requisiti necessari, altrimenti non sarebbe stato possibile. Cambiare argomento!

      Elimina