martedì 21 marzo 2017

ESAMI A.N.S. e SITUAZIONE STATUTARIA

Negli ultimi 10 giorni due situazioni mi hanno particolarmente colpito: la dichiarazione della FIS di non riconoscere gli esami svolti dall’Accademia Nazionale di Scherma (ANS) e il comunicato apparso sul sito federale, relativamente alla visita di due parlamentari del Movimento 5 Stelle, con il quale si annunciava l’avvenuta informazione al CONI circa la situazione statutaria (variazioni/modifiche effettuate senza il passaggio assembleare).
Ebbene, per quanto attiene la dichiarazione circa il disconoscimento degli esami effettuati dall’ANS, ancora una volta la Federazione in barba a ciò che prevede lo statuto ha assunto iniziative e provvedimenti in contrasto con lo stesso. Vale la pena ricordare che l’art.1 comma 12 recita :” L’Accademia Nazionale di Scherma con sede a Napoli, è Membro d’Onore della F.I.S.; essa è riconoscita dalla F.I.S. al fine del rilascio di diplomi magistrali.”;
l’art. 52 recita: “L’Accademia Nazionale di Scherma di cui al comma 12 dell’art.1 è ente autonomo riconosciuto dalla F.I.S., regolato da uno statuto approvato dalla F.I.S. ed opera in collaborazione con essa sulla base di apposite convenzioni.
Mi domando:” Forse non è stato approvato lo statuto dell’Accademia?; forse non esiste apposita convenzione con la F.I.S.?”. Per la prima domanda mi piacerebbe conoscere la data o il periodo in cui non è stato approvato lo statuto dell’ANS , poichè prima del 22 gennaio 2017 l’ente napoletano risultava essere indicato nel regolamento dello SnAQ quale soggetto deputato dalla F.I.S. ad indire il bando d’esame per Istruttori Nazionali e Maestri di Scherma. Se lo statuto non era stato approvato e se non era stata stipulata alcuna convenzione perché era inserito nel regolamento dello SNaQ?
Personalmente condivido il pensiero del Maestro TORAN, che sulla pagina facebook di “La frase schermistica”, ad una mia domanda ha così risposto: Ho una mia idea precisa sulla genesi di questa situazione, e devo aver anche scritto qualcosa in proposito. Mi soffermo solo sui fatti che citi. Credo che la delibera federale che ha sottratto ruolo ed esami all’Accademia di Napoli sia stata un grave errore, tecnico, storico e politico. Penso che con quella delibera sia stato aperto il vaso di Pandora: sottovalutando le prevedibili reazioni di chi vuole difendere la propria esistenza. Reazioni che hanno portato ormai la questione ben al di fuori dell’ambito più domestico della giustizia sportiva: con conseguenze che è difficile prevedere in tutta la loro portata.
Bisognerà attendere la fine di questa crisi, che a me appare grave, e capire quale nuovo ordine ne sortirà. Idee ne avrei, a partire dalla rimozione delle cause dei conflitti, ma non credo che oggi sarebbero prese in considerazione.”
Per  quel che è il mio pensiero ritengo che gli esami di Napoli siano assolutamente validi e che la FIS non possa disconoscerli: per farlo dovrebbe prima modificare lo statuto. Ah! Dimenticavo, le basta dire che negli articoli riguardanti l’Accademia ci siano dei refusi non sostanziali per modificarlo o cambiarlo.
In merito alla visita dei 5 stelle, risulta che i componenti la delegazione stiano facendo un giro di tutte le federazioni al fine di rendersi conto del sistema organizzativo/gestionale del mondo dello sport, che, a sentire i loro portavoce, vorrebbero riformare con una apposita legge. In tale quadro il Presidente federale ha fatto accenno alla situazione statutaria esponendo di aver fornito le necessarie informazioni al CONI e che  con lo stesso ci sia una assoluta convergenza di opinioni. Ha anche riferito di una lettera che il massimo ente sportivo avrebbe inviato alla Prefettura di Roma, chiarendo la questione statuto F.I.S..  Ma perché la F.I.S. non ha reso pubblica l’informativa che ha inviato al CONI?
Sarebbe stata l’occasione per fare chiarezza, ma, purtroppo, la situazione non è di facile gestione, la definirei abbastanza grave, e le conseguenze per la F.I.S. potrebbero essere devastanti.

Al momento non rimane che attendere le determinazioni della Prefettura di Roma.
Ezio RINALDI

1 commento:

  1. Non capisco come pensano di potere andare avanti a forza di giustificazioni farlocche.
    E intanto le elezioni CONI si fanno più vicine.........

    RispondiElimina