lunedì 22 ottobre 2018

LE REGOLE DEGLI AMICI

Legnano
Legnano, gara nazionale cadetti di spada maschile, atleti da tutta la nazione, organizzazione impeccabile, come sempre, il tutto unito a fatti strani.
La gara, che si sviluppava su due impianti, il palazzetto e un tendone, per consentire di avere il numero di pedane necessarie alla competizione, vedeva anche un severo metodo di rilascio dei pass, onde evitare la presenza di accompagnatori selvaggi che fluttuavano ovunque e affollare inutilmente il parterre.
A rilasciare i pass si trovava il preposto federale, che con la consueta serietà verificava se la persona che chiedeva l’innovativo braccialetto da indossare al polso appartenesse alla lista degli aventi diritto, cioè gli istruttori.
Curioso come su quella lista siano comparsi anche personaggi che non solo non sono istruttori, ma nemmeno dirigenti, e guarda un po’ nemmeno tesserati alla federazione. Eppure sono stati visti aggirarsi per le pedane con tanto di bracciale al polso.
Ovviamente i dettagli li dobbiamo omettere, e così anche le foto che li vedono per nulla trafelati aggirarsi in gara, come se nulla fosse, perché non abbiamo intenzione di chiacchierare di lui, lei e loro, quanto del fatto che nonostante si fosse stretta la morsa dei controlli per gli accessi, questi invece comparissero nella lista degli aventi diritto, come se le regole per certi amici, si potessero addolcire.
Perciò in nome della trasparenza, chiediamo che la lista degli aventi diritto ad entrare nel parterre, venga pubblicata a inizio stagione, con l’obiettivo di essere sempre più consapevoli dei diritti e anche dei doveri di ognuno, beninteso che per entrare nel parterre, potrebbe bastare essere in possesso del tesserino di tecnico federale, per poterlo esibire senza dover richiedere fantomatici braccialetti o altro a ogni gara. Ma è un uovo di Colombo così semplice che metterebbe in crisi be più di un organo o personaggio che invece ama gestire certe regole con più rilassatezza.
Ugo SCASSAMAZZO

76 commenti:

  1. Video e foto please che le giriamo al procuratore federale che si attiverà sicuramente con immediatezza e tolleranza zero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio se ce le chiede lui, non ti pare? L'autore dell'articolo me le ha inviate e se, appunto, il Procuratore le chiederà le metterò a sua disposizione.

      Elimina
    2. Il Giudice federale si è già occupato della cosa in più occasioni, ma la più eclatante è proprio la sentenza Numero 8 che sancisce, come dicono i Giuristi, un principio nuovo della Giurisprudenza. Infatti, si commina una pena economica ad un soggetto che aggredisce, come egli conferma nella memoria difensiva, un tesserato atleta e l'arbitro, non riconoscendolo tesserato e quindi sospendibile o radiabile. Allorchè lo stesso sia dirigente della Società di un 'noto' Consigliere Federale e soprattutto il Giudice sancisce che la colpa è della Direzione di Torneo che ha consentito allo stesso di essere a bordo pendana.
      Quindi nessuna responsabilità oggettiva per la Società e una piccola pena al reo.
      Assurdo anche che lo stesso non valga in altre sentenze come nella numero 11 dove la responsabilità della Società viene confermata, ma evidentemente non si tratta di un Consigliere Federale.

      Elimina
    3. D'accordo, mettiamo alla prova la FIS allora!. Cannella e Scarso, e almeno altri 1000 tesserati,sono di certo lettori assidui di questo Blog; informeranno pertanto il Procuratore federale il quale, a sua volta, contatterà entro 24 ore Rinaldi, al fine di acquisire le foto ad attivare un bel procedimento disciplinare nei confronti dei responsabili.
      Scommettiamo?

      Elimina
    4. Lettore di contatti a 561970

      Elimina
    5. Secondo me, hai perso la scommessa.

      Elimina
  2. Come avrete potuto notare, l'articolo è stato rettificato, poiché la gara si è svolta a Legnano e non a Novara, come erroneamente inizialmente pubblicato. Chiedo scusa per l'errore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rinaldi non credo ci fosse un errore. Il malfatto è stato proprio alla gara di Circuito Europeo di Spada Femminile di Novara.

      Elimina
    2. Caro amico, l'autore dell'articolo conferma Legnano. Comunque, non essendo stato presente alla gara in argomento, ho chiesto a SCASSAMAZZO di fare chiarezza. Il problema, comunque, non è il luogo di gara bensì il fatto, il quale meriterebbe un minimo di attenzione. Ribadisco che sono in possesso di foto ed altri documenti su questa vicenda e confermo, altresì, la disponibilità, su richiesta del Procuratore, dei predetti documenti

      Elimina
    3. Signor Ribaldi leggendo anche altri post a questo articolo, penso di poter dedurre che gli episodi sono legati sia alla gara di Novara che di Legnano. Sono anni che leggo il suo blog e ho imparato a capire che lei sempre prima di scrivere è ben documentato. Le sentenze a suo favore per diffamazione sono solo la conferma.
      L'argomento dei pass è delicato perché denota la deriva politichesca che ormai ha preso il nostro sport.

      Elimina
    4. Ah, però… 2 episodi uguali e gli organi FIS, dai vertici alla Procura, sono stranamente inerti e silenti? Non sentono il bisogno di approfondire la vicenda? Non avvertono la necessità di fare luce?

      Strano, molto strano, stranissimo.

      Cordialmente.
      Gaspare Fardella

      Elimina
  3. El mond è riond ma al bacàn l'è sempar quadar.

    RispondiElimina
  4. Mi chiedo, ma se l'attento impiegato federale ha distribuito i pass seguendo un elenco preciso, come sia possibile che ci fossero nomi di non tesserati? La solita regola dell'amico di?

    RispondiElimina
  5. Forse la cosa più inquietante è che dovrebbe esserci una responsabilità diretta del Tecnico che tessera la Società che insieme ai suoi dirigenti dovrebbe essere il primo a evitare di mettere in difficoltà i suoi colleghi e gli atleti stessi.
    Il rispetto delle regole non è una cosa interpretabile soprattutto se si ha un ruolo di educatori.

    RispondiElimina
  6. A proposito di Pass e di regolamento, ma non si è detto che negli incontri tra Italiani nelle gare internazionali, non bisogna seguire i propri atleti?
    Allora perchè a Novara la cosa non solo non è stata rispettata, ma neppure sanzionata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplice: le regole non sono uguali per tutti

      Elimina
    2. Se le regole fossero uguali per tutti non servirebbero gli arbitri

      Elimina
  7. Sant’Agostino, in un passo del De Civitate Dei, ancora oggi di vibrante attualità, ha affermato che “uno Stato senza diritto è una banda di briganti”, identificando il diritto non già con la semplice legge, bensì con tutto ciò che la legge è tenuta a riconoscere.

    Non è infatti la legge che fonda la verità, bensì è la verità che dà fondamento alla legge. Ne consegue che l’esigenza di garanzia dei valori si pone quale fondamento essenziale per un concetto di democrazia che non sia soltanto di stampo formale.

    E ciò perché, per dirla con Giovanni Paolo II (cfr: Enciclica Centesimus Annus n. 46), “una democrazia senza valori si converte facilmente in un totalitarismo aperto”.

    Cordialmente.
    Gaspare Fardella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come mai non ha scelto la carriera ecclesiastica?

      Elimina
    2. Non avrei mai potuto assolvere i tuoi peccati, fratello.
      Ora et labora (se ci riesci e lo sai fare).

      Gaspare Fardella

      Elimina
  8. Nel frattempo il contagiri è giunto a 562465. Signor Rinaldi si è fatto vivo nessuno fra quelli che abitano in via Tiziano 74 al fine di acquisire le scottanti foto in suo possesso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I signori che abitano in viale Tiziano 74 a Roma quando hanno bisogno delle foto per rinnovare i documenti, si rivolgono al solerte fotografo federale, non certo a Rinaldi

      Elimina
  9. Scusate ma leggendo i Post e le Sentenze citate, deduco che se un 'abusivo' perchè di questo trattasi, si fa male o fa del male, la responsabilità totale ed unica è dell'Arbitro e della Direzione di Torneo?
    Ma questo lo avete detto all'arbitro che si trova uno a fondo pedana con tanto di Pass, che in ogni caso è colpa sua se lo stesso è abusivo?
    Forse dovrebbero conoscere le sentenze anche gli Arbitri e le Direzioni di Torneo?
    Quantomeno conoscere parentele ed amicizie, almeno sanno quando e perchè rischiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa batte tutte le cazzate che ho letto fino adesso

      Elimina
    2. Gentile fidelealista lo sa che, avendo ogni parola un proprio peso, anche le cazzate/verità sono utili per buttare giù la montagna?

      Elimina
  10. Scusate l'interruzione, ma sono in pausa post-prandium e mi prendo qualche minuto libero per interloquire con voi, amici del blog. Voglio soltanto segnalarvi altri gadget very very chic che potrebbero essere donati in aggiunta alle preziose mutande pro-dimissioni:
    - un orologio, very very cool
    - un anellino, very very nice
    LINK
    https://www.repubblica.it/sport/calcio/champions/2018/10/23/foto/ronaldo_e_l_orologio_da_2_milioni_di_euro-209736276/1/?ref=RHPPBT-BH-I0-C4-P13-S1.4-T1#1

    RispondiElimina
  11. MOMENTO INFORMATIVO:
    http://www.federscherma.it/homepage/media/news/14-news/top-news/29564-fencing-for-change-il-generale-luigi-francesco-de-leverano-ha-esposto-i-risultati-del-modello-napoli-un-progetto-che-porta-benefici-alla-societa.html

    La Fis ci fa sapere che il Generale De Leverano ci fa sapere che:
    "I benefici individuati nell'esperienza condotta nel 2017 a Napoli sono stati l'aumento della fiducia e della consapevolezza di se stessi, il miglioramento del tono dell'umore con riduzione della depressione e dell'ansia, il cambiamento positivo della percezione di sè, l'aumento dell'energia e dell'abilità a far fronte alle attività quotidiane, l'incremento del piacere per l'esercizio fisico e per i contatti sociali ed un maggiore stato di prontezza e di lucidità mentale. In particolare - ha aggiunto - sono emersi dal punto di vista medico tre ipotesti: endorfine e fattore neutrofici che migliorano l'umore e riducono i livelli d'ansia; fattori psicosociali che alleviano sintomi depressivi attraverso sentimento di competenza, autonomia e vicinanza agli altri, migliorando così la propria autostima e la percezione dell'immagine corporea, soprattutto generando un senso di autoefficacia."

    RispondiElimina
  12. Cari Amici vi informo che se andate a Palermo entro il 4 novembre p.v. potete visionare anche la mostra dell'artista Ancarani.
    L’Oratorio della Madonna del Rifugio dei Peccatori è stato adibito a piccola sala video per ospitare le due opere dell’artista, "Whipping Zombie" e "Lapidi".
    http://m12.manifesta.org/yuri-ancarani/?lang=it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro lealista, anche io mi faccio le foto con Scarso e gli stringo la mano,ciò non di meno firmo tutti i miei post. La codardia e le catacombe appartengono più a voi che non ai frequentatori divergenti dall'attuale dirigenza.

      Elimina
    2. Noi siamo costretti all'anonimato dalle continue persecuzioni alle quali siamo sottoposti. Non possiamo combattere da soli questa guerra, e allora siamo passati alla non meno efficace guerriglia. Voi non vi firmare solo perché vi vergognate.
      Siamo totalmente diversi, caro il mio Giovannisenzapalle o Riccardocuordiconiglio che tu sia.

      Elimina
  13. Ovviamente le solite manie di presenzialismo degli amici siciliani portano a distogliere l'attenzione da un serio argomento parlando di Palermo e perché no dello Statuto non capendo che queste cose non fanno altro che perderde credibilità al Blog e soprattutto dare spazio agli odioti ed alle loro mutande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcuni dei Siciliani a cui lei fa riferimento, caro signore,sono purtroppo adusi a tradurre le proprie "manie" in fatti concreti, mettendoci la faccia.
      In questi mesi, leggendo il blog, mi è sembrato di capire che siciliane sono, ad esempio, le denunce presentate alla Procura di Roma e di Palermo, - con tanto di firme autografe e carte di identità depositate agli atti - per fatti ritenuti illeciti che coinvolgerebbero a vario titolo Malagò, Fabbricini, De Tullio, Cannella, Scarso e tanti altri.
      Lei invece, caro signore, oltre a postare gli anonimi commenti di cui sopra, che contributo concreto ha mai dato per un serio cambio di rotta?

      Elimina
    2. Sono d'accordo con lei. Certi commenti non hanno significato, se non quello di aumentare il numero dei commenti. Servirebbe una più adeguata moderazione

      Elimina
    3. Come Volevasi Dimostrare parliamo di tutto. Non serve la faccia o la Procura della Repubblica per essere credibili, basta denunciare cose concrete e soprattutto a 360° non innamorandosi solo delle proprie azioni ma condividendo anche il resto delle problematiche che attanagliano il nostro sport e l'arroganza di questa Federazione.

      Elimina
    4. Le denunce diventano concrete solo con i fatti.
      Carta, penna e firma sono elementi imprescindibili per dare concretezza alle chiacchiere!

      Elimina
    5. noi fedeli lealisti ci troviamo in disaccordo con voi complottisti per un semplice elementare motivo. siete voi che avete qualcosa da denunciare o no? Allora scrivete pure su questo blog ma metteteci la faccia invece di fare i codardi. La codardia non è un valore della scherma come la intendiamo noi.Avvaletevi pure dei vostri eminenti avvocati e giuristi ma non restate chiusi dentro le vostre catacombe.

      Elimina
    6. Il bue dice cornuto agli asini?

      Elimina
    7. non e proprio così perchè noi stringiamo la mano a Scarso e ci facciamo le foto senza alcun timore e quindi non abbiamo necessità di firmare i commenti forse qualcuno di noi parlerà male alle sue spalle ma si tratta di caso isolato

      Elimina
    8. Gentile signore, sedicente lealista, sono del parere che la sentenza di archiviazione del casus "Cannella" abbia aperto le porte della catacombe anche a tanti altri complottisti in itinere. Ma stia tranquillo perchè nella prossima Era non ci saranno più schiavi che ameranno le loro catene.
      Miyamoto Musashi

      Elimina
    9. Ma smettetela con questa cosa dei nomi. Se vedi un reato e lo denunci, l'importante è impedire e frenare il reato o individuare chi è il "malvaggio ed infame" che lo ha denunciato? Questi sono metodi mafiosi, cercare sempre il nome di chi denuncia senza verificarne le denunce e soprattutto intervenire con le dovute sanzioni.
      Il senso è, fermiamo chi parla e continuiamo a fare i cavoli nostri a dispetto delle regole e degli altri.

      Elimina
    10. Ti ricordo che per le denunce di illeciti sportivi è prevista la procura federale. Il rispetto del codice etico ci vieta invece comportamenti caratterizzati da animosità e le frasi lesive della reputazione degli altri tesserati.

      Elimina
    11. Anonimo delle 18:10 nel tuo excursus hai però dimenticato di citare un'altra importantissima norma federale. Tale dimenticanza non è dovuta tuttavia ad una tua negligenza atteso che la norma a cui faccio riferimento non è stata mai scritta ma viene applicata,solo, di tanto in tanto.
      MI permetto umilmente di segnalartela perchè non è detto che in futuro non possa tornare utile anche a te:
      "Il Consiglio Federale decide chi volere denunciare alla Procura federale e chi volere tenere indenne."
      con affetto, GUNMAN

      Elimina
    12. https://www.youtube.com/watch?v=C_kRIUAeGEc&feature=youtu.be

      Elimina
    13. Denunciare è un diritto/dovere di chiunque sia a conoscenza di un Reato sia in forma diretta che indiretta, come appunto leggendolo da un blog!
      Soprattutto per chi ricopre incarichi politici, ha il dovere di 'indagare' e perseguire il reato se confermato.

      Elimina
  14. Lettore di contatti a 562849

    RispondiElimina
  15. Rinaldi dispiace abbia tolto due post che denunciavano qualcosa di serio e circostanziato come le hanno anche scritto alle 21.30.
    Dobbiamo smetterla di scrivere e non scrivere.
    Mi sarei aspettato, data la sua onestà, che almeno venisse a capo dell'accaduto e magari di suo pugno scrivesse a modo suo. Nel massimo rispetto della cronaca de del fatto che il mondo della scherma deve sapere come si comportano chi li rappresenta.
    Sono cose inaudite che scritte in qualsiasi modo, meritano di essere dette.

    RispondiElimina
  16. Avrà anche cancellato i post, ma è chiaro che si parlava dello stesso Nipote, presente in molti post, mi pare in quelli sui controlli Antidoping, sui cartellini neri...

    RispondiElimina
  17. Ma è possibile mai che nessuno di voi, maestri,tecnici, dirigenti, etc etc,sia in grado di fare un bel video di questo fantomatico nipote (nipote non si sa di chi) e poi creare un canale youtube per farcene apprezzare le qualità fino in fondo?
    Non vorrei che anche questo sia un fake come quello sulla nipote di Moubarak!
    Sarebbe divertente un canale YouTube intitolato " Le avventure turbolente del nipote spadaccino". Vi ricordo però che su questo blog si devono riportare fatti comprovabili oggettivamente e non illazioni fantasiose e molto poco comprensibili.

    RispondiElimina
  18. La invito a leggere questi siti noterà un nome noto nella dirigenza e uno nello staff tecnico noto alle cronache giudiziarie. Manca anche la sentenza numero 1 del 2015, ma l'archivio web della FIS sembra essere con la "memoria" corta.

    http://www.schermagiannone.altervista.org/chisiamo.html

    http://www.federscherma.it/homepage/giustizia-sportiva/giudice-sportivo-–-corte-sportiva-d’appello/14701-provvedimento-del-giudice-sportivo-n-1-del-2016/file.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incuriosito ho letto attentamente i siti e mi sono reso conto che nella dirigenza della società del noto Consigliere, c'è anche il soggetto presente nella sentenza numero 8 del Giudice sportivo, come indicato nei post precedenti.
      Mi chiedo, visto le numerose affermazioni del presidente Scarso sui valori sociali e culturali della scherma, il primo non sarebbe il.buon esempio?

      Elimina
    2. In realtà mi chiedo, visto che nella sentenza numero 8 si parla di un dirigente della società e nella prima del 2015 si parla di un Tecnico della stessa Società: come è possibile che mai si fa riferimento alla Responsabilità Oggettiva della Società? Come sia possibile che in alcuni casi la Società paga, giustamente, gli errori dei suoi tesserati, mentre in questi casi no!
      Certo le dimissioni del Consigliere sono atti di Etica e Politica, ma neppure colpire la SUA società, di cui, leggiamo, essere vicepresidente.

      Elimina
    3. Bella domanda, ma non c'è risposta ovviamente.

      Elimina
    4. Continuateli a votare, loro sì che fanno davvero i vostri interessi e non i loro propri

      Elimina
  19. Un bel video, magari in HD, vale più di 1000 sentenze

    RispondiElimina
  20. PILLOLA DEL MATTINO
    Oggi, alle ore 18:00 nella sala delle Fiaccole Olimpiche del CONI a Roma si terrà la conferenza stampa del presidente federale John Gunman. Tra i vari temi affrontati la riforma della giustizia sportiva, la questione arbitrale, revoche dei CT, principi meritocratici e criteri oggettivi per una corretta selezione agonistica, limiti all’uso della carta di credito da parte del presidente e spending review su pranzi, cene e viaggetti vari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti prevenire il colesterolo è meglio che curarlo

      Elimina
    2. e già, ma occorre mangiare meno salciccia

      Elimina
    3. Ieri il presidente ha fatto un viaggetto nella città bustocca per donare gadget in scatola di legno pregiato, con rivestimento interno di raso azzurro e vellutino blu. Cerimonia ben condita con selfies e applausi magnetici. Per il momento non si conosce il menù della giornata.

      Elimina
    4. Scusi Rinaldi ci saprebbe dire perchè Palermo non è city partner FIS nonostante il trambusto propagandistico dei workshop?

      Elimina
    5. ma il presidente è vegano?

      Elimina
    6. Caro Scassamazzo, mi vedo costretto ad eliminare il tuo commento per la semplice che il vero SCASSAMAZZO mi ha comunicato di non esserne l'autore. Al di la delle possibili considerazioni di ordine etico, rubare l'identità è una delle azioni più squallide che si possano fare.

      Elimina
  21. Lettore di contatti a 563937 ma il procuratore federale non ha ancora chiamato Rinaldi per acquisire le foto dello scandalo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il procuratore federale può eventualmente rivolgersi ad un tesserato. Non mi risulta che Rinaldi lo sia...gli conviene passare la foto ad un tesserato e darne comunicazione al procuratore sul nuovo eventuale possessore

      Elimina
    2. Sarà ridondante ma il 'Procuratoe' deve "procurarsi" informazioni su un eventuale reato, il come è un dettaglio. Se le prove le ha, interviene indipendentemente da come. Non siamo un un processo americano da fiction, ma nella realtà triste della scherma dove un Giudice federale decide che non si può punire una persona che occupa abusivamente il campo gara anche se la stessa è provvista di pass. Anzi non solo non si punisce la società alla quale appartiene, come dirigente, ma non si accusa di 'concorso' la direzione di torneo e l'arbitro che hanno consentito questo.
      Siamo sinceri la verità sta nella assurda sentenza numero 8 e non altro. Poi c'è la politica che ti fa chiedere come sia possibile che un dirigente federale eletto, consenta tutto questo ai propri colleghi di società.

      Elimina
    3. Non appena John Gunman sarà eletto presidente federale del passato non rimarrà neppure il ricordo, e qualcuno tornerà ad essere solo un anonimo impiegato del CONI.

      Elimina
  22. Curioso anonimo alimentarista, anche se il presidente fosse vegano non potrebbe comunque mangiare l’Avogado! Lo dicono pure quelli della BBC:
    https://www.youtube.com/watch?v=xD_YeiNqONs
    meditate gente, meditate.

    RispondiElimina
  23. Tesserato delle ore 18 quasi 19 sei molto distratto. Palermo non è city partner perché non ha ancora un Palascherma ma il sindaco panormita ha già incaricato il presidente Scarso di attivarsi e gli ha donato un gadget composto da pala e piccone per provvedere personalmente allo splateamento dell’area dove sorgerà la n. 1054 meraviglia del mondo ( il posto n. 1053 purtroppo era già occupato dal cioccolato di Modica)
    Ugo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sul sito fis ci sta scritto:
      SI E' SVOLTO A PALERMO IL WORKSHOP FIS 2018 - IL SINDACO LEOLUCA ORLANDO: "QUESTA CITTA' INVESTE IN CULTURA E LA SCHERMA CI AIUTERA' A MIGLIORARE"
      Chiaro il messaggio, no? Il sindaco continuerà ad investire in cultura mentre Scarso caccerà fuori i soldi per costruirgli un Palascherma.
      Simbiosi perfetta.
      F.to
      'MAZZO

      Elimina
  24. Qualcuno mi spieghi che cosa ci va a fare Giorgio a Bastia Umbra. Non mi risulta che li abbiano una sola sala di scherma. Gli sport praticati in quel luogo sono: CALCIO, PALLAVOLO ,PODISMO, ATLETICA LEGGERA, PALLAMANO, PATTINAGGIO ARTISTICO, NUOTO, DANZA MODERNA e, dulcis in fundo, PESCA SPORTIVA. Di scherma nessuna traccia! Perchè non scegliere Spoleto o Perugia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va a conoscere mondi nuovi, a lui sconosciuti

      Elimina
    2. Allora non capisci? Forse dovresti partecipare più spesso ai workshop! Giorgino ha trasformato la federazione in una specie di ente per la promozione turistica; una sorta di "Trivago" in salsa casereccia, all-inclusiv. ( Multe e isole comprese). Lui stesso, due anni fa, è stato insignito del titolo di Mister Millemiglia.

      Elimina
    3. e quando lo insigniranno del titolo onoris causa di comandante delle polizie municipali di tutta l'Italia?

      Elimina
    4. probabilmente lo stesso giorno in cui conferirammo a Giovannino il titolo di Mister Iounsòmainulla

      Elimina
    5. Forse dovrebbe guardare la società che organizza, non solo il luogo

      Elimina
  25. Sono state formalizzate le squadre che parteciperanno alla prima gara si coppa del mondo della stagione. Dove sta adesso quel cialtrone federalista che diceva che erano tutte balle i vari ingressi nelle squadre dei figli di???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Federal Chaltrons? Who is he? The choice would be very wide!

      Von Katzen

      Elimina