sabato 4 gennaio 2020

RIVELATE LE IDENTITA' AMMINISTRATIVE DI “Alla ricerca di Marcel Fischer”


Marcel Fischer portato in trionfo dopo la vittoria olimpica
Si attendeva questo coming out da circa due anni. Alla ricerca di Marcel Fischer ha finalmente un volto, anzi due. Le identità che in questi anni c'hanno fatto sorridere un po' per divertimento un po' di rabbia per quello che succede in "Questa splendida organizzazione" (cit. Milanoli spesso usata dai due), corrispondono ad Alberto Amenta e Giovanni Repetto. Il primo ha chiaramente spiegato tramite una Instagram TV le sue intenzioni di voler abbandonare il progetto fino a data non fissata, l'altro ha spiegato il suo non essere d'accordo e il suo voler portare avanti l'impresa. Purtroppo temo che questa brillante intuizione sia arrivata al capolinea e credo anche nel momento più giusto. Non manca moltissimo alle elezioni e in questi anni, i due ragazzi di Catania c'hanno fatto riflettere molto su come funziona questo sistema tutto da rifondare, hanno analizzato le cose che non vanno e le hanno denunciate con ironia, facendo satira... Talvolta anche a costo di essere "pesanti", tanto da rischiare querele, ma come ci fa capire Alberto c'è di base la voglia di essere "politicamente scorretti" probabilmente per cancellare un buonismo ipocrita, il lecchinaggio e la sete di potere che contraddistingue in negativo una bella fetta di persone che  fanno parte del popolo della scherma.  Gente che si venderebbe la madre per un posto come portaborse, gente senza arte in sotto. Il forte di questa pagina/attività è stato sicuramente il linguaggio scurrile e giovanile, la capacità di coinvolgere tutti in qualcosa che in molti hanno provato a fare tramite blog, pagine e siti ma con risultati minori, la loro scelta di canale "instagram" ma soprattutto il fatto di non essere schierati da nessuna parte e denunciare qualcosa indipendentemente da chi o cosa ci fosse dietro e sempre con cognizione di causa. Sono sorpreso di come queste identità corrispondano a due ragazzi semplici quanto intelligenti. 
E dunque una rivelazione a mio avviso che si incastra perfettamente con il tempo... Tante volte si parla di quanto il tempo sia fondamentale nella scherma, qui lo è stato, Alla ricerca di Marcel Fischer ha fatto quello che doveva fare. Ha sensibilizzato la gente, nel bene di una federazione,  come dicevo prima, tutta da rifondare. Adesso ci saranno svariati mesi per meditare e cambiare le cose. Io intanto ringrazio quanto fatto dalla coppia, forse anche inconsapevole del loro reale operato. Col nuovo anno vi auguro di poter continuare sempre con questa chiarezza e correttezza intellettuale, non so che ne sarà della pagina una volta svelata la vostra identità ma mi auguro di vedervi in giro e offrirvi un caffè, perché da anonimi é un conto ma averci messo la faccia come gran finale fa capire di che pasta siete fatti. Se tutti fanno i controtempi non resta che fare una finta in tempo. Fuori e dentro la pedana. 
Chapeaux,.
Piero SPADA


13 commenti:

  1. Alla ricerca di Marcel Fischer è arrivato al capolinea e la mia anima non trova pace.
    In questo regime federale non c'è spazio per voci fuori dal coro.
    Provo grande agitazione e un senso di ansia per lo stato di scarsa democrazia in cui versa il nostro mondo.

    RispondiElimina
  2. Oddio, se questo fa notizia si vede che non c'abbiamo proprio 'gnente da fare in questa splendida organizzazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo ti dà l'idea di quale regime abbiamo vissuto. Ma adesso il corso è segnato....

      Elimina
    2. Questo ci dà l'idea del fatto che son buoni tutti a spettegolare, chiaccherare e parlar male di tutto e di tutti e che appena si dà una penna a qualcuno questo diventa un eroe dei poveri. I veri valori sono altrove, non in chi ci fa credere che snocciolando lamentele si possa cambiare il mondo.

      Elimina
    3. Le fa comodo fare confusione. Il blog fa cronaca e non pettegolezzi. Mi pare sia, ad esenpio, un dato du fatto la presenza del figlio del Ct ad Udine! Come è un dato di fatto che Allaricercadi... abbia trattato con ironia delle sacrosante realtà.
      Forse il problema non è dare una penna a qualcuno, ma dargli troppo eterno potere senza controllo...

      Elimina
  3. Avessero continuato a lungo termine ci sarebbero stati piu` intelligenti e meno ignoranti !

    RispondiElimina
  4. Il piccolo principe ereditario del CT più longevo d'Italia, da cadetto convocato/autorizzato dal padre al collegiale assoluto: come avrebbero commentato i seguaci di Marcel Fisher?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente parliamo di una coincidenza che sia andato lì da cadetto, molto utile per gli assoluti in qualificazione olimpica, senza autorizzazione ufficiale e preventiva. Inutile dire il tutto a 4giorni dalla gara di Udine alla quale partecipa senza alcun motivo tecnico e di classifica. Tutto pur di avere un minimo, a lui basta il minimo, appiglio per motivare (non che ne abbia bisogno, in passato ha fatto di peggio) ai suoi fedelissimi e attenti Consiglieri Federali, la convocazione del figliuolino agli Europei Cadetti.
      Stesso percorso che ha fatto e sta facendo con il figluolo grande. Riduco la concorrenza e soprattutto lo porto sempre e ovunque, prima o poi, per il calcolo delle probabilità dovrà fare qualcosa.
      Complimenti sempre agli attenti e precisi Consiglieri Federali che approvano ed avallano.

      Elimina
    2. Concordo. Il problema non è più cosa fa il CT per i figli o cosa ha fatto negli anni per amici e parenti o dipendenti. Ma chi gli consente di farlo. Pensate solo che le Liste Tecniche, approvate dal CF ma mai conosciute, sono il primo passo per far partecipare gli atleti ai concorsi per i gruppi sportivi. Voi sapete chi sono e quali sono i criteri? In passato ci sono stati allievi della palestra della moglie del CT, ma lo si apprendeva solo dopo la loro partecipazione ai concorsi.
      Il giovane figliuolo ci sarà?
      Cari amici la tristezza e la colpa di tutto è solo di chi consente al CT di fare questo. Evidentemente devono molto a lui o è lui che comanda realmente. Fatto sta che chi ha un minimo di dignità dovrebbe dimettersi pur di non approvare questo schifo.

      Elimina
    3. Che squallore.

      Elimina
    4. Hei Consiglieri che aspettate ad intervenire? penso che il figliuolo piccolo abbia avuto abbastanza opportunità gratuite. Vogliamo dare anche ad altri, almeno la metà di queste occasioni? O volete che l'attività agonistica la facciano in 10, perchè così non ha molto senso.

      Elimina
  5. Sono entrato da poco tempo su questo Blog.
    L'argomento nuovo che viene trattato mi è del tutto sconosciuto.
    Mi potete brevemente aggiornare?
    Non ho capito un bel niente. Tante grazie.

    RispondiElimina