lunedì 27 gennaio 2014

RISULTATI, CONTENZIOSO E C.R.L. LAZIO


Sono stato sollecitato a parlare degli ultimi risultati agonistici dei nostri ragazzi. Non voglio farlo. Credo che con coerenza, come ho già avuto modo di scrivere, bisogna dare il giusto tempo per valutare il lavoro svolto, quindi mi esprimerò sull’argomento dopo i mondiali giovani ed assoluti.

Non ci sono dubbi sul fatto che certe scelte siano ancora figlie di una cultura del passato, però i segnali di risveglio ci sono ed io mi voglio fermare a questo. Ai nostri ragazzi, dagli assoluti ai cadetti, che sono saliti sul podio, faccio i miei complimenti e li esorto a continuare sulla strada intrapresa, certo che agli appuntamenti importanti sapranno essere presenti: le polemiche al momento non servono.

Altri argomenti stanno occupando il blog e da quanto posso leggere siete in molti a cliccare per avere notizie, evidentemente quelle pubblicate sono di particolare interesse. Altre hanno invece occupato gli addetti ai lavori, nello specifico il contenzioso TORAN/AIMS e le dimissioni del Presidente del Comitato regionale Lazio della F.I.S.. Procediamo con ordine:

COTENZIOSO TORAN/AIMS

Come tutti sanno quando si accusa qualcuno i giornali strombazzano la notizia, sbattendola in prima pagina, poco importa se l’accusato sarà condannato o assolto; quando invece l’imputato dimostra la propria innocenza la medesima notizia viene relegata in terza, quarta se non addirittura in ultima pagina e data comunque in un trafiletto: è l’inqualificabile comportamento dei vari direttori di giornale.

Fatta questa premessa, voglio dare il giusto risalto a ciò che molti forse neanche sanno e cioè l’assoluzione piena, per non aver commesso il fatto, ovvero il fatto non sussiste, del Maestro Giovanni TORAN dall’accusa di appropriazione indebita. I fatti risalgono al 2009 quando il Maestro diede le dimissioni dalla Presidenza dell’AIMS e l’accusa gli fu mossa dall’attuale Presidente AIMS Maestro CRISCI. Mi complimento con TORAN per l’esito a lui favorevole e mi auguro che fatti del genere non accadano più: siamo nel mondo dello sport e dovremmo contraddistinguerci per comportamenti leali, chiari e rispettosi.  Purtroppo anche lo sport non è immune da peccati e si finisce in tribunale.

TORAN, in un suo post pone una serie di domande quali:

  • Nessuno vuole conoscere il conto delle spese sostenute dal Presidente AIMS: viaggi, vitto, alloggi e parcelle per gli avvocati?;
  • Dimissioni del Presidente AIMS per aver perso la causa;
  • Doverosa azione di controllo da parte della F.I.S. sui contributi, sull’utilizzo di locali CONI/FIS, telefono e denaro pubblico;
  • In un altro mondo e con altro stile, di questi fatti si sarebbe dovuto occuparne la Giustizia sportiva, alla quale si era rivolto a suo tempo;
  • Si ritiene la vicenda solo una bega da cortile tra i due interessati?

Domande legittime a cui qualcuno dovrebbe rispondere per dare soddisfazione a TORAN e soprattutto per fare chiarezza. Non sono la persona più idonea a dare riscontri alle predette domande, posso solo esprimere la mia personalissima opinione, che non ha nulla di pretenzioso.

  • Il Maestro CRISCI prima di intraprendere l’azione legale, dovrebbe aver sottoposto all’attenzione del suo Consiglio la questione per riceverne l’eventuale autorizzazione, ed è chiaro che una volta ottenuta le spese sono a carico dell’Associazione. Poiché presumo che egli abbia operato in rappresentanza dell’organismo presieduto, le eventuali dimissioni dovrebbero coinvolgere l’intero Consiglio;
  • Mi risulta che l’Associazione non percepisca più i contributi da parte della F.I.S., la quale ritenendo l’organismo una specie di agenzie di servizi, commissiona all’AIMS progetti per i quali, una volta approvati e finanziati, dovrà rendicontare alla Federazione le spese sostenute. Quindi quest’ultima può e deve esercitare l’azione di controllo sul servizio commissionato. Diverso il discorso sui locali messi a disposizione. Questi sono stati oggetto di opportuna convenzione (almeno così mi pare) approvata dalla F.I.S. e sicuramente condivisa anche dal CONI;
  • La Giustizia sportiva non può entrare in argomento poiché l’Associazione è si riconosciuta dalla FIS ma come ente autonomo e come tale non è assoggettata alle normative della Federazione, peraltro, se non ricordo male, non è necessario chiedere la deroga alla clausola compromissoria per adire le vie legali. Cosa diversa, sempre a mio avviso, se il CRISCI inserito nella lista tecnica, quindi tesserato FIS, avesse agito per conto proprio;
  • Purtroppo alla luce dello status dell’Associazione (autonoma) la vicenda non può riguardare la Federazione.

Questo il mio pensiero sull’argomento, e può essere che abbia scritto una serie di fesserie, se cosi fosse mi rimane la consolazione di aver espresso ciò che penso con molta chiarezza e senza nascondermi. E qui mi rifaccio ad alcuni commenti di autorevoli (!!!???) personaggi del modo della scherma, i quali nascondendosi dietro commenti postati su un blog, che non tutti leggono (come il mio), utilizzano termini come infamia o infamanti, rifacendosi evidentemente al denunciante, verso il quale c’è la recidiva in tal senso, non hanno il coraggio dirle in faccia certe cose e, magari pubblicamente, con grande falsità, abbraccia, bacia e manifesta amicizia nei suoi confronti.

CRISCI, quindi l’AIMS, ha fatto una denuncia, sull’esito della quale si assumerà le responsabilità morali che da essa discendono, non si è nascosto e tra i mille e più difetti che ha sicuramente non gli appartiene la pusillanimità nei rapporti con altre persone.

Sulla vicenda politica non esprimo pareri: è un campo che non mi appartiene. Saranno i suoi soci a giudicarlo.

COMITATO REGIONALE LAZIO

L’altra vicenda di cui voglio parlare sono le dimissione di Stefano SALVATORE dalla carica di Presidente del Comitato Regionale Lazio della F.I.S..

Sembra che a determinarne la volontà sia stata la incompatibilità attuale tra l’impegno della sua professione e quello per il Comitato. Il lavoro, che lo porta ad essere assente dall’Italia per lunghi periodi mensili, non gli consente di assicurare la funzionalità amministrativa ed organizzativa dell’organismo. In tale quadro, sembra, che abbia chiesto un supporto alla Federazione, supporto in un primo momento assicurato e poi venuto meno. L’atto delle dimissioni pare sia stato dichiarato venerdi 17 e da quel momento hanno preso inizio le danze con vari colloqui, incontri etc. Tutte cose che conosco perfettamente. Ciò che non mi è chiaro è il supporto che Stefano avrebbe chiesto alla F.I.S.. Mi domando: di che genere? Amministrativo? Operativo? La F.I.S. a mio avviso non poteva garantirgli l’aiuto chiesto per la semplice ragione che non può svolgere il doppio ruolo di controllore/controllato. Pertanto egli doveva rivolgersi ai componenti del suo Consiglio e tra questi trovare qualcuno che avesse più tempo per dedicarsi all’Organismo, assicurando la sua piena attività. Ormai non si può tornare indietro. Sembra che la Federazione abbia nominato un Commissario nella persona del Dr. GASPERINI – componente del Collegio dei Revisori dei Conti della F.I.S.. E’ evidente che con il Commissario il periodo per l’elezione sarà più lungo del normale, anche se lo Statuto ed il Regolamento Organico impongono tempi già stabiliti. Il problema adesso è trovare una persona autorevole e capace di essere a capo del Comitato più importante d‘Italia. Tante sono state le voci in questo senso ed una di queste recitava: non abbiamo una persona d spicco. Pertanto la soluzione dovrà essere interna ed immagino che ci sarà un solo posto disponibile per l’entrata di un nuovo Consigliere. Mi farebbe piacere che fosse scelto non già in base all’amicizia o alla simpatia, ma per i meriti acquisiti sul campo e francamente qualcuno c’è. Che si evitino personaggi in cerca di poltrone, sarebbero dannosi per la vita del Comitato stesso. I tempi ormai sono maturi, i delegati si scelgano il loro rappresentante senza l’indicazione o la pressione di questo o quel cardinale. E’ un Comitato che io ho diretto, quindi so quale importanza riveste: IN BOCCA AL LUPO.

Ezio RINALDI

 

2 commenti:

  1. Caro Ezio,

    ti ringrazio prima di tutto per aver voluto dare spazio alla notizia delle mie dimissioni nel tuo blog che vedo con piacere essere molto attivo e frequentato, noto che nonostante la penuria di informazioni ufficiali, come al solito, sei ben informato.

    Le mie dimissioni presentate in data 17 gennaio u.s. dopo aver cercato, anche con la collaborazione del Segretario Generale, una soluzione alla mia difficoltà ad occuparmi con continuità dei sempri più impegnativi adempimenti burocratico / amministrativi, sono state frutto di lunghe riflessioni e tentativi di raggiungere una soluzione efficace che purtroppo per diversi motivi non è stato possibile trovare.

    Ho sempre ritenuto doveroso che il C.R. Lazio venisse gestito al massimo dell' efficienza e con l'attenzione che richiedono le cose importanti, e così con gli amici Consiglieri abbiamo sempre cercato di fare in questi anni, anche seguendo l'esempio di chi ci ha preceduto.

    Sapere di non riuscire a garantire continuità e puntualità ai sempre più impegnativi adempimenti amministrativi che mi venivano richiesti mi ha obbligato, per il profondo rispetto che ho per i miei compagni di avventura e che devo ai club del Lazio, a fare un passo indietro.

    Permettimi di non essere d'accordo con chi sostiene che non ci siano personaggi autorevoli per ricoprire il ruolo di Presidente del C.R. Lazio, dopo tutti questi anni di dirigenza sportiva posso dire che di persone valide anche più di me ce ne sono, ad iniziare dai Consiglieri che ho avuto al mio fianco che sono stati il vero motore del C.R. di questi anni e che solo per motivi di ruolo hanno forse avuto meno visibilità del sottoscritto, ma sono stati dei fattivi e capaci gestori della "cosa comune".

    Inoltre di eccellenti Dirigenti Sportivi nel Lazio ne conosco diversi e quindi sono sicuro che il futuro C.R. sarà sia ben rappresentato che ben gestito, poi come tu sai meglio di me anche la politica sportiva ha le sue dinamiche e i suoi equilibri con cui bisogna in qualche modo trovare la giusta sintesi.

    Approfitto di questo spazio che mi concedi per fare alcuni saluti e ringraziamenti, prima di tutto a te e all'amico Vincenzo De Bartolomeo, che a suo tempo incoraggiaste e supportaste la mia corsa alla Presidenza, mi auguro di essere stato all'altezza delle vostre aspettative

    Al mio Club, il Frascati Scherma, che mi ha sempre appoggiato lasciandomi assoluta autonomia nel mio operato senza mai impormi o suggerirmi "equilibrismi politici" di convenienza.

    Agli amici Consiglieri del C.R. Lazio con cui ho condiviso questa avventura e da cui ho ricevuto grande lealtà.

    In ultimo permettimi di fare un ringraziamento, che a dir la verità è un ricordo di amico, Stefano Simoncelli, a cui devo quasi tutto quello che so della Scherma e dal cui esempio ho imparato tanto; nel mio piccolo ho cercato di ispirarmi a lui in questa esperienza da dirigente sportivo e spero di non averlo deluso.

    Concludo volendo sottolineare che aver ricoperto il ruolo di Presidente del C.R. Lazio della Federazione Italiana Scherma è stato per me un grande privilegio e ringrazio tutti quelli che lo hanno reso possibile.

    Con stima ed amicizia

    Stefano Salvatore

    RispondiElimina
  2. Caro Stefano sono io che ringrazio te per aver voluto onorare il mio blog. Ho imparato ad apprezzarti e la mia stima nella tua persona è immensa. Ti ringrazio anche per l'impegno profuso nella gestione dell'organismo, che hai portato a livelli di eccellenza.
    Un forte abbraccio,
    Ezio RINALDI

    RispondiElimina