martedì 22 ottobre 2019

LA LUNGA CAMPAGNA ELETTORALE DI Giorgio SCARSO E Paolo AZZI


Giorgio SCARSO
Il giorno 12 ottobre 2019 alle ore 15.00 si è svolta la riunione delle società
lombarde di scherma a Legnano, ovvero durante il Campionato cadetti di spada.
All’Ordine del giorno questi erano gli argomenti:
1) Relazione del Presidente del Comitato Regionale Lombardo, Maurizio Novellini
2) Incontro con le Società lombarde del Presidente Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso
3) Incontro con le Società lombarde del Vice Presidente Federazione Italiana Scherma, Paolo Azzi
E così è avvenuto, direi quasi in maniera cronometrica.
Novellini andando a braccio ha ringraziato le società lombarde per il loro impegno, elogiando a mio giudizio un pochino eccessivamente il lavoro svolto da tutte, tenendo conto che ovviamente problemi in Lombardia ce ne sono, ma non ne ha parlato, benchè, sempre a mio giudizio, sarebbe stato utile discuterne e avere un contraddittorio, specie perché erano presenti ben quattro consiglieri federali (Paolo Azzi, Maurizio Randazzo, Luigi Campofreda e Salvtore Lauria).
Invece ha preferito passare dagli elogi alla Lombardia ad auspicare l’elezione di un consigliere lombardo in FIS per le prossime elezioni del 2020, magari donna, senza però svelarne il nome. La platea aveva già immaginato chi potesse essere, ma è stato poi Giuseppe Cafiero a declinarne le generalità indicando Joelle Piccinino, avvocato e già magistrato della Corte federale della scherma, rischiarando così i dubbi sulla fantomatica candidata.
La parola è poi passata a Paolo Azzi, vice presidente della FIS, e candidato alla futura presidenza della Federazione per il quadriennio ‘20-’24, designato tale durante la festa della scherma di Anzio.
Discorso lungo, istituzionale, senza svelare troppo di quanto vorrà proporre come presidente una volta eletto, (in poche parole zero argomenti alla voce “programma”) ma si è intuito che avrebbe portato avanti lo stile e gli obiettivi innescati nei quattro mandati or sono da Giorgio Scarso.
Gli interventi sono stati pochi, anzi pochissimi, cioè quattro. Quello di G. Cafiero, che ha espresso quale dovrebbe essere il comportamento di una opposizione, cioè: propositiva, educata, garbata, non anonima, e infine dovrebbe “dare le idee”, cosicchè la Federazione possa giovare della ricchezza di quanto proposto. Infine ha ammesso che in Consiglio Federale si litiga e si discute, ma poi alla fine le decisioni sono univoche e la voce espressa è una sola.
Paolo AZZI
Mi sia concesso di replicare ora a Cafiero senza alcuna polemica e sono certo mi leggerà in questa modesta relazione. Da ingegnere qual’è, dovrebbe sapere che “le idee” sono merce preziosa, che “le idee” nel mondo corrente “si pagano”, perché non tutti hanno idee valide e soprattutto fattibili. Se esistesse un protocollo di come raccogliere le idee e poi far veicolare all’interno del Consiglio Federale, con proposta, discussione approvazione, allora coloro che le idee le propongono, sarebbero tutelati, specie se le idee portano beneficio a tutti, anche a quelli che le suggeriscono. Ma non mi riferisco a faccende di soldi, o di tornaconto societario o in termini di atleti, sia ben chiaro, mi riferisco a uno sport molto italiano in cui uno propone una idea, magari buona e poi i soliti lupi travestiti da agnelli (senza allusioni, sia ben chiaro!) se ne approfittano ampiamente. Il fatto che nessuno proponga idee in questa federazione, sta proprio in questo, nella mancanza di tutele all’origine e credo che in siffatto caso, lo schierarsi politicamente contro, dipenda solo da questo , e non da altro, ovvero una mancanza di fiducia nel sistema tutelare.
Il secondo intervento l’ho fatto io, puntualizzando che uno dei grandi protagonisti del Campionato Italiano svoltosi a Milano nel 2018 oltre la già citata Joelle Piccinino, è stato Alberto Viscardi, noto arbitro internazionale, già eccellente fiorettista. Mentre ho poi chiesto sia a Novellini che ad Azzi quando ci saranno le elezioni federali regionali in Lombardia al primo e nazionali al secondo, e così mi è stato risposto:
In Lombardia prima di natale del 2020; invece per quelle nazionali, saranno con ogni probabilità verso febbraio 2021. A tal proposito Azzi è stato prudentissimo specificando che la finestra elettorale va dalla fine delle olimpiadi a marzo 2021.
Molte sono le congetture e si pensa che la data sia stata scelta affinché Scarso abbia più tempo per poter affrontare le elezioni in FIE che sono state annunciate per il giorno 28 novembre 2020, ma stando ancora seduto sulla sedia di presidente FIS. Infatti non tutti sanno che per candidarsi alla FIE in qualsiasi ruolo, (è consentita una sola candidatura per Federazione) la domanda va presentata entro 40 giorni di calendario prima delle elezioni stesse, pertanto Scarso dovrà presentare la sua entro e non oltre il giorno 19 ottobre 2020.
Nulla di male se si è nei termini di legge!
Il terzo intervento di Gianadrea Nicolai, che chiedeva di aumentare la pressione mediatica e la comunicazione per pubblicizzare la scherma a livello regionale, cosa che anche in questo blog è stata ribadita più volte. https://piazzadellascherma.blogspot.com/2019/09/visual-journalism-federale-non-pervenuto.html
Un ultimo intervento è stato in merito alla possibilità di far entrare nel parterre di gara i presidenti di società sportive, oltre i tecnici. Azzi ha risposto spiegando che in ogni gara a qualsiasi livello e sport i presidenti hanno ruoli dirigenziali e non tecnici così da limitare il loro ruolo alle relative spettanze.
La riunione si è conclusa con l’arrivo del presidente Giorgio Scarso alle 16.30, accolto da un applauso. Egli è stato molto complimentoso ribadendo i concetti espressi da Azzi e Novellini.
Il buffet ha poi lasciato spazio a molti argomenti che i presenti non hanno voluto condividere davanti a tutti, ma solo in privato, svelando e chiarendo fatti e situazioni relative a persone e società, approfittando della presenza dei consiglieri federali e del presidente, in poche parole, i problemi della Regione Lombardia, sono stati affrontati solo in via privata.
In buona sostanza la riunione si è svolta in un clima di cordialità, nel rispetto delle posizioni di tutti.
Il mio desiderio personalissimo, è quello di vedere la nuova Federazione partire a Ottobre 2020 e non a febbraio 2021, in quanto per gli anni che porteranno a Parigi 2024 saranno di vero rinnovamento sportivo e dirigenziale.
Fabrizio Orsini

94 commenti:

  1. Caro Fabrizio dopo tanti anni di fatica sul campo ho imparato almeno una cosa: la scherma italiana, nel bene e nel male, ha sempre quel che si merita. Se vorranno Azzi e l'eredità che si porta dietro che se lo prendano pure tanto prima o poi piangeranno se stessi. Per il resto perchè meravigliarsi? E' già successo una volta, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la verità sono stanco di "non meravigliarmi più", è per questo che cerco per lo meno di smuovere le acque e provare a cambiare qualcosa, nel rispetto delle ambizioni reciproche.
      Saluti
      Fabrizio Orsini

      Elimina
    2. In molti sono pronti a preferire che le cose restino tali pur di non finire nelle mani di chi saprebbe solo fare peggio. Dalla padella alla brace, anche no, grazie!

      Elimina
    3. Egr. Solito Sig. Anonimo del 23/10/19, h. 16:00,
      Lei è proprio, realmente e davvero sicuro che il nuovo "saprebbe solo fare peggio"?
      Da dove lo deduce, di grazia?
      Potrebbe, cortesemente, precisare su quali basi concrete fonda tale Sua certezza?

      In attesa di leggere i Suoi illuminati e illuminanti responsi (chissà… alle volte qualcuno potrebbe cambiare idea), Le porgo cordiali saluti.
      Gaspare Fardella

      Elimina
  2. questa storia comincia a diventare abbastanza sfinente. ma cosa volete che faccia di diverso un Arpino o uno Scisciolo rispetto a un Azzi? con risorse limitate cercheranno tutti quanti di barcamenarsi allo stesso modo, e tutti ovviamente daranno fiducia a persone di cui si fidano, cioè persone loro vicine. boh. non mi pare che possa essere alle viste nessuna palingenesi epocale del movimento, almeno finchè non si sentono idee chiare sulle cose che contano per il normale utente della scherma, e cioè supporto alle società e sistema delle gare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Casa possono fare Arpino e Scisciolo? Eliminare tutte le zone d'ombra e tanto, tantissimo altro! Non pensi che sia già abbastanza?

      Elimina
    2. Lei Parla di risorse limitate. Ma si rende conto dello sperpero che fanno con tutti questi bei viaggetti intorno al mondo e con tutte le allegre trasferte per le sedute del consiglio federale? Si rende conto o fa il finto tonto?

      Elimina
    3. Quindi secondo la sua idea il popolo cileno si sarebbe dovuto arrendere a Pinochet, la Corea del nord dovrà tenersi il cicciottello Kim e così via. Io credo invece che Scisciolo, Arpino e tutte le persone perbene ed oneste potranno fare molto per la nostra scherma

      Elimina
    4. Cosa possono fare Arpino e Scisciolo? Provate a parlarci e fate uno straccio di confronto, e poi provate a prendere una decisione oroginale.
      Chiamateli, fatevi dire che federazione vogliono fare! Una federazione spettacolare, altro che "normale amministrazione". Io già la vedo, cari amici.
      Chiamate, fatevi sotto.
      Saluti
      Fabrizio Orsini

      Elimina
    5. parole sante quelle dell'anonimo delle 20:25... non lasciamoci attrarre dalle idee di finti rivoluzionari, stiamo alle cose veramente utili.

      Elimina
    6. La Scherma farebbe volentieri a meno di gente come lei che si abbandona al suo destino senza neanche pensare che il contributo di ognuno di noi può fare cose straordinarie. Non avere neanche la voglia di provarci ha certificato la sua sconfitta. Qualora lei fosse un Maestro di Scherma spero non insegni ai suoi atleti simili valori. Spero che invece insegni loro a provarci, sempre!

      Elimina
    7. La gente della scherma ha bisogno di persone concrete, non ciarlatani che si vestono del vestito del vaffa a prescindere. Idee concrete, non solo biasimo delle idee altrui.

      Elimina
    8. Amico delle 14:47 il sistema scherma è ormai talmente incancrenito che non ci sono nè speranze nè tantomeno desiderio di cambiamento. I nostri eroi potranno sacrificare il massimo delle loro forze ma sarà uno sforzo inutile. Le lobby che sono stete create con il conferimento di incarichi e poteri di varia natura gestiscono da anni interessi preminentemente economici e difficilmente si faranno sottrarre tale privilegio.

      Elimina
  3. Egr. Sig. eternamente anonimo del 22/10/2019, h. 19:16,
    concetti quali: democrazia, trasparenza, regole precise, criteri certi, rispetto delle norme, risoluzione dei conflitti di interesse e delle posizioni di incompatibilità, reale separazione dei poteri, le sembrano cose da poco conto e comunque dipendenti da "risorse limitate"?

    A me pare proprio di no, anzi tutt'altro!

    Cordialmente.
    Gaspare Fardella

    RispondiElimina
  4. Avvocato...la democrazia dei poveri...ma finiamola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, anonimo delle ore 20,41, con lei e gli amici suoi la democrazia è già da un bel po' che è finita, anzi per voi è proprio sconosciuta.

      Cordialmente
      Gaspare Fardella

      Elimina
    2. Aggiungo, poi, che la democrazia non è né dei poveri, né dei ricchi, è per tutti, ma anche questo concetto - a quanto vedo - le risulta sconosciuto.

      Mi spiace per lei.
      Gaspare Fardella

      Elimina
  5. Il primo a voler trasgredire le regole chiedendo cortesie sta contro Scarso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, le sto segnando tutte...al momento opportuno presento il conto...

      Elimina
  6. Alla fine il sondaggio lo ha vinto Arpino mentre a sorpresa il DiBa batte Azzi 15 a 3.

    RispondiElimina
  7. Orsini ha fatto il compitino, ben scritto, ma manca la sostanza. Non sembra, insomma, ci sia molto da ridire su detta riunione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi pare che manchi. Comunque se vuole argomentare sarò lieto di approfondire.
      F. Orsini

      Elimina
    2. Allora argomenticamo: perché quello che aveva da dire non lo ha detto quel giorno in assemblea davanti a tutte le società e invece lo scrive qui?

      Elimina
    3. Ma io non mi sono tenuto dentro nulla, mio caro. Ho solo espresso un parere a posteriori, le pare ingiusto? Illegale? Tanto più che mi sono anche firmato. O prima o dopo, che problema le fa?
      F.Orsini

      Elimina
  8. Cari amici, mi permetto fare qualche considerazione in relazione agli argomenti posti a seguito dell'intervento del dottor Fabrizio Orsini:
    - Vengo a conoscenza del risultato del sondaggio da un "anonimo", per cui
    non saprei dire se i dati siano esatti.
    Meglio se la notizia l'avesse data il responsabile del Blog. Anche l'abito
    fa il monaco, si usa dire;
    - Dagli interventi di altri anonimo si parla di Arpino e Scisciolo come
    futuri candidati, ne parla anche lo stesso Orsini.
    Nulla da eccepire, però rilevo che mentre Scisciolo ha chiaramente
    palesato le sue intenzioni, Arpino rimane muto.
    Esprimo le mie perplessità, anche se ognuno è libero di fare ciò che vuole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sondaggio non è stato chiuso, pertanto il risultato riportato è parziale. Sarà mia cura comunicarle la chiusura con relativa analisi. Il sondaggio sarà chiuso tra qualche giorno, forse nel fine settimana, ovvero domenica 27.10.2019.

      Elimina
  9. Cari Amici, in relazione all'eventuale discesa in campo di Arpino ritengo sia ormai improcrastinabile un sua ufficiale dichiarazione. Ciò discende dal fatto che da tempo girano strane voci, non ultima quella secondo la quale l'interessato miri alla segreteria della FIS. Saranno solo voci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo "Ufficiale", se vuole risposte ufficiali ha due strade:
      1. Chiamare il dott. Arpino e chiedere a lui stesso;
      2. Attendere la scadenza della presentazione delle candidature.
      Solo in questo modo avrà ufficialmente notizie.
      Cosa ne pensa lei se qualcuno le chiedesse, in anonimo, quali sono i suoi progetti per il futuro? Lei risponderebbe ad uno sconosciuto? Perlomeno gli chiederebbe di qualificarsi?
      Bene, detto questo evitiamo di prenderci in giro.

      .....a proposito e sempre in anonimo, e detto fra noi anonimi, da quello mi hanno detto Arpino si candiderà..... silenzio però, non lo diciamo a nessuno.
      bye, bye, sig. anonimo
      Firmato Anonymous

      Elimina
    2. Di Arpino i progetti futuri non interesserebbero a nessuno, ma dal momento che a Riccione si è candidato ufficialmente, deve mettere da parte la sua privacy, perché diventa personaggio pubblico ed è lecito che ci si chieda dei suoi progetti futuri. Altrimenti è solo un quaquaraquà.

      Elimina
    3. Ma perché le domande ad Arpino bisogna farle di persona e la miriade di domande anonime fatte in questo blog e rivolte a Scarso dovrebbero avere una risposta in questa sede?? Bravi solo a pretendere. Iniziate bene, molto bene

      Elimina
    4. Caro Anonimo delle ore 19,08, fai conto che le domanda le abbia fatte io, visto che ci metto la faccia e firmo tutto potrebbe rispondermi? Anche privatamente!

      Elimina
    5. Eh no! Un presidente da conto ai propri tesserati...non a chi sta alla finestra! Facile così Rinaldi !!! Le ricordo che lei non è un tesserato.

      Elimina
    6. Anonimo delle ore 21,48, fai pace con te stesso: se la Richiesta viene da un anonimo non è valida se è fatta da uno che si firma non lo è perché non tesserato. Orbene lo stesso discorso vale per tutti gli anonimi che chiedono ad Arpino di rispondere, di comunicare il suo programma, ma a chi? A degli anonimi? Diceva Toto': "ma mi faccia il piacere!".

      Elimina
  10. Sembra che si voglia giocare a nascondino. Se il Dott.Arpino ha interesse a candidarsi, lo facesse sapere facendo conoscere anche il suo programma. Gli elettori decideranno. Per quale motivo dovrei andare a chiedere a lui? Chi ci tiene ad occupare quella poltrona, si facesse avanti. Se Arpino vuole giocare nell'ombra, avrà i suoi buoni motivi. Non perderò certo il sonno per
    questo. Non faccia però parlare altri a posto suo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, prenditi Scarso, Azzi o chi ti pare. Magari, loro, come hanno sempre fatto, ti daranno il programma sulla base del quale vorranno governare il quadriennio 2021/2024. Casomai, potresti farci la gentilezza di farcelo pervenire, così lo valutiamo anche noi.

      Elimina
  11. Signor "Anonymous", ma non tanto, sono contento per Lei.

    RispondiElimina
  12. Arpino a Riccione si è candidato ufficialmente. Si è messo di buon mattino a distribuire dépliant con grafica piena di colori accattivanti. La carta dalle tonalità brillanti , così come il titolo scritto in caratteri cubitali e in grassetto, le espressioni e le frasi ad effetto spiccavano e restavano impresse nella mente una volta lette: «...e chi non vota per me, peste lo colga!»
    Come dimenticarlo quel giorno. Anonimo delle 15:55 https://www.youtube.com/watch?v=eQWUW6F8yJM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti hai ragione. Si tratta solo di soppesare i due diversi tipi di minaccia e stabilire quella a cui cedere. Temere il rischio di essere colto dalla peste o quello di perdere i tre spadini di plastica che regalano ogni anno? Questo è il vero dilemma.

      Elimina
  13. Federazione Italiana Scherma, novità per la segreteria: arriva Marco Arpino
    Ha fatto tappa anche a Bastia il tour di Marco Arpino per condividere i contenuti della mozione “ITALIA SCHERMA”, che lo vede candidato alla segreteria generale della FIS. Arpino mira infatti a farsi nominare da Giorgio Scarso segretario. Marco Cannella si occuperà della segreteria dell'AIMS in sostituzione di Luca Salis, che succederà a Saverio Crisci, dato per certo alla presidenza dell'ANS.
    Nei prossimi giorni è prevista la conferenza stampa presso i locali della Federazione in Viale Tiziano a Roma, a seguire l’incontro con iscritti e amici. A seguire un ricco buffet offerto da Marcello Scisciolo e Paolo Azzi, rispettivamente presidente al Club Scherma Roma e segretario al CUS Siena.

    RispondiElimina
  14. Aspetto che il Dott. Arpino ufficializzi la sua candidatura per chiedergli di fare chiarezza su qualcosa di una certa importanza.
    Penso sia meglio farlo subito.

    RispondiElimina
  15. Devo dire che l’impressione è di una certa normalizzazione; il resoconto alla camomilla sulla riunione Lombarda, queste voci sulla segreteria ... insomma spesso si parte incendiari ma poi si diventa in fretta pompieri, parrebbe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fosse stato alla riunione avrebbe intuito che di camomilla si trattava.
      Venga e guardi bene.

      Elimina
  16. Anonimo delle 19.22 ma Arpino non si è candidato ufficialmente a Riccione o no?mettiti d'accordo con i tuoi amichetti.

    RispondiElimina
  17. Sinceramente in questi anni e soprattutto mesi, mi viene una considerazione. Prima di Scarso, Cuomo e altri: a casa devono andare quei dipendenti, che definire disattenti e presuntuosi è un complimento, che partoriscono calendari e regole che nulla hanno a che fare con la scherma.
    Pensiamo alla regola di partecipazione alla prima prova di qualificazione per sciabola e fioretto, dove chi ha saltato le gare della scorsa stagione, potrà cominciare quella nuova solo a febbraio alla prova di qualificazione, cioè in palestra attirare un over 20 è già difficile, mantenerlo 6mesi senza gare poi...
    Parliamo del calendario gare che vede tutta la spada U17 spostarsi da destra a sinistra dell'Italia toccando i confini estremi al nord. I piccoli del Gpg fare nell'estremo nord l'80% delle gare e gocciolina finale aver spacchettato gli U17 di fioretto e sciabola, nella stessa regione, stesso week end a circa 100km di distanza, senza alcun motivo avendo gare con partecipanti che sommati arrivano alla spada maschile, quella non è spacchettata tra destri e mancini.
    Vogliamo poi sottolineare come un Comitato Organizzatore possa accettare questo facendo una gara a Bari nel week end dove trovare un posto letto ha meno probabilità di fare il sei al superenalotto.
    Dovete andare a casa prima voi, cari dipendenti che avete sottratto il potere a presidente e Consiglio Federale troppo impegnati a fare politica tutti i giorni tutti gli anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I DIPENDENTI FEDERALI NON C'ENTRANO NULLA CON IL CALENDARIO GARE E CON L'ORGANIZZAZIONE DELLE STESSE. TUTTO FA CAPO AL CONSIGLIO ED AL SUO PRESIDENTE.

      Elimina
    2. Rinaldi mi consenta di sentirla. 3 anni fa all'introduzione della regola sulla partecipazione alla prima prova di sciabola e fioretto, senza qualificazione: mi fu risposto, da autorevoli membri del Cf, che la aveva pensata e inserita un dipendente FIS in ascesa.
      Posso allo stesso modo confermarlo che i dipendenti voluti e assunti dal presidente hanno un potere molto superiore a quello contrattuale e spesso e volentieri sono promotori di regole e regolamenti.
      Condivido che in ogni caso la responsabilità è sempre di chi ratifica e approva, quindi il CF.

      Elimina
    3. Sono certo che il prox anno fare i gironi in una città e le dirette altrove, diamo a tutti e i voti aumentano.

      Elimina
    4. Anonimo delle 10.11 confermo quello che dici ed è cosa succede con un Consiglio assente, la base prende potere e spazio. Oppure forse Scarso preferisce i SUOI dipendenti ad i Consiglieri, per le scelte tecniche e politiche. Consiglieri interrogativi sulla stima che ha realmente di voi.

      Elimina
  18. Ero presente all'Assemblea di Riccione, non mi risulta che Arpino si sia candidato alla Presidenza della fis. Marcello Scisciolo, per esempio, è uno di quelli che lo ha fatto poco tempo fa su questo Blog. Arpino tolga il dubbio e dicesse apertamente che si candita, facendo conoscere anche eventuali collaboratori in modo che ci si può fare un pensierino per votarlo.
    Per quanto riguarda invece l'eventuale presidenza all'Acccademia di Napoli, faccio doverosamente presente all'Anonimo delle ore 19.21 di ieri che per essere soci di quell'Ente bisogna avere la residenza in Campania e che l'eventualen presidente di quell'Ente non può essere prescelto tra i Maestri. Questo è quanto prevede espressamente l'attuale statuto dell'Accademia.








    RispondiElimina
    Risposte
    1. Desidero tranquillizzare Il maestro Crisci che da pensionato può diventare presidente ANS. La norma dello Statuto ANS riprende la norma della FIE sul rapporto tra maestro di scherma e cariche.

      Statuto ANS.
      Articolo 16 16.1 I docenti di discipline schermistiche (maestri o istruttori) possono appartenere a qualsiasi categoria di soci (Soci, Soci Onorari, Soci Benemeriti),. Essi, al pari degli altri soci, hanno diritto a partecipare alle assemblee ed a ricoprire cariche direttive, con le ripartizioni previste agli articoli successivi, a garanzia della prevenzione di eventuali conflitti d’interesse, in materia di cumuli di cariche sociali e cariche di commissioni d’esame per le qualifiche magistrali schermistiche, sempre in seno all’Accademia Nazionale di Scherma.
      23.5 Il Presidente ed uno dei Vicepresidenti devono appartenere alla categoria dei soci non docenti di discipline schermistiche; l’altro Vicepresidente deve appartenere alla categoria dei soci docenti di discipline schermistiche; gli altri componenti del Consiglio di Amministrazione possono appartenere indifferentemente all’una o all’altra categoria, ma i Consiglieri appartenenti alla categoria dei docenti di discipline schermistiche, escluso il presidente della FIS, non possono comunque costituire più di un terzo del Consiglio di Amministrazione (senza avere considerazione dei Revisori dei Conti).

      Statuto FIE.
      2.1.1 Condizioni di adesione alle federazioni nazionali
      La Federazione nazionale deve avere un ruolo indipendente secondo i principi della Carta olimpica.
      La FIE riconosce che la Federazione nazionale può includere maestri di scherma.
      Questi ultimi non possono tuttavia ricoprire la carica di Presidente, Vice-Presidente, Segretario Generale o Tesoriere o posizioni equivalenti.
      Per maestro di scherma si intende una persona la cui attività principale è l'insegnamento della scherma in cambio di un pagamento.

      Siccome Scarso è diventato presidente FIS nonché membro del Comex FIE, posto che Scarso è maestro di scherma, Scarso avrà provato che la sua attività principale non è l'insegnamento della scherma in cambio di un pagamento. Infatti Scarso è un pensionato.

      Siccome La Ragione è presidente ANS, posto che La Ragione ha un diploma magistrale d’insegnamento della scherma, anche La Ragione avrà provato che la sua attività principale non è l'insegnamento della scherma in cambio di un pagamento. Infatti La Ragione è un pensionato.

      Elimina



  19. In assenza di convocazione dell'Assemblea elettiva proviamo ad interpretare i comportamenti dei soliti finti anonimi, ad esempio la continua richiesta di nomi di candidati o adombrare segreti inconfessabili a carico dei loro avversari.


    L'obiettivo primario che stanno perseguendo è chiaro: la delegittimazione dell'avversario politico che viene percepito come un nemico al quale attribuire virtù negative e valori inconciliabili con questo ventennale sistema di potere in FIS.


    Gli anonimi dimostrano che hanno paura.


    Gli anonimi confermano l'ansia dell'establishment: il monitoraggio continuo del blog è segnale di un eccessivo stato di vigilanza che già produce azioni scomposte.


    Dalla lettura dell'articolo ci si dovrebbe interrogare sul comportamento di altri.

    Azzi si paga le trasferte o ha iniziato a fare campagna elettorale con i soldi dei contribuenti?

    Joelle Piccinino può fare campagna elettorale da magistrato sportivo?

    Vi sembra corretto che il Presidente Scarso fornisca indicazioni di voto?


    Volker Roder potrebbe aiutarvi con un pò di terapia neurocognitiva integrata.

    RispondiElimina
  20. Mi sembra che ItaliaScherma sia un gruppo di casinari tenuti insieme con il debole filo di personali desideri di rivalsa e personali desideri di ascesa, tutti legittimi si intende, ma che non legittimano ItaliaScherma come futuro possibile gruppo dirigente della Federazione.

    RispondiElimina
  21. Con l’inizio della nuova annata sportiva sono partite le grandi manovre degli orfani di Scarso per accalappiare il voto.
    Chiusa la Festa di Anzio, il delfino Azzi è pronto ad accogliere nel nuovo raggruppamento i grandi elettori di Giorgio.
    Che lo scarsismo in salsa azziana debba passare per lo screditamento degli avversari, per qualcuno appare inevitabile (leggete i post sul blog). Spente le luci momentaneamente sull’addio di Giorgio (sarà vero?), Azzi sembra cominciare a fare scouting iniziando dal cronicario politico scarsiano, laddove si aggirano tanti personaggi in cerca di un nuovo autore che possa riportarli in Consiglio, nei Comitati regionali, in commissione (soprattutto gli arbitri), nei quadri tecnici della nazionale, come docenti ai corsi Aims o dirigenti di una rifondata Accademia. L’ultimo sondaggio di Rinaldi (ma quanto vale?) ha dato per la prima volta il laziale De Bartolomeo davanti al delfino toscano di Scarso. E qualcuno comincia fare due calcoli. Poi, va da sé, la contiguità politica e culturale indora e nobilita i passaggi da Scarso a De Bartolomeo senza passare per Azzi.
    «C’è molta gente che bussa alla nostra porta, ma non possiamo farli entrare subito», dice un consigliere che fiuta benissimo l’aria che tira in Fis. Non tutti infatti sono graditi, non tanto per ragioni personali ma per le polemiche che potrebbero scaturirne. Nomi non se ne fanno. Meglio soprassedere.
    E poi chi altro bussa alla porta del delfino o dei delfini? Praticamente già arruolati, anche se non formalmente, sono Autuori in quota Campania, Piccinino per la Lombardia (attenzione alle incompatibilità e al peso in negativo di Aru!), Guida per il Veneto, Ginori per la Liguria, Sebastiano Manzoni per la Sicilia (“eccellente schermidore degli anni ’70, che unisce alla competenza tecnica le proprie capacità dirigenziali maturate nella sua attività professionale di direttore di banca”). In uscita Buratti e Campofreda, si fanno calcoli cinici sulla Vezzali e su chi rimpiazzerà Pastore. Ancarani e Randazzo: state sereni.
    Il vostro Giuda Iscariota

    RispondiElimina
  22. Sono amico di lunga data della maestro Crisci, gli ho accennato di quanto si dice sul blog relativamente alla presidenza dell'Accademia e mi ha detto che la barzelletta non lo fa neanche sorridere.
    La presidenza del suddetto Ente è in ottime mani e che lui sta bene così. Avrei anche percepito che l'interessato gradirebbe, ove fosse possibile, essere lasciato in pace. Mi auguro infine che il mio intervento non venga strumentalizzato. Si ringrazia per l'attenzione.




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma... che peccato! Avrei votato sì a Crisci presidente dell'accademia. Dr. Rinaldi faccia un sondaggio.

      Elimina
  23. Sono anche io conoscente anonima di lunga data del maestro Crisci, ma non della maestro Crisci. La presidenza del suddetto Ente è in ottime mani, lo condivido, ma non posso giurare che l'interessato sia contrario ad acquisirla, ove fosse possibile, anche tramite persone fidate. Mi auguro anche io infine che il mio intervento non venga strumentalizzato. Si ringrazia per l'attenzione.

    RispondiElimina
  24. LISTA ITALIA PER AZZI
    Presidente Paolo Azzi Toscana
    Rappresentante donna atleti Valentina Vezzali Marche Polizia di Stato
    Rappresentante uomini atleti Valerio Aspromonte Lazio Fiamme Gialle
    Rappresentante tecnici Salvatore Lauria Trentino Alto Adige Aims
    Rappresentante società Alberto Ancarani Emilia Romagna
    Rappresentante società Matteo Autuori Campania
    Rappresentante società Vincenzo De Bartolomeo Lazio
    Rappresentante società Furio Ginori Liguria
    Rappresentante società Joelle Piccinino Lombardia
    Rappresentante società Maurizio Randazzo Piemonte
    Un Rappresentante società uomo dovrà cedere a una donna la candidatura.
    Maria Monisteri Caschetto della Conad Scherma Modica è pronta ai box Sicilia.
    Guido Di Guida e Sebastiano Manzoni rimangono ai Comitati Regionali Veneto e Sicilia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uelaaa.....il blog sta diventando il palcoscenico di chi la spara più grossa. Liste, composizioni,promossi ,bocciati, arbitri per la nuova commissione Gsa...e meno male che non avete dato i nomi anche delle altre commissioni!!! Mi sembra il palco televisivo degli aspiranti a Grande Fratello "...che pena !!!

      Elimina
  25. 😄😄😄😄😄 Crisci segue la Piazza “Per Interposta Persona” 😄😄😄😄😄

    RispondiElimina
  26. Da qualche parte ho letto di La Ragione Maestro di Scherma. Forse sarà un lapsus. Se fosse vero, spero di no, sarà il solito regalo dell'Accademia.
    Qualcuno che è vicino a quell'Ente Morale, oltre che glorioso ci sa dire esattamente chi si è inventato questa ennesima diavoleria? Non bastavano i diplomi irregolari di certi illustri personaggi? Chi è in buona fede, batta un colpo.

    .

    RispondiElimina
  27. Non c'è niente da fare, è più forte di voi. Siete rancorosi, vigliacchi e bugiardi, ma il bello è che accusate di queste nefandezze gli altri. Tu, piccolo anonimo delle 20:47, sei una nullità al cospetto di Pasquale La Ragione, Maestro, Dottore, Atleta, Dirigente, Direttore tecnico della Nazionale, Consigliere Federale F.I.S. e F.I.N., nonché Presidente dell'Accademia. Smettila di starnazzare, cafone plebeo.

    RispondiElimina
  28. L'attenzione dei soliti anonimi si dirige verso i soliti argomenti fatui, legati alle solite diatribe scatenate dai soliti vecchi pieni di bile, nonché dai soliti portaborse. Sui diplomi irregolari hanno scritto da anni, sino a quando l'argomento non ha scoperto l'altarino delle eccezioni nascoste. Ne uscita devastata la figura del grande inquisitore che da accusatore si è trovato accusato, con prove ineccepibili. È inutile che si parli di candidature o di programmi perché i soliti anonimi sono il nulla cosmico. L'unica certezza che non saranno ricordati dopo il loro trapasso. Si confonderanno nell'amalgama indistinto, una confusione tra inutili nullità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo del 24 ottobre 23:04, può fare chiarezza riferendosi agli estremi della sentenza che con "prove ineccepibili" avrebbe condannato quello che lei definisce "accusatore" facebdolo diventare reo di qualcosa?
      Perchè se facesse riferimento ad una ben precisa sentenza allora lei sicuramente si assicurerebbe imperitura memoria avendo detto il vero, altrimenti anche lei sarà destinato all'oblio riservato ai fanfaroni che parlano del nulla, anzi peggio, che adombrano vi sia qualcosa dove invece non c'è.

      Elimina
    2. Egr. Sig. Perennemente Anonimo del 25/10/2019, h. 12:39,
      ma come potrà mai un "anonimo" assicurarsi l' "imperitura memoria" e/o passare all' "oblio", se non costui, per definizione, non è noto?

      Certo che ce ne vuole di fantasioso equilibrismo linguistico per fare simili affermazioni.

      Cordialmente.
      Gaspare Fardella

      Elimina
  29. Mi sembra che chi scrive contro chi vuole cambiare le cose in meglio sia un gruppo di sfigati tenuti insieme con il lucroso filo di tornaconti personali, tutti illegittimi si intende e che legittimano ItaliaScherma come futuro possibile gruppo dirigente della Federazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il cognome è Italia o Scherma?😂😂😂

      Elimina
    2. Volevamo chiamarci "Giorgio Scarso", ma poi il popolo della scherma si sarebbe confusa troppo, e non avrebbe capito l'ironia quanto lei caro anonimo citrullo.
      Suo fetentissimo
      Ugo Scassamazzo

      Elimina
    3. Weeee scassamazz, attento alle allerte meteo...non vorrei ti si allaghi la sala!!

      Elimina
  30. Anonimo delle 21.52, invece di offendere, come è nel tuo costume, esibendo il biglietto da visita (non per me che ti conosco), dimostra invece che il diploma "HONORIS CAUSA" rilasciato al dottor La Ragione sia valido e in base a quale legge è stata presa tale decisione. Tutto qui.

    RispondiElimina
  31. Anonimo delle 21.52, Lei in riferimento a quanto affermato dall'anonimo delle 20.47, ha reagito pesantemente dimostrando di essere parte interessata, per cui diventa doveroso da parte Sua dare esaustiva risposta, laddove si parla di rilascio di "diplomi irregolari". Se uscisse fuori da questo contesto, vorrà dire che c'è qualcosa che non quadra.

    RispondiElimina
  32. Chi è in buona fede , batta un colpo : accogliamo l'invito con garbo .
    Chi è socio dell'associazione maestri di scherma non può non affermare che la questione dei «diplomi irregolari» è un cavallo di battaglia del presidente . Dai locali di viale Tiziano a Roma si è trasferita negli spazi anonimi di questo sito , con i medesimi risultati : «Much Ado About Nothing» . Sui diplomi «honoris causa» che abilitano all'insegnamento di una disciplina sportiva , ci viene incontro l'Eco di Bergamo di domenica 25 Gennaio 2015 . Il giornale riportava la notizia che Roberto Maroni a Castione aveva ricevuto il titolo di maestro da sci «honoris causa» , con tanto di diploma , nuova divisa completa degli stemmi e simboli da maestro di sci , che è una professione . Tutto qui , pacatamente , serenamente . Anche sulle candidature mi permetto di sponsorizzare il ricambio generazionale della politica . C’è una cosa che vorrei sottolineare : in molti casi , soprattutto al sud , si incontrano grandi difficoltà proprio sulle candidature , la carenza sta proprio lì . Negli ultimi mandati il consiglio federale è nato dalla testa andando verso la coda , in molte realtà locali c’è smarrimento , perché esiste ancora contrapposizione all’interno del consiglio tra le anime fondatrici della candidatura di Paolo Azzi . Pur apprezzando notevolmente le parole candidato presidente , girandomi intorno , guardando bene in faccia la mia realtà locale , mi sono reso conto che le sue parole sono belle , ma la realtà è ben diversa . La strada imboccata è importante , tuttavia bisogna evitare personalismi che possono compromettere la scelta di correre da soli , quei personalismi sono presenti nelle realtà locali , vanno debellati scegliendo uomini nuovi al posto del passato arrugginito e personalistico .

    RispondiElimina
  33. https://www.fencing.franklurz.com/Pages/maestroLSN.html
    This school's fencing master, Maestro Frank Lurz, has been teaching fencing in Marin County, California since 1990 and has taught at the recreation centers of Mill Valley, San Anselmo, Belvedere and Sausalito. He now teaches at his private residence in Mill Valley. From 1996 through 2004 he was assistant director of the Fencing Masters Training Program at San Jose State University and served as a member of the program's board of examiners. This board has included two presidents of the Italian Fencing Master's Association, Maestri Giovanni Toran and Niccolo Perno, and its Vice Presidents, Maestri Saverio Crisci and Enzo Musumeci Greco, all of whom have been members of the examining board of the Accademia Nazionale di Scherma (National Academy of Fencing, located in Naples, Italy). Maestro Lurz is a colleague of Maestro William Gaugler, author of "The Science of Fencing" and "The History of Fencing" and is a member in good standing of the Associazione Italiana Maestri di Scherma.

    RispondiElimina
  34. http://www.fencingmastersprogram.com/about.html
    The Fencing Masters Program offers formal training and accredited certification for fencing teachers. It is the only program of its kind in the United States. The program pedagogy is based on the classical Italian system used by the Scuola Magistrale Militare di Roma (Military Fencing Masters School of Rome). Dr. William M. Gaugler founded the program in 1979. Maestro Gaugler holds a fencing master’s diploma from the Accademia Nazionale di Scherma (National Academy of Fencing) at Naples, Italy, in addition to being a Professor Emeritus of Classical Archaeology. The program shares connections with the Italian Fencing Masters Association and the United States Fencing Association Coaches College. As of 1988, certificates awarded by the program are acknowledged by the Italian Fencing Masters Association and carry with them international recognition.

    The Fencing Masters Program offers three levels of certification. Each level requires the successful completion of a written, an oral, and a practical examination. For the Master at Arms level, the candidate must hold an undergraduate degree from an accredited university and write a thesis on an approved topic. These examination methods are based on the model of the National Academy of Fencing in Naples.

    Since 2008 the Fencing Masters Program has been affliated with Santa Clara Adult Education. The Fencing Masters Program remains in the San Francisco Bay Area (near San Jose).

    Il programma di master di scherma offre formazione formale e certificazione accreditata per gli insegnanti di scherma. È l'unico programma del suo genere negli Stati Uniti. La pedagogia del programma si basa sul sistema classico italiano utilizzato dalla Scuola Magistrale Militare di Roma. Il Dr. William M. Gaugler ha fondato il programma nel 1979. Il Maestro Gaugler ha conseguito un diploma di master in scherma presso l'Accademia Nazionale di Scherma (Napoli, Italia), oltre ad essere professore emerito di archeologia classica. Il programma condivide i collegamenti con l'Associazione italiana di maestri di scherma e il Coaches College degli Stati Uniti. A partire dal 1988, i certificati rilasciati dal programma sono riconosciuti dall'associazione italiana di maestri di scherma e portano con sé il riconoscimento internazionale.

    Il programma di master di scherma offre tre livelli di certificazione. Ogni livello richiede il completamento con successo di un esame scritto, orale e pratico. Per il Master in armi, il candidato deve essere in possesso di una laurea presso un'università accreditata e scrivere una tesi su un argomento approvato. Questi metodi di esame si basano sul modello dell'Accademia Nazionale di Scherma di Napoli.

    Dal 2008 il Masters di scherma è stato associato con l'educazione degli adulti di Santa Clara. Il programma di master di scherma rimane nell'area della baia di San Francisco (vicino a San Jose).

    RispondiElimina
  35. Qualcuno forse non sa, oppure mostra di averlo (stranamente) dimenticato, che il diploma "HONORIS CAUSA" di Maestro di Scherma venne pure conferito al compianto Presidentissimo, ing. Renzo Nostini, ed all'ex CU (commissario unico), Attilio Fini.

    Cordialmente
    Gaspare Fardella

    RispondiElimina
  36. LEGGO ODG CONSIGLIO:Consiglio sarà chiamato ad esaminare alcuni episodi che hanno visto protagonisti atleti italiani nel corso di manifestazioni all'estero e le tematiche riguardanti le quote per le spesi arbitrali in alcune gare dei circuiti internazionali.
    DIREI sorprendente. Dopo settimane ci vuole un Consiglio Federale per giudicare l'operato di due U17 rappresentanti dell'Italia in Ungheria, comportamento tutto tranne che rispettoso del ruolo di rappresentanti dell'Italia.
    Poi forse toglieremo questi 80€ o li volete aumentare?

    RispondiElimina
  37. LEGGO ODG CONSIGLIO:Consiglio sarà chiamato ad esaminare alcuni episodi che hanno visto protagonisti atleti italiani nel corso di manifestazioni all'estero e le tematiche riguardanti le quote per le spesi arbitrali in alcune gare dei circuiti internazionali.
    DIREI sorprendente. Dopo settimane ci vuole un Consiglio Federale per giudicare l'operato di due U17 rappresentanti dell'Italia in Ungheria, comportamento tutto tranne che rispettoso del ruolo di rappresentanti dell'Italia.
    Poi forse toglieremo questi 80€ o li volete aumentare?

    RispondiElimina
  38. In riferimento all'argomento relativo al diploma Honoris Causa, mi permetto segnalare quanto segue.
    In una ricerca fatta in tal senso, pur digitando la parola "Diploma Honoris Causa", sono stato veicolato automaticamente alla "Laurea Honoris Causa", il che lascia supporre che per l'eventuale diploma nulla è previsto, salvo ad essere smentito e ne prenderei debitamente atto.
    Tale titolo onorifico, viene rilasciato secondo il dettame dell'art.169 del testo unico approvato col Regio Decreto n.1592/1963.
    Le Università possono nominare ogni anno diversi riceventi per questi titoli onorifici. Le candidature passano attraverso vari Comitati prima di essere approvate definitivamente dal Ministro per l'università e la Ricerca.
    Questo è quanto prevede la legge Italiana. Mi rendo conto anche di quanto abbia riferito l'Avv. Fardella e,ne prendo atto. Per quello che fu fatto per Nostini e per Attilio Fini allora e per il Dott.La Ragione oggi sarebbe del tutto irregolare.
    Ad oggi non esiste legge che autorizzi l'assegnane del diploma Honoris Causa". Se invece esistesse una normativa del genere gradirei conoscerne la fonte, prendendone debitamente atto. Vi ringrazio per l'attenzione.





    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dr. Rinaldi, l'argomento sui diplomi è stucchevole. Le chiederei di non pubblicare altri commenti. Ormai sono chiare le posizioni in campo. Lo sono da anni, purtroppo senza possibilità di mediazione.
      Dr. Rinaldi, spero che lei non voglia alimentare questo gossip di scarsa qualità. La ringrazio per l'attenzione.

      Elimina
  39. Parlare di eventuali rilasci di diplomi illegali non è certamente argomento di scarsa qualità. Per Lei è meglio tenere nascoste certe cose. Complimenti!

    RispondiElimina
  40. Un piccolo contributo. I diplomi illegali sono quelli rilasciati dalla fis. Lo ha sentenziato il teibunale amministrativo regionale del Lazio. Non lo afferma un anonimo ma un giudice dello stato. L'argomento non è di scarsa qualita, infatti la fis non sta diplomando più e le uniche sessioni di esami a dicembre sono dell'accademia a Napoli. Nulla è nascosto o segreto. Se invece si riferisce ad un precedente articolo del dr. Rinaldi, se ha informazioni clamorose, le esponga alle autorità giudiziarie competenti. Francamente sono stanco di leggere la storia dei pizzini o dell'esame negli anni 60 del secolo scorso. Parliamo del presente, dei poveri candidati che sono stati danneggiati dalle azioni intraprese dalla fis e censurate dal tribunale. Per fortuna l'accademia ha avuto un atteggiamento responsabile e istituzionale non facendosi rimborsare neanche gli oneri sostenuti per sanare tanti tecnici. Mi scriva qualcosa in merito. La ringrazio per l'attenzione.

    RispondiElimina
  41. Clamoroso, Crisci diplomava in USA? Complimenti!!😂😂😂

    RispondiElimina
  42. Il M° Crisci deve darci spiegazioni su questa notizia clamorosa di un programma USA che condivide i collegamenti con l'Associazione italiana di maestri di scherma! L'AIMS deve spiegarci come i certificati rilasciati dal programma sono riconosciuti dall'associazione italiana di maestri di scherma e portano con sé il riconoscimento internazionale.
    Questo è quanto prevede la legge Italiana? Mi rendo conto che è difficile dimostrare regolare ciò che sarebbe del tutto irregolare.
    Ad oggi non esiste legge che autorizzi il riconoscimento dall'associazione italiana di maestri di scherma e con sé il riconoscimento internazionale. Se invece esistesse una normativa del genere gradirei conoscerne la fonte, prendendone debitamente atto. Vi ringrazio per l'attenzione.

    RispondiElimina
  43. Evitiamo le teorie complottiste stile USAGATE. Maestro Crisci ci dia delle spiegazioni. La ringrazio per l'attenzione.

    RispondiElimina
  44. Ha ragione il collega delle 19:22: parlare di eventuali rilasci di diplomi illegali UsAims non è certamente argomento di scarsa qualità. Per Crisci è meglio che non si dica che si tengono nascoste certe cose come l'eventuale UsAimsgate. Vogliamo chiarezza!

    RispondiElimina



  45. Rinaldi lanciamo l'hashtag #18ottobre2020.
    Alle Olimpiadi di Tokyo la scherma gareggia dal 25 luglio al 2 agosto.
    L'Assemblea elettiva va convocata 40 giorni prima.
    Abbiamo tutto il tempo di organizzare le elezioni in modo che sia il nuovo Consiglio Federale a proporre la candidatura italiana alla FIE.

    #18ottobre2020




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma a proporre questi hashtag e soprattutto con la motivazione di sperar di proporre una candidatura alla Fie senza conoscerne neanche il significato ...siete gli stessi che convocate le assemblee elettive alle 6 del mattino?...giusto per capire!!!😂😂😂

      Elimina
    2. No, caro amico delle 8,30, sono quelli che fanno le assemblee per taroccare gli statuti

      Elimina
  46. Signor Rinaldi, ma Valentina Vezzali con chi stà?
    Con chi stà prendendo accordi? Sarà la vice di Azzi, la vice di Arpino, la vice di Scisciolo o il nuovo candidato?
    Potrebbe aprire un sondaggio!!

    RispondiElimina
  47. Buon giorno. È possibile conoscere almeno qualche nome che farà parte della lista che si contrapporra' a quella cosiddetta Federale? Al momento, l'unico che ufficialmente ha esternato tale intenzione è il dottor Scisciolo.

    RispondiElimina
  48. Buon giorno . È possibile conoscere il nome di chi scrisse lo Statuto federale corretto dai "refusi non sostanziali" ? Sapere chi fosse l'anonimo è questione di SCARSA qualità ? Lo Statuto refuso ha permesso a SCARSO di essere rieletto . Con la rielezione c'è stata la disastrosa guerra all'Ans . Qualcuno dice che l'autore è il cardinale Mazzarino in miniatura . Questo io non penso .

    RispondiElimina
  49. Sono d'accordo con l'anonimo delle ore 20.52 (25 ottobre), circa la regolarità degli esami che dovrebbero svolgersi secondo la sentenza del TAR del Lazio, che per buona memoria si trascrive:"IN BASE A TALE USO NORMATIVO,LA COMPETENZA AL RILASCIO DEI DIPLOMI MAGISTRALI SPETTA ALL'ACCADEMIA NAZIONALE DI SCHERMA, A TAL FINE COSTITUITA SIN DAL 1880, IN COLLABORAZIONE, OGGI, CON LA FEDERAZIONE ITALIANA SCHERMA ENTRO IL COMITATO OPERATIVO SECONDO QUANTO STABILITO, IN CONFORMITÀ CON IL QUADRO NORMATIVO VIGENTE, DAL REGOLAMENTO SNAQ DEL 2015".
    Non mi sembra pero,che l'Accademia stia operando in tal senso. È di tutta evidenza invece che a partire dalla data della sentenza, l'Accademia non tenga conto di quanto previsto dal regolamento SNAQ del 2015, a cui fa esplicitamente riferimento la Sentenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con l'anonimo delle ore 20.52 (25 ottobre), circa la regolarità degli esami della Accademia. Non sono d'accordo con l'anonimo delle ore 9.33 (27 ottobre), circa la irregolarità degli esami della Accademia. A lui con cortesia chiedo di meglio spiegarsi circa le specifiche irregolarità. Lo ringrazio.

      Elimina
  50. Inoltre, si è discusso su di una relazione fatta pervenire al Consiglio in merito ad un episodio accaduto nel corso di una prova di Coppa del Mondo under20.
    Per la cronaca era la gara di Godollo, Circuito Europeo U17 e dopo quasi un mese sapete solo dire che ne avete parlato. Ma cosa avete deciso? non sono cose da giudice sportivo? avete anche fatto fare 2 gare nazionali ai sogetti.
    Quindi?

    RispondiElimina
  51. Leggendo in 'politica' elettorale, queste parole cosa pensate? ...Infine, il Consiglio federale, tra i vari punti, ha discusso in merito al progetto Talenti2020, ha approvato alcuni rinnovi di contratti di sponsorizzazione ed ha nominato Napoli come "Capitale della Scherma" 2020...
    Io leggo che in fase elettorale abbiamo il presidente del Comitato campano candidato e il signor CT della Spada pronto ad iniziative di VISIBILITA' a spese e sotto l'aiuto della FIS. Nel 2020 ci saranno gli italiani a Napoli, ma essere 'capitale...' che cavolo significa? Cosa ci dobbiamo aspettare? Mica è tutto legato alla candidatura ed al ruolo che il CT della Spada dovrà avere nella prossima 'legislatura' sportiva?

    RispondiElimina