mercoledì 2 ottobre 2019

QUANDO L’ATLETA È IN VACANZA


Marilyn Monroe
Eh già, quando l’atleta è in vacanza, “qualcuno”, in FIS, fa come quel marito che aveva mandato in campeggio moglie e figlio per poter lavorare in santa pace, e invece si ritrovò Marylin Monroe come vicina di casa, senza poi combinare nulla né al lavoro né a casa, e tantomeno con Marylin, unendo a tutta la vicenda una serie di pensieracci…
Ugual cosa succede in FIS cari amici. Quando gli atleti sono in vacanza, in Federazione si scatenano per complicare il metodo di affiliazione, per ossequiare la norma sulla privacy, sulla chiarezza, sulla trasparenza, sulla chissachecosa e invece di semplificare, aumenta il gran casino per tesserarsi.
Vediamo allora come si deve fare per tesserarsi in questo anno di grazia (olimpica) 2019-2020:
Primo passaggio: mettere soldi sul conto federale (farsi un preventivo prima è difficilissimo, bisogna impostare un foglio excel e aggiustare la cifra a occhio);
Secondo passaggio: tesserare la società con tutti i dirigenti, e mandare il celebre Modello C (C sta per celebre, o celere? Boh, chi lo sa);
Terzo passaggio: tesserare il tecnico e mandare un Modello C (elere) separato dal precedente;
Quarto e ultimo passaggio: tesserare gli atleti e mandare un Modello C anch’esso separato dagli altri.
La domanda viene spontanea. Non si possono fare passaggi sequenziali senza mandare Modelli C separati, ma un unico in cui sono unite tutte le pagine relative alla società, i dirigenti, i tecnici e gli atleti? Troppo difficile?
Se non contiamo i problemi di posta elettronica federale piena, una qualsiasi società che ha una certa fretta, si trova costretto a telefonare forzatamente in Viale Tiziano per far accelerare i passaggi e le varie fasi tramite i dipendenti federali, i quali si fanno in quattro per star dietro a questa nuova procedura di affiliazione. E credetemi, il 100% delle società hanno chiamato a Roma. Per fortuna sono solo 333! Se fossero state 666, sarebbe stato “infernale” non trovate?
Già me li immagino mentre concepivano allegramente la nuova procedura di affiliazione, come i due protagonisti del film “Quando la moglie è in vacanza”, dove Marylin e il vicino di casa suonavano “le tagliatelle” a quattro mani al pianoforte. Nel nostro caso mi immagino i tromboni federali (mettete voi i nomi) che al pianoforte, anzi no, al computer, cantano a ritmo di musica: “tuttoinregola, tuttoinregola, tuttoinregola tutttooooooo!!!!” ma al piano, anzi no, al computer, purtroppo non c’è Marylin.
Sbizzarritevi liberamente voi con la fantasia.
Vostro cinematografico
Ugo Scassamazzo
P.S. Cari amici, parallelamente a questo, visto che per tesserarsi sono così ossequiosi della legge, con Modelli C mandati a più riprese, precisi, separati chiari, con note scritte in piccolo in calce al Modello, non è curioso invece che, visti i celebri refusi a profusione, al contrario, per lo statuto federale, usino la manica e pare anche la scollatura larga, larga, larga…?
Ciao ciao dolce Marylin!

24 commenti:

  1. Una cosa è chiara...Ugo Scassamazzo è Siciliano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .....io non credo....piemtontese?, lombardo? friulano?

      Elimina
    2. Siciliano...strano, non lo avrei mai pensato

      Elimina
  2. Da dove lo deduci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta leggere con attenzione parola per parola, verbo per verbo , periodo per periodo...e viene fuori il classico errore grammaticale che commettono tutti i siciliani😂😂😂!...azzarderei anche sul nome, ma la privacy lo vieta, ma credo sia più semplice di quanto si possa pensare

      Elimina
    2. Sei assolutamente fuori strada

      Elimina
    3. A me sembra più un calabrese.

      Elimina
    4. Egr. Sig. eternamente Anonimo del 3/10/2019, h 13:29,
      autoproclamatosi profondo conoscitore della lingua italiana, dall'alto della sua asserita conoscenza della purezza della stessa, potrebbe, di grazia, dire a noi, poveri e miseri ignoranti, quale sarebbe questo "classico errore grammaticale che commettono tutti i siciliani"?

      In attesa di leggere le sue illuminate visioni ed illuminanti scoperte, la saluti molto cordialmente.

      Gaspare Fardella

      Elimina
    5. Anonimo delle 13,29, in quell'articolo, non mi sembra di aver letto MINCHIA.

      Elimina
    6. Egregio avvocato Fardella lei è abbastanza colto da non commettere certi errori grammaticali pur essendo siciliano, ma la ritengo altrettanto preparati da rilevare da se l’errore. Legga con attenzione

      Elimina
    7. Egr. dr. (la omaggio del titolo universitario, per via della sua dichiarata stima verso di me) Anonimo del 3/10/19, h. 19:58,
      mi spiace, ma non sono assolutamente d'accordo con lei, non fosse altro perché scorgo nelle sue parole, a conferma di ciò che pensavo, un suo chiaro pregiudizio verso i miei corregionali.
      Trovo, infatti, altamente e fortemente offensiva la seguente sua espressione "lei è abbastanza colto da non commettere certi errori grammaticali pur essendo siciliano".

      Mi spiega, cortesemente e di grazia, cosa vuole significare (come Camilleri fa dire a Montalbano) con l'espressione: "pur essendo siciliano"?

      Per lei, forse, tutti i Siciliani sono ignoranti? Tutti i Siciliani non capiscono? Tutti i Siciliani non sanno né parlare, né scrivere? La totalità dei Siciliani è incapace di formulare un'opinione, specialmente per iscritto? Tutti i Siciliani sono incapaci di intendere e volere? Nessun Siciliano è alla sua altezza? Tutti i Siciliani sono una specie di sottosviluppati della scrittura? Tomasi di Lampedusa, Andrea Camilleri, Luigi Pirandello e Salvatore Quasimodo (per citare solo qualcuno) erano incapaci di vergare un foglio di carta? Tutti costoro hanno fatto quell'errore grammaticale che solo lei ha saputo, con molta sapienza e sagacia, rilevare, ma non rivelare?

      Allora, se le risposte a tutti i suddetti quesiti sono positive e dovendola inserire inevitabilmente tra i fedelealintegralisti, mi chiedo e le chiedo: attualmente, lei si sente obiettivamente ben rappresentato?

      Ciò detto, nell'invitarla a voler svelare il consueto errore che farebbero sempre i Siciliani e, conseguentemente, anche (a suo dire) il "Siciliano Ugo", rimango in attesa delle sue esplicative e convincenti risposte, idonee a dissipare questo angosciante errore, solo da lei individuato.

      La lascio, permettendomi di sostenere, a mio avviso, che:
      - lei è Laziale e non quel Toscano-Fiorentino che vorrebbe apparire;
      - avrebbe ben potuto, in questo contesto, firmarsi.

      Cordialmente.

      Gaspare Fardlla

      Elimina
    8. Minchia! Adesso abbiamo pure un fidelealista che si crede membro dell'Accademia della Crusca. Dopo l'amante dei tatuaggi giapponesi, questo ci manacava.

      Elimina
    9. Egregio avvocato Fardella, evidentemente mi sono espresso male, e chiedo scusa se così fosse. Il mio “pur essendo Siciliano” non voleva e non vuole offendere nessuno, tanto meno i Siciliani, popolo di grande cultura. L’errore che tendo a sottolineare e che mi da indicazione della provenienza del signor Ugo, è un errore grammaticale “consueto” che non nasce dal l’ignoranza ma dal modo di parlare dei Siciliani, errore che inavvertitamente lo si commette nella scrittura. Certo di aver chiarito la
      Mia buona fede nel non voler offendere nessuno la salutò cordialmente.

      Elimina
    10. Egr. Sig. Anonimo,
      mi fa immensamente piacere ricevere e leggere il Suo chiarimento, reso il del 4/10/19, h. 11:36, e gliene do ampio merito.
      Tuttavia, mantenendo il mio pensiero circa le origini dell'ironico, pungente e simpatico autore, Ugo Scassamazzo, resta il fatto che non riesco a scorgere l'errore cui Lei fa riferimento; pertanto, Le sarei molto grato se me lo volesse indicare.

      Cordialmente.
      Gaspare Fardella

      Elimina
  3. Una cosa è chiara. Ugo non sa che il sistema dei tesseramenti e il suo gestionale non dipendono dalla FIS, che è vittima tanto quanto gli utenti finali, ma dipendono dalla CONI Servizi che ha realizzato il sistema informatico. Anzi in FIS all'Ufficio Tesseramento fanno i salti mortali e i miracoli per aiutare gli utenti che educatamente si rivolgono loro per chiarimenti e aiuto nelle procedure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qunidi Ugo non è uno che mangia pane e pedane ? Mah...da come scrive e per quello che dice sembrerebbe di si......non lo scopriremo mai......come ha ben qui affermato !!!!

      Elimina
    2. Mangerà anche pane e pedane, non lo so, di sicuro mangia le cazzate che gli raccontano per fomentare il suo dissenso contro la FIS che deve essere cattiva perché dobbiamo avere qualcosa per cui lamentarci.

      Elimina
  4. Puntualmente fuori tema. Vuol dire che l'articolo non tira. Inventiamo ci qualche altra cosa. Spero poter suggerire argomenti più appetibili. Un grazie comunque alla redazione.

    RispondiElimina
  5. Anche se si firma....Fardella rimane e resterà un anonimo per il mondo scherma.
    Se ne faccia ragione avvocato!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo del 3/10/19, h. 22:41,
      sei davvero un grande ignorante e una sottospecie di parvenu della scherma, alla stregua di quel certo Carneade, di manzoniana memoria.
      La mia famiglia, sommando gli anni di militanza nella scherma di tutti i suoi membri, conta molto più di un secolo e mezzo, senza parlare dei vari ruoli assunti e svolti in tantissimi contesti.
      Informati, prima di parlare, caro servo sciocco che stai facendo, insieme agli altri tuoi patetici compagnucci, una penosa figura: quella dell'inutile idiota.

      Con poca cordialità
      Gaspare Fardella

      Elimina
  6. Ma è possibile che il blog debba dedicare il suo spazio quasi interamente su Scazzamazzo, delle sue eventuali origini e di eventuali errori nello scrivere? Che sia una persona comunque simpatica e divertente, lo abbiamo ormai capito, però non si può passare tutto il tempo su queste cose, che col tempo diventano futili ed inutili. Perché non parliamo, per esempio, di quanto riceve la FIS, in termini di sovvenzioni e di come spende tutte quelle risorse. Ma soprattutto come eventualmente andrebbero spese. Insomma, tanto per capirci, una critica costruttiva. Buona giornata a tutti.

    RispondiElimina
  7. Ugo sottolinea oggettive difficoltà del sistema di tesseramento federale. Non si può giustificare le inefficienze dando la colpa a Coniservizi, primo perché la Fis sceglie chi vuole per farsi assistere (assumendone la responsabilità), secondo perché Coniservizi non c'è più. Da gennaio c'è Sport e salute e la Fis poteva rappresentare i problemi ai nuovi dirigenti.

    RispondiElimina
  8. E poi si lamentano di pec e ricorsi!

    RispondiElimina