mercoledì 20 maggio 2020

PAGINA LIBERA N°4 - Attività di base.


Con la 2^ fase hanno ripreso molte attività, tra queste anche quella sportiva.

Sottopongo ai lettori il seguente tema: Attività di base alla luce delle conseguenze del coronavirus - Aspetti economici, organizzativi, tecnici e agonistici.
Esprimente il vostro punto di vista e potete, se lo ritenete opportuno, avvalervi del pensiero esposto da Massimo BERTACCHINI nell'articolo "Calendario gare - Le proposte di Massimo Bertacchini" pubblicato il 23 marzo 2020.
Ezio RINALDI  

59 commenti:

  1. Gentile Signor Rinaldi, le avevo chiesto notizie relative alla nomina del Commissario ad Acta e mi ritrovo un'altro editoriale.
    Cosa faccio? Attendo fiducioso.
    La ringrazio.

    RispondiElimina
  2. Signor Rinaldi, senza nulla togliere al contenuto del nuovo argomento, gradirei sapere

    se ci sono novità relative alla nomina del Commissario ad ACTA, nominato dal CONI, in

    relazione alla situazione FIS\Accademia.

    La ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimi delle ore 12,02 e 12,07, - lo statuto al momento non è in vigore, il Commissario ad acta sta portando a termine il suo mandato. Gli accordi tra FIS e ANS prevedevano la risistemazione dello Statuto. Credo che a breve avremo notizie in tal senso.

      Elimina
  3. The Power of the Future

    https://www.youtube.com/watch?v=VNGCITQ7vdc

    RispondiElimina
  4. Bel tema: credo che la partita nelle prossime settimane di giocherà sulla capacità dei club e dei maestri di abbandonare la didattica tradizionale in luogo di una vera attività “fitness” a sfondo schermistico.
    Questo anche in regione dello stop forzato all’attività agonistica.
    Le proposte per attività a confronto di “forme” come nelle arti marziali piuttosto che formule di gara “post covid” più premianti le attività locali provinciali e regionali saranno fondamentali.
    Credo che nemmeno la famiglia più agonista del mondo si ritroverà disponibile a spendere 300€ per una trasferta con i rischi connessi senza avere un confronto di livello.
    Ma i maestri saranno capaci di interpretare questo nuovo ruolo nella società in fase 2-3 etc? Credo sia molto difficile cambiare la mentalità di chi non è in grado di concepire la propria attività senza un fine agonistico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Completamente d'accordo.
      Da aggiungere sicuramente le difficolta' economiche a cui le societa' medio-piccole andranno incontro,fin da subito.
      Da genitore di un cadetto temo la chiusura del club... staremo a vedere.

      Elimina
    2. Capisco che dire che il cambiamento deve passare dai Maestri, è la cosa più comoda. in realtà è la politica federale di creare competizioni internazionali dai 13 anni (gli Allievi possono partecipare alle gare europeee del circuito Cadetti) che spinge ad un agonismo continuo e costante.
      Posso anche dire che la scherma non è uno sport popolare e 'fashion' (come direbbero i nostri ragazzi). Quindi se lo rendiamo una attività amatoriale e goliardica, non vedo cosa possa attirarli e non portarli a scegliere la famosa 'palestra' (intesa Fitness, pesi e altro) oppure altre discipline sicuramente più IN anche se non agonistiche.
      L'agonismo ha valori educativi culturali e anche selettivi. Certo se poi si è di quella schiera di genitori e pensatori che ritiene sbagliato creare agonismo tra i giovani e dargli un impegno con relativo obiettivo, allora giusto cambiare direzione alla Scherma. La competizione, sana e ben indirizzata da tecnici professionisti e professionali, è uno strumento di crescita.
      Stiamo esagerando nel parlare di futuro remoto. Come qualcuno nota due mesi fa sembrava impossibile ritornare nelle sale di Scherma prima di settembre, infatti, la FIS già a Marzo ci ha detto che ci saremmo rivisti a settembre. Ora parliamo di rientro nelle palestre, chissà che tra vaccini, cure e virus depotenziato, ritorneremo molto prima alla normalità ed a insegnare la scherma come abbiamo sempre visto fare.

      Elimina
  5. Ritengo che le proposte di accorpamento delle gare, del maestro Bertacchini, siano ben fatte e riducono a soli 6 week end, tutti al Centro Italia, gli appuntamenti per concludere la stagione 2019/2020.
    La questione economica è doverosa e imprescindibile, quindi prima cosa la FIS non dovrebbe prevedere quote di iscrizione. Chiudere accordi con gli arbitri ( i sacrifici li abbiamo fatti tutti e tutti parliamo di solidarietà, anche la classe arbitrale dovrà accompagnare la ripresa) per una tariffa cumulativa al fine di ottimizzare le spese. Inoltre, la FIS dovrebbe prevedere il rimborso spese (che coprano almeno l'alloggio) a tutti i partecipanti con oltre 300km o 400km e appelli in orari consoni a raggiungere in giornata i luoghi di gara con distanze inferiori.
    I fondi ci sono e ci saranno, inoltre, attivando già da subito contatti con gli Enti Locali e le Regioni, si possono avere contributi in termini di agevolazioni e riduzione delle spese.
    In questo modo si darebbe un segnale concreto di ripresa e soprattutto di ritorno alla normalità, non gravando più di quanto già successo, questa pandemia sui ragazzi e i giovani che a differenza di noi adulti, hanno maggiore difficoltà psicologica ad accettare lo stop della vita normale, per tanti mesi.
    1°weekend: II° prova U20 1000/ Campionati Ita. U20 SQ (circa 100 sq)
    2°weekend: Campionati Italiani GPG 3200
    3°weekend: II°prova Qualif. Naz. 850/Camp. Ita. Sq B1/C1 (700 atleti circa)
    4°weekend: Coppa Italia Assoluta 1100 +A2 (96sq 380atleti)
    5°weekend: Campionati Italiani Master 550/ Coppa Italia U17 900
    6°week: Campionati Italiani Assoluti 500+A1 (80sq) + Parolimpica / Campionati Italiani U20/U17 500
    Sedi Concretamente in grado di Gestire gli Eventi (ordine alfabetico).
    ADRIA 42 (50)
    ANCONA 32(40)
    CAORLE 24 (30)
    CASALE M. 40 (55)
    NAPOLI 12 (30)
    REVENNA 30 (35)
    ROMA 28
    TERNI 30

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa stagione va archiviata .Bisogna solo augurarsi che parta la prossima. Ma con quanti iscritti? Chi riuscirà a reggere i costi?

      Elimina
    2. Questa stagione ,senza farsi stupide illusioni va archiviata.Ci sono tante gare del circuito europeo a tutti i livelli per cui è impensabile inserirne altre 8. Auguriamoci di incominciare la nuova stagione con la crisi in cui verseranno le tante società e con la probabile contrazione delle iscrizioni e con la non improbabile ricomparsa del virus

      Elimina
    3. Quello che non capisco è perchè quando si interviene si deve sempre offendere e insultare prima di esprimere il proprio parere. E' un segno di debolezza e insicurezza esprimere il proprio parere partendo con insultare quello altrui.
      Detto questo anonimo delle 16.15 credo che l'Italia attualmente si divida non più in Sud e Nord ma in 'ipocondriaci' e 'fatalisti'. I primi pronti a rivedere il ritorno del Virus e la catastrofe dietro l'angolo, i secondi ottimisti e illusi del fatto che la fase peggiore della Pandemia sia andata via e che oltre alla crisi economica ed alla comprensibile paura, il Virus abbia lasciato la scia di morti indebolendosi.
      Io dico solo che le riflessioni del maestro Bertacchini e gli spunti di Rinaldi, ci dicono che c'è voglia di ottimismo e di ripresa, ovviamente stimo entrambi per poter dire che sono coscienti del fatto che il ritorno del Virus bloccherebbe le loro proposte.
      Ma se il Virus, come sembra in questo periodo, si sia indebolito e la sperimentazione di farmaci e vaccini, ci consente di vedere i mesi di Ottobre e Novembre in positivo, non capisco cosa impedisca a portare avanti la stagione corrente e non farci perdere altri tesserati.
      Vede lei parla di circuito Europeo, ma con quali prospettive? Ha paura del virus in Italia e manderebbe atleti in Europa? dove magari arrivano atleti anche da altri continenti?
      Inoltre, per le gare all'estero si segue un criterio di autorizzazioni basate sui Ranking. In questo caso, quali? si rende conto che la stagione è stata fatta per il 30%, quindi i ranking sono falsati. Inoltre, un 17enne entra nell'U20 senza ranking, magari da Cadetto era nei primi 20. Quindi? Almeno le finali nazionali vanno fatte. Le gare Europee non sono indispensabili ne vincolanti, mentre quelle Nazionali si. Il povero U14 che preparava la gara Allievi di Riccione da due anni, cosa gli diciamo che non si fa e l'anno prossimo diventa Cadetto primo anno. Quindi potenzialmente si giocava un podio nazionale Allievi e si ritrova ultimo dei Cadetti per il solo fatto di essere nato nel 2006? Rispettiamo i sacrifici di Maestri e Atleti oltre che delle famiglie e cerchiamo di fare l'impossibile per recuperare la stagione, ovviamente rispettando il Virus e le regole che ci imporrà a Ottobre.

      Elimina
  6. Complimenti!!! Ma le
    Minkiate che hai scritto le hai anche pensate ? Sei vicino alla demenza, credimi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con i soldi che in questi anni ha speso Scarso per tutti i suoi bei viaggetti nazionali e internazionali ci si coprirebbero i costi di tutte le gare per almeno due anni

      Elimina
    2. La tua risposta nei toni e senza contenuti, non solo mette la firma su chi sei, ma dimostra anche che tu non sei vicino all'ignoranza, sei proprio cosi

      Elimina
  7. Signor Rinaldi buon giorno. Intanto la ringrazio della risposta.
    Avrei capito che il Commissario ad Acta, dopo aver completato il suo lavoro, lo Statuto della FIS, avuto anche l'OK della Giunta CONI, è regolarmente valido? oppure deve avere altri passaggi?
    Grazie ancora e buon lavoro.


    RispondiElimina
  8. Il termine "agone' da cui agonismo,nella Grecia classica caratterizzava competizioni ludico- sportive disputate presso luoghi sacri o santuari.
    Il premio non consisteva esclusivamente nella fronda d'alloro ma anche in privilegi e beni materiali. L'agonismo mirante alla vittoria, è connaturato alla prestazione sportiva,certo va gestito e maneggiato con cura evitando le esagerazioni cui assistiamo ,da troppo a lungo ormai,nella pratica schermistica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo condivido con te e con l'anonimo delle 20.55. Credo che in modo diverso diciate la stessa, condivisibile, cosa.

      Elimina
  9. Scusi Rinaldi lei che è stato consigliere e quindi dovrebbe capirne qualcosa di bilanci federali ci saprebbe indicare , carte alla mano, quanto fino ad oggi è stato sborsato per i viaggi di Scarso, all inclusive. Grazie.

    RispondiElimina
  10. Anonimo delle ore 20,58-le spese del presidente non sono esplicitate singolarmente, ovvero sono inserite ne programma inerente le spese per gli organi statutari. Per conoscere gli importi relative agli spostamenti del presidente si renderebbe necessaria una specifica richiesta accompagnata da adeguate motivazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando lo Stivale di Ferro sarà al potere farà i conti in tasca a molte persone.
      Fino all'ultimo centesimo.

      Elimina
    2. Si, ma e' un ferro battuto...vale poco,o niente, pensano in molti.

      Elimina
    3. "I soldi dei Cittì! vogliamo i soldi dei Cittì!!! I soldi dei viaggi di Scarso, vogliamo i soldi dei viaggi di Scarsoooo!! Quando lo Stivale di Ferro sarà al potere farà i conti in tasca a molte persone.
      Fino all'ultimo centesimo!! I soldi dei Cittììììì, dateceliiiiiiiiiiiii li vogliamo noiiiii!! Non è giusto che qualcuno guadagni lavorando e noi nooooo. I soldi dei Cittìììììì i soldi di Scarsoooooo".

      Elimina
    4. Guadagni lavorando? Mi descrivi il lavoro che fanno. Fai il sarcastico per sminuire il problema. Come si dice: a parlare di mangiare quando si ha la pancia piena, è facile.

      Elimina
    5. Ecco il primo all’amo.
      Ebbene, lavorano. Fanno i commissari tecnici. Hai mai sentito parlare di questa figura? (Nel calcio... nel nuoto... ah si, anche nella scherma!!!!). Scusa, non ti descrivo il lavoro che fanno... se non sai nemmeno cosa fa un CT forse è meglio che non ti interessi di scherma o di sport in generale. Lascia stare ascolta me (ps.: te l o dico sottovoce... fare il CT è un lavoro... sai, quella cosa per cui si viene pagati...ciao eh).

      Elimina
    6. Forse sei troppo abituato a guadagnare senza lavorare, devi essere uno di quelli che ritiene il 'reddito di cittadinanza' troppo basso. Forse sei quello che pensa che tutto ti sia dovuto solo perchè esisti.
      Capisco che la tua esistenza sia un patrimonio dell'umanità. A me nella vita mi hanno insegnato che quando lavori e il lavoro c'è, guadagni, altrimenti no.
      Il lavoro del CT sicuramente è un lavoro, quando c'è la materia prima. Ti faccio notare che la materia prima dei CT sono le gare e gli atleti che si esprimano a livello internazionale.
      Ti faccio notare che sia le gare internazionali che gli atleti sono fermi e lo saranno fino a Ottobre.
      Ti faccio notare che i Ct di pallanuoto, calcio e altro, sono anche 'allenatori' a 360°, forse ti sfugge che nella scherma i CT non allenano i ragazzi, lo fanno i loro maestri a casa. Pertanto i CT hanno un lavoro di organizzazione e non altro. Ma l'organizzazione che fanno non c'è perché non c'è l'attività.
      Ti faccio notare che i CT degli sport che citi, hanno un contratto con il quale pagano le tasse e soprattutto è un contratto in esclusiva. So che saprai cosa significa esclusiva. Non sono dipendenti dello Stato con anche palestre loro in pieno e evidente conflitto di interessi.
      La somma di tutto questo rende inutile la spesa che la FIS fa per i Ct nel periodo dello Stop da Pandemia.

      Elimina
    7. Caro anonimo 21:11, mi spiace deluderti. Lavoro eccome e anche tanto, semplicemente non ho le frustrazioni che evidentemente hai tu e tanti come te. “A te ti hanno” insegnato che quando lavori il lavoro c’è altrimenti no. Bene. Avrebbero dovuto insegnarti anche che se il governo di dice stai a casa e hai un contratto firmato, continui a prendere i tuoi soldi come hanno continuato a prenderli tutti quelli che sono rimasti a casa per via del covid. E avrebbero dovuto insegnarti anche a non soffrire se qualcun altro guadagna più di te e di, magari è anche un briciolo più fortunato, perché no... invece sei sofferente... pretendi che uno che sta a casa per via del virus debba vedersi togliere ciò che gli spetta... allora anche a tutti gli altri dovrebbe succedere così. Ma tanto, si capisce che non ci arrivate proprio a questo semplice concetto. Non ci arrivate. È inutile spiegarvelo. Continuate a piangere miseria e sperare che vi arrivino i soldi di qualcun altro. Questo sapere fare. Continuate cosi, è la strada del rilancio! Auguri

      Elimina
  11. Suvvia, non toccate i soldi del Ct, altrimenti i congiunti si alterano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si poverini e mi raccomando non toccate i figli, i figli sono pezzi di cuore non si toccano, ma si mandano i nazionale senza meriti, nelle Liste Tecniche e nei gruppi sportivi. Però che nessuno li tocchi. Io li espongo a critiche dandogli ciò che non meritano o meritano meno di altri che invece non hanno niente. Però che nessuno parli, perchè i figli non si toccano.

      Elimina
    2. Dai calmini e tra un protocollo e l'altro, meno si apre e più guadagno stando a casa a non fare niente. Ovviamente poi chiederò tutto quello che posso per la società di mia moglie, siamo in difficoltà economiche. Certo mi chiedo uno che prende oltre 11 mila Euro al mese, dallo Stato e dalla Federazione, per stare a casa a non fare niente per oltre sei mesi, ovviamente mica rinuncia ai contributi per le Società previsti dalla Federazione e magari anche a chiedere aiuti allo Stato. Certo quelle poi sono cose diverse la Società di mia moglie che uso per fare battaglie politiche e reclutare gente che porto in nazionale, dai miei soldi.

      Elimina
    3. Puoi sempre iniziare a rinunciare al tuo stipendio. Perché non lo fai? Dai sto buon esempio! Regala il tuo stipendio alla società... POI, vai a chiedere i soldi dei Ct. Ma prima togliti il tuo. Ah no... per il fatto che tu non prendi 11.000€ al mese è giusto che chi li prende li veda per beneficienza a te. FANTASTICO MONDO questo 🤣

      Elimina
    4. Suvvia, anonimo delle 17.08 cosa dici. Ti sei riletto.
      Che non sia concorde, ok, ma bastava dire questo.
      Prima cosa non sai cosa gli altri hanno fatto per aiutare le loro Società in crisi. Seconda cosa è ovvio che chi guadagna 1200€ al mese, ha giusto i soldi per sopravvivere, difficile darli ad altri. Chi ha oltre 11mila € forse ha la possibilità di rinunciare a qualcosa.
      Chiariamo anche che da 3 mesi, nessuno chiede ai CT di fare beneficenza, sono tutti consapevoli di chi si parla. Si chiede alla FIS di interrompere i contratti, si è chiesto all'inizio che fossero loro a rinunciarvi in un periodo di consapevolezza mondiale che la situazione è grave e che tutti dovevano rinunciare a qualcosa.
      Capito che questo sarebbe stato impossibile, si è chiesto alla FIS di provvedere ad interrompere tutti i contratti e le spese che attualmente erano inattive e destinare quei fondi alle società affinché non morissero. Cambio di destinazione, non beneficenza.

      Elimina
  12. Anonimo di sopra i cittì vedono, come vedono tutti gli atri, chi sono gli atleti davvero bravi grazie ai sacrifici dei loro allenatori e li chiamano in squadra. Non raramente però infilano nella mischia anche qualche altro che sembra bravo ma tutti sanno che non lo è abbastanza. Ecco il lavoro dei cittì e il motivo per cui guadagnano tanti soldi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Anonimo capisco che la definizione del CT su Wikipedia, dica ciò. La pratica e l'esperienza decennale e oltre, di qualcuno, ci dice che le cose sono diverse.
      I sacrifici li fanno tutti i maestri e non solo quelli che vede il Ct, non sempre i sacrifici dei maestri corrispondono al oggettivo risultato o alla soggettiva scelta del Ct. Questa cosa molto italiana che chi sa di non meritare le cose, inizia a parlare di sacrifici strappa lacrime come se fosse l'unico a farli.
      Per il discorso di vedere gli atleti, ci sarebbe molto da dire, soprattutto sulla valutazione di quello che vede. Certo valutare una gara regionale di più di un podio internazionale.
      Tutto questo però non rientra nell'argomento di discussione che intelligentemente è stato aggirato. Non si parla di quanto guadagnino i CT normalmente, ma bensì di cosa fanno per meritare lo stipendio i CT che per 6 mesi non hanno niente da fare. Vengo alle sue parole: seguono e valutano atleti e maestri. Le faccio notare che Atleti e Maestri sono fermi da 3 mesi e lo saranno, almeno fino a settembre con l'attività nazionale e ad ottobre/novembre con quella internazionale.
      Quindi stando alle sue parole: i Ct non lavorano. Ma guadagnano.

      Elimina
    2. Non solo guadagnano anche quando non lavorano, questo è ovvio, ma nel nostro sport ritengo che qualunque maestro di media bravura potrebbe essere un ottimo ct. Nel nostro sport non occorrono particolari virtù per fare il ct. Sono i maestri delle palestre a formare i campioni e non certo i ct. Il campione emerge da solo non ha bisogno di un ct che lo noti purtroppo però accade anche il contrario ovvero che qualcuno venga prediletto dal ct anche se è evidente che non sarà mai un campione. Chissà perchè.

      Elimina
    3. Anonimo 21:32 che scrivi “ Non solo guadagnano anche quando non lavorano, questo è ovvio”... è proprio questo genere di affermazioni che mi fa ribrezzo, perché perdonami, sa proprio di ipocrisia. Quanta gente ha guadagnato (a contratto) stando a casa magari due mesi per via del covid? QUANTA??? Ma la volete finire con questa ipocrisia? Ripeto: quanta gente ha continuato a prendere (giustamente) il proprio stipendio stando a casa? È proprio questo modo di argomentare che non mi piace di chi attacca con la storiella dei Ct. Loro guadagnano di più.. ed è giusto che si sospendano gli stipendi (ma perché??? Che razza di concetto è?). Loro non lavorano e bisogna sospendere lo stipendio (di nuovo: perché? Anche voi non avete lavorato, forse... come tanti che sono stati obbligati a stare a casa). È incredibile questa cosa. Io davvero ogni volta che leggo queste idiozie non me né capacito.

      Elimina
  13. Anonimo delle 12:06 ma tu lo sai che segni indelebili può lasciare un qualunque ferro battuto ancora caldo sul culo delle persone?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo posso immaginare,ma poco mi tange. Malgrado tutto e tutti, le cose rimarranno cosi' ancora per un po', purtroppo aggiungerei.Magari a settembre ci ritroveremo con qualche centinaio di club di scherma in meno...voci di corridoio mi sottolineano le problematiche quasi insormontabili di grandi club.Sarebbe un peccato,ma magari ci ritroveremo qui a settembre a commentare la loro chiusura.

      Elimina
    2. Certo se Scarso cacciasse fuori un po' di piotte per le società che hanno davvero bisogno forse potrebbero sopravvivere fino alla ripartenza!

      Elimina
    3. Anonimo delle 20e14 condivido la tua idea a condizione che la fis non dia soldi anche alle società dei bomboloni perchè questi di soldi se ne sono già fottutti abbastanza.

      Elimina
  14. Ma quando parlate dei figli, vi riferite anche a quelli di Marco Arpino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi pare siano in Nazionale Assoluta o Cadetti senza risultati e senza gare a spese proprie. Non mi pare siano entrati in Polizia o in Liste Federali senza rispettare le regole. Non mi pare che abbiano il padre CT che convoca i figli e i tecnici della sua palestra. Soprattutto non mi pare egli sia distaccato con permesso presso la Polizia per la tutela e gli interessi del Gruppo Sportivo e guarda caso convoca il maestro delle FFOO senza alcun merito.

      Elimina
    2. Minchia, questa si che è una risposta che mette tutti a tacere.

      Elimina
  15. Credo che i CT non abbiano bisogno della mia difesa, però è innegabile che questa storia stia stufando. Se qualcuno avesse bisogno dei miei servigi gli direi quanto costano, se la contro parte accetta e si firma un contratto le responsabilità dell'atto in capo a chi vanno? Rispondetevi a questa domanda e fatela finita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le giro la domanda Rinaldi. Esiste o no un limite all'importo che Scarso potrebbe contrattare con i ct trattandosi di erogazioni sostenute con soldi pubblici?
      Scarso e Cuomo potrebbero sottoscrivere, ad esempio, un contratto da quattro cinque o nove milioni l'anno senza che qualche organo di vigilanza possa storcere il naso?

      Elimina
    2. Rinaldi a quali resposnabilità fai riferimento? Prova ad essere più chiaro perchè altrimenti il tuo pensiero non è molto comprensibile.

      Elimina
    3. Non c'è un limite. Questo è dato dalle disponibilità di bilancio e dalla politica economica del Consiglio direttivo. Per quanto riguarda le responsabilità amministrative queste vanno in capo al Presidente ed in solido al CdF. Pertanto sta al Presidente trovere le migliori soluzioni a vantaggio della FIS e del movimento.

      Elimina
    4. Rinaldi credo che la risposta a tutto questo sia nella totale mancanza di trasparenza della FIS, che genera pensieri e retro pensieri. Altre Federazioni e/o Enti pubblicano i contratti dei dipendenti, dirigenti e spesso anche la dichiarazione dei redditi.
      Poiché parliamo di soldi dei tesserati e che lo Stato da per i tesserati, forse non sarebbe assurdo pretendere che il contratto dei Ct sia leggibile. Lei ha ragione che il contratto è tra le parti per i servizi. Ma appunto cosa prevede il contratto? come? perché?
      Le faccio un esempio chiaro. Sappiamo tutti che gli accordi tra i Ministeri facenti capo ai Gruppi Sportivi e il CONI e le Federazioni, prevede il distacco e altre forme di servizi da parte dei dipendenti presso le Federazioni, per tutelare gli interessi del Gruppo Sportivo e dei suoi atleti. Quindi già solo per questo i CT sono in conflitto d'interessi.
      Se avessimo modo di conoscere i termini dei contratti con i CT forse si placherebbero le polemiche o aumenterebbero. Ma sicuro non si diranno più cose che poco piacciono agli interessati. Anche perché sembrerebbe che non si tratta di contratti con compensi ma con rimborsi. Ripeto sembrerebbe, quindi cosa osta alla pubblicazione?

      Elimina
    5. Anonimo delle 17.04 non so dirle quale assurda e innovativa legge o contratto, adoperi al FIS. Da dipendente pubblico, della Regione, posso dirle che per poter fare una consulenza ad una Società di mio cognato, ho dovuto chiedere il permesso al mio dirigente e inviare la domanda alla Segreteria Generale. La quale ha voluto vedere il contratto confermandomi che il permesso era periodico e non continuativo, mai superiore ai 12 mesi. Presupposto fondamentale che il compenso non fosse stato superiore ad un terzo del mio stipendio alla Regione. Inoltre, non trascurabile, che la consulenza non fosse in conflitto con l'Ente Regione.

      Elimina
    6. Ma allora se come dice Rinaldi non esistono limiti o vincoli di qualunque natura nello sport italiano qualunque presidente di una qualunque federazione tal dei tali potrebbe ad esempio stipulare un contratto con un qualunque ct tal dei tali per 500.000,00 euri all'anno e poi il cittì magari per riconoscenza o per sincero affetto verso il suo presidente potrebbe regalargli la metà di quanto ricevuto.
      C'è fra i lettori del blog qualche giurista titolato e affidabile che potrebbe confermare l'assoluta legittimità di questo tipo di operazione nello sport italiano?

      Elimina
    7. Anonimo delle 18:22 non sono un giurista in senso tecnico ma, se non ricordo male, per casi come questi il testo sacro che tengo sulla scrivania prevede fino a 10 anni di reclusione. Certo, sono ipotesi complesse, ma non impossibili da accertare.

      Elimina
    8. https://www.youtube.com/watch?v=nsQIMh4CKIk

      Elimina
  16. Signor Rinaldi buongiorno. John Coates, che presiede il comitato di coordinamento del CIO per le Olimpiadi di Tokyo, ha fissato un appuntamento il prossimo ottobre per definire le modalità per i giochi di Tokyo in caso per allora la pandemia sia sotto controllo. Questo vuol dire che entro 4 mesi (settembre) la Fis deve convocare le elezioni, per votare a novembre. Secondo lei si candida Azzi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che una qualche decisione sarà assunta nella prossima Giunta CONI e dal Consiglio nazionale.

      Elimina
  17. L'anonimo delle 17 ha chiesto se Azzi si candida, ma a cosa? Soprattutto, chi lo vota?

    RispondiElimina
  18. Siamo tornati ancora un volta ai compensi dei CT.

    Se c'è qualcosa di irregolare ci sono le opportune sedi per presentare Denuncia.

    Rinaldi, oppure Arpino sanno come meglio consigliarvi.

    Parlare sempre delle stesse cose dimostra che non vi sono altri argomenti da trattare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piuttosto che Arpino e Rinaldi, che contano in Fis quanto il due di coppe quando regna bastoni, ci sono laureati in legge tra i consiglieri federali, ma anche ufficiali di polizia giudiziaria, in attività o in pensione. Potete chiedere ai laureati in legge Ancarani, Azzi, Magni, Pastore, Randazzo: il Consiglio di Stato ha molto apprezzato i loro lavori per lo Statuto o mi sbaglio? Per le denunce rivolgersi a Crisci: da questo blog ho appreso che chiese ai giudici di istruire un procedimento per punire Toran, il suo esempio può essere di aiuto? Perché prendersela con i tre Ct olimpici: sono ufficiali di polizia giudiziaria e per lavoro sono competenti a indirizzare le denunce nelle opportune sedi. Amico delle 10:02 ogni tanto chiudi i commenti con nome e cognome o hai paura di essere denunciato?
      Paolo Ferrari

      Elimina
    2. Ma a te non interessa sapere come vengono spesi i NOSTRI SOLDI?
      Se QUESTI NOSTRI SOLDI sono spese bene o male?
      O se qualcuno si serve SEMPRE dei NOSTRI SOLDI per fini politici?
      Se i NOSTRI SOLDI vengono utilizzati per il bene comune e della collettività?

      Elimina