martedì 6 aprile 2021

Raymond DOMENECH: nuovo direttore tecnico nazionale della scherma Francese

Raymond DOMENECH
La fonte è la pagina Facebook del club Escrime Paris Nord, dalla quale trapela la notizia che Raymond Domenech, il passato selezionatore della nazionale di calcio francese, è il nuovo Direttore Tecnico Nazionale della scherma francese.
Il ruolo di questo Direttore non si conosce appieno, ma sempre dal post compare la sua frase: “La mia grande conoscenza del calcio mi permette di agire in qualsiasi sport”. Il comunicato poi prosegue dicendo: “Il primo passo del nuovo DTN sarà l’incarico di mutare la scherma in sport da esterno, con l’introduzione di scarpe con tacchetti e divise impermeabili - ci saranno nuove innovazioni – promette il nuovo DTN.”
Fatta la tara al personaggio e al comunicato, che ha dello stravagante, c’è chi sospira di felicità, in quanto finalmente si parla di scherma, anziché di tornei, che non ci sono nemmeno più a causa del Covid e ci chiediamo il significato di questa decisione della Federatione.
I vantaggi saranno di sicuro due.
Il primo è che la scherma francese, che sembrerebbe non avere problemi di numeri, vuol puntare su un personaggio calcistico quale direttore tecnico nazionale, di certo per far parlare di sé. Anche se farà degli esperimenti, magari stravaganti, il processo mediatico sarà innescato con una certa enfasi e i giornali ne parleranno parecchio, andando in quei meandri giornalistici in cui di solito la massa dei lettori non vaa leggere e la cosa di certo porterà un notevole interesse.
Il secondo è l’innovazione in tutti i sensi. Dopo il covid, molte palestre sono state chiuse e solo gli sport all’aperto hanno beneficiato, il che vuol dire che se la scherma si fa solo al chiuso, in un nuovo evento epidemico simile a quello che stiamo vivendo, le cose si metteranno maluccio e bisognerà trovare non una soluzione, ma LA soluzione.
Sono avanti? Sono sciocchi? Sono folli? È del tutto inutile? E l’Italia andrà avanti a colpi di decreti, interpretazioni e di regolamenti e protocolli? Credete davvero che ci faranno trovare soluzioni alternative in salsa di pomodoro nostrano?
La Federatione sta cercando evidentemente di mettere le mani avanti, vuole innovare e il loro nuovo presidente Bruno Gares evidentemente non aspetta proposte, in quanto è passato ai fatti, senza tanto tergiversare.
Ci chiediamo quali invece saranno le innovazioni della FIS, che ad oggi ha pensato di chiudere la partecipazione degli italiani ai mondiali giovani de Il Cairo in Egitto, per rischio covid e non senza polemiche.
Certo se la FIS avesse un Direttore Tecnico Nazionale sarebbe una figura interessante, uno che si potrebbe occupare di controllare se tutte le società italiane, nonostante l’epidemia, siano operative, se hanno una sala scherma vera o la devono condividere con altri sport, se hanno maestri con titolo valido (ah no, questo no, scusate non volevo toccare un tasto dolente), se vi sono problemi di altro tipo che impediscano il buon svolgimento delle attività ecc. ecc….
Sarebbe come creare un potere che potrebbe in qualche modo sostituire quello del presidente.
Ah ecco perché in Italia non c’è un Direttore Tecnico Nazionale.
Fabrizio Orsini
 

6 commenti:

  1. Dunque, a poche ore dalla pubblicazione di questo articolo, il terremoto, da questa parte del blog, ammetto sia piuttosto sussultorio.
    É bastato prendere spunto da un "pesce d'aprile" francese per stimolare proposte e iniziative, che tutti "parlano del dito", anziché "della luna"...
    Non sentitevi offesi.
    Parliamo come sempre di cose serie, cioè del nostro amato sport.
    F. Orsini
    P. S. Ricordo al Presidente che ci sono moltissime società ferme che non possono entrare in palestra perché c'è chi interpreta le norme a piacimento. Giovani e cadetti italiani che cedono il posto ad altri schermitori ai mondiali del Cairo e persone che invece vanno al Cairo... Per vedere il nuovo museo egizio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma con quale diritto qualcuno della FIS va alle competizioni del Cairo, visto che gli schermidori italiani non partecipano?

      Ma perchè qualcun altro non si sveglia dal torpore che lo pervade? Per obnubilazione o obnubilamento cerebrale?

      Ah, saperlo!!!

      Cordialmente.
      Gaspare Fardella

      Elimina
    2. Ciao Gaspare, molto probabilmente a spese della FIE. Abbiamo dei rappresentanti nel Bureau e nelle varie commissioni.

      Elimina
    3. Ma la FIE invita solo i "rappresentanti" di una Federazione, non chi ricopre semplici cariche onorifiche, sebbene ammantate dell'autocelebrativa e roboante indicazione di Presidenza.

      Cordialmente.
      Gaspare Fardella

      Elimina
    4. Gaspare, I componenti del Bureau possono essere presenti alle manifestazioni della FIE. Magari in quelle occasioni si svolge anche riunione dell'esecutivo.

      Elimina
  2. Caro Fabrizio, ho capito dove volevi andare a parare e, visto gli interventi su Facebook, credo che tu abbia raggiunto lo scopo.

    RispondiElimina