giovedì 20 marzo 2014

AMMETTERE UN ERRORE AIUTA A CRESCERE

Certo che se avessimo avuto dubbi sul seguito del suo blog, sig Rinaldi, la Fis ci conferma non solo di seguirlo, ma di farlo con attenzione. Infatti, dopo i numerosi interventi sulla comunicazione o meglio pubblicità occulta, dove si denunciava una sovraesposizione del Ct della Spada al fine di imporne il consenso, allo stesso tempo l'assenza degli altri Ct, perchè non necessario. La Fis cosa fa, ci presenta la foto del Ct della sciabola legata alla presentazione della prova di Coppa a Mosca, per la spada mette Pizzo, ma Italpress agenzia legata alla Fis, ci presenta ovviamente Cuomo. Diciamo che allo stesso tempo le "convocazioni" personalistiche di Cuomo almeno a Vancouver si sono limitate ad una certa coerenza. A casa il numero 20 del ranking italiano e suo allievo e in pedana l'argento olimpico di Pechino e Campione Italiano in carica, Carozzo. Non pensiamo mai che qualcuno si voglia redimere, però ci illudiamo che forse la Fis abbia iniziato a sentire il rumore del "clacson" tanto criticato dal Clan del Ct.
...e la Fis ha iniziato a guardare???
Italo ROSSI

1 commento:

  1. Egr. Sig. ROSSI,
    che il blog sia seguito lo dimostra il numero dei contatti, ciò, però, non mi autorizza a pensare che la FIS prenda per buono tutto quello che in esso viene pubblicato. Sono più propenso a credere che possa essere uno spunto per qualche riflessione e questo già sarebbe motivo di soddisfazione in quanto se il fine del blog è quello di contribuire a migliorare vuol dire che in parte assolve al suo scopo. Ciò detto, per quanto attiene i vari CT e la loro esposizione ( lei la chiama pubblicità occulta) ritengo che i responsabili della comunicazione facciano appieno il loro dovere e credo anche con molta professionalità. E' un po' come la lettura dei giornali: alcuni ci piacciono perché ci identifichiamo nel loro contenuto ed altri no perché distanti dal nostro modo di pensare. I CT hanno il diritto dovere di provare, inserendo gradualmente nuove leve, guai se non lo facessero. L'importante è che non perdano i traguardi finali:1° partecipare alle Olimpiadi, 2° cercare di portare a casa le medaglie. In tale quadro mi rifaccio a ciò che ho sempre dichiarato e cioè la valutazione di tutto dovrà essere fatta al termine del percorso. Sono altresì convinto che la dirigenza FIS non trascuri di tenere d'occhio il settore tecnico in quanto anche da li passa la riconferma per un altro mandato.
    Ezio RINALDI

    RispondiElimina