giovedì 6 marzo 2014

CAMPIONATI EUROPEI CADETTI E GIOVANI - GERUSALEMME 2014


l’intervista rilasciata dal Presidente, inerente i campionati europei Cadetti e Giovani di Gerusalemme e pubblicata sul sito federale, la leggo come risposta ai vari  interventi pubblicati su questo Blog.
Ritengo giusto che egli, non potendo scrivere direttamente a PIAZZA SCHERMA, dia dei riscontri alle critiche partite da queste pagine, attraverso il sito federale e di questo bisogna dargliene atto.

Condividendo l’enfasi per i risultati ottenuti, dei quali certamente dobbiamo essere orgogliosi, ha ragione il Presidente quando afferma che su queste basi si può guardare al futuro con ottimismo.

Devo, peraltro, porre in evidenza che il Presidente ha parlato di investimenti sui giovani, ne deduco, quindi che per il settore assoluti non è lecito attendersi grandi risultati, proprio in virtù del ricambio generazionale. Rappresento che alle prossime Olimpiadi due armi, nelle quali a Londra siamo andati a medaglia, saranno escluse dalle gare a squadre (F.F. – Sc.M.). Le altre dovranno comunque qualificarsi e non credo che saranno buttati nella mischia i giovani U.20 e men che meno gli U.17, quindi va bene l’investimento sui giovani ma non trascuriamo gli assoluti.

Alle olimpiadi bisogna arrivarci con tutte le forze possibili. se, però, le affermazioni del massimo dirigente FIS tendono a mettere le mani avanti, allora sarebbe stato più corretto in campagna elettorale dichiarare che  tale indirizzo avrebbe comportato enormi sacrifici, anche dal punto di vista dei risultati, e quindi il rischio di una mancata qualificazione al massimo evento, che chiude un quadriennio, rientrerebbe nella logica delle cose.

Sono certo, però, che il Presidente, in quanto anche maestro, abbia valutato tutto e sappia come giungere al traguardo finale. In tale contesto però bisognava essere più chiari e forse occorreva esserlo all’inizio del quadriennio.

Quando si parla del ricambio generazionale esso non può coinvolgere solo gli atleti: molti sono i settori dove rinnovare, ma ho come l’impressione che ciò possa avvenire solo in direzione opposta alla propria, ovvero procediamo al cambiamento ma non cominciamo da me. E non mi riferisco solo al Presidente. Egli siede sulla poltrona presidenziale perché la base lo ha voluto, ma gli altri?

Comunque, al di la di queste piccole dissertazioni, i complimenti al Presidente, agli atleti, ai maestri sono d’obbligo e li faccio con assoluta sincerità, perché credo meritati.

Di seguito lo specchio riguardante le medaglie vinte, per ogni settore.
Ezio RINALDI

Nessun commento:

Posta un commento