sabato 25 luglio 2015

DISAGIO TRA MAESTRO E CAMPIONESSA?


Dal quotidiano “LA SICILIA ” riporto la lettera che il Maestro Sperlinga ha scritto alla sua allieva. Considerato i contenuti della stessa, ritengo utile pubblicarla su Piazza della scherma.

Catania 18/07/2015

Rossella carissima,

mi chiedono di scrivere qualche riga su questa tua vittoria: Campionessa del Mondo per il secondo anno consecutivo.

Potrei elencare le tue doti di schermitrice e le tue capacità tecniche e tattiche, oppure parlare di quanto io trovi insopportabili le numerose passerelle cui il “politicume” locale e nazionale ti costringerà (con sorrisi e apprezzamenti ipocriti) per ripulire la propria immagine grazie alle tue imprese sportive. Preferisco invece, in questa occasione più unica che rara,  chiarire che l’obiettivo mio di maestro e dell’Associazione schermistica Methodos, non è mai stato quello di raggiungere un risultato a tutti i costi ma, piuttosto, contribuire attraverso l’attività della scherma che ci accomuna, alla formazione, alla trasmissione e al potenziamento di qualità umane (estranee alle società in cui viviamo) e che invece alimentano quelle energie interiori di cui spesso ti parlo e che tu possiedi e coltivi, col mio aiuto, ormai da tanti anni.

I risultati sportivi sono la conseguenza logica di questo scambio, che ci consente una intesa e una comprensione reciproca eccezionali.

Finché sapremo nutrire vicendevolmente il frutto di questa meravigliosa esperienza, raggiungerai tutti i risultati desiderati sia sportivi che umani.

E quando non dovessi raggiungerli, saresti comunque in grado di chiederti il perché e apportare le correzioni più appropriate.

Ricordati: “ Tutto arriva per chi sa aspettare” se l’attesa viene valorizzata dallo studio, dalla ricerca, dalla volontà e dal metodo ( Methodos)

Gianni

In questi giorni molti giovani tecnici si chiedono come sia possibile che il maestro Gianni SPERLINGA sia oggetto di un trattamento a dir poco discutibile (forse non è stata ritenuta necessaria la sua presenza ai campionati del mondo o a competizioni di livello mondiale per la dimostrata assoluta autonomia della sua allieva, appresa dal suo Maestro nel gestire gli assalti. Però, certamente, sarebbe stata indispensabile a sottolineare il rispetto e la considerazione dovutegli) nonostante le lodi pubbliche del CT Cuomo, per il rapporto speciale e la formazione data a Rossella.

E si domandando ancora: ”Per cosa e per chi dovremmo lavorare se poi non potremmo avere la soddisfazione di seguire i nostri atleti? Stando agli esempi che ci vengono dati dall’alto, rischiamo il depauperamento del nostro operato, nel senso che i nostri ragazzi verrebbero invogliati a trasferirsi da qualche altra parte (come è accaduto e continua ad accadere a vantaggio di ambienti e maestri dello staff e dello stesso CT), per correre dietro a chimere spesso irraggiungibili, col beneplacito della FIS.

Quindi, visto che quella del maestro l'abbiamo scelta come professione e ci dobbiamo vivere, dovremmo adattarci ad un sistema che preveda l’alimentazione della greppia dei pavoni? “

Sembra di capire, quindi, che essi non trovino nessuno stimolo a lavorare per la gloria degli altri, pertanto sarebbero orientati ad optare per un sistema di lavoro che preveda la tutela del proprio orticello.

Se decidessero in tal senso sarebbe una scelta infausta, sia dal punto di vista culturale che schermistico.

Tutto sommato mi spiace che Cuomo sia sempre sotto osservazione però mai il detto “chi è causa del suo male pianga se stesso” è stato più appropriato.

Infatti, dopo aver visto la composizione della delegazione per i mondiali, siamo sicuri che non fosse possibile convocare il Maestro Sperlinga? E nella delegazione che è stata ricevuta dal Presidente della Repubblica Mattarella perché non portare i maestri degli atleti medagliati?

Ciò li avrebbe fatti sentire parte integrante delle vittorie ottenute.

Personalmente mi chiedo:” L’AIMS cosa fa a tutela dei propri associati?

Non voglio entrare più di tanto nelle dinamiche del rapporto tra la Fiamingo ed il suo maestro però mi domando come mai l’atleta non chieda con forza la presenza del suo tecnico. Gli è di ingombro? Non gli serve?” Mah! Non riuscirò mai a capire certe dinamiche.

Ezio RINALDI

3 commenti:

  1. Sono d'accordo con Ezio Rinaldi quando dice che la Federazione farebbe bene a convocare i Maestri degli atleti e ancor di più quando denuncia il mancato invito al ricevimento dal Presidente della Repubblica dei maestri degli atleti Medagliati .
    Zuanella enzo

    RispondiElimina
  2. Ho letto sulla pagina facebook di Lucio VIRGILIO alcuni commenti in merito al su citato articolo. Di seguito la mia risposta.
    Non sono né stupito e tantomeno dispiaciuto, anzi ritengo gli interventi ragionevolmente avveduti e ne ringrazio gli autori. Questa è la democrazia. Uno ha scritto qualcosa su un determinato argomento ed altri commentano o discutono apertamente sulla materia in questione. Non mi interessa il commento favorevole o la condivisione di quello che faccio a me preme mettere in evidenza le situazioni che mi vengono segnalate e in questo senso non vedo strumentalizzazioni poiché queste sono subdoli atti tesi al raggiungimento di fini personali. Tutti sanno come la penso né, peraltro, ho mai cercato di dissimulare le mie intenzioni o abbia posto in essere un comportamento falso e coperto allo scopo di trarre in inganno o conseguire particolari fini. Quindi sarei cauto a parlare di strumentalizzazioni. Non mi sono mai nascosto né lo farò mai. Sicuramente risulterò antipatico, di parte e poco equilibrato. Però ci ho sempre messo la faccia e quel che avevo da dire l’ho detto apertamente e sottoscrivendolo. Credo che le strumentalizzazioni facciano parte del bagaglio culturale di persone con le quali non ho nulla né avrò mai nulla da condividere.
    Spero di aver fornito un ulteriore contributo di chiarezza e se non ci sono riuscito, telefonate o contattate il Maestro SPERLINGA e chiedetegli se si senta strumentalizzato, qualora così fosse toglierò il pezzo dal blog.

    RispondiElimina
  3. Caro Ezio non mi pare ci possa essere dubbio che la lettera del m° Sperlinga esprima un disagio a causa delle strumentalizzazioni politichea a cui potrà essere sottoposta la sua allieva. Non so se tale premonizione risponda o meno alla realtà dei fatti ma è chiaro che ciò è quello che il maestro Sperlinga pensa che accadrà. Ed è evidente che questi aspetti, spesso connessi alla notorietà sportiva, hanno poco a che fare con il merito e rimangono per questo estranei al suo modo di concepire la scherma non come fine ma sempre e solo come mezzo per il potenziamento delle migliori qualità umane.
    In ordine all’assenza del m° Sperliga della pedane internazionali bisognerebbe chiedere alla sua allieva se ha mai espresso alla Fis l’esigenza di avere il conforto tecnico del suo maestro e il motivo per cui tale richiesta non sia stata soddisfatta.
    A. Fileccia

    RispondiElimina