mercoledì 15 luglio 2015

Rossella FIAMINGO conferma il titolo di CAMPIONESSA DEL MONDO

Risultati immagini per rossella fiamingoMOSCA, 15 luglio 2015.
E' appena terminato l'assalto della finalissima di spada femminile, che vedeva opposte la nostra FIAMINGO contro la svedese SAMUELSSON. La nostra atleta ha surclassato la scandinava, con un punteggio che non ammette discussioni, se non erro 15/5. Al di la del risultato numerico, ciò che mi ha impressionato sono due elementi messi in mostra dall'azzurra: concentrazione e tranquillità, quindi uno stato psicofisico eccellente. Naturalmente il tutto unito ad una tecnica ed una classe che l'hanno posta per il secondo anno consecutivo in cima al mondo. Un risultato che possono vantare pochissime atlete, credo una soltanto.
E' difficilissimo ripetersi e quando si riesce è naturale parlare di impresa.
Vorrei ricordare il maestro di Rossella: Giovanni SPERLINGA, non convocato ai mondiali. Mi auguro che ciò non avvenga per le olimpiadi. Per Rossella non ci sono aggettivi ne termini per definirla. La sua commozione, le sue lacrime all'inno di Mameli sono state la gioia e la commozione di tutti gli Italiani: semplicemente BRAVA CAMPIONESSA, CHE DIO TI CONSERVI A LUNGO PER LE TUE SODDISFAZIONI E PER L'ITALIA SPORTIVA.
Ezio RINALDI

2 commenti:

  1. GIOIRE SENZA IL PROPRIO MAESTRO...
    Come sempre lei sa cogliere l'essenza delle cose. Non saremo certo polemici se ci associamo a lei nel fare i complimenti a Rossella e soprattutto al suo Maestro. Infatti, Rossella è la dimostrazione della simbiosi tra maestro ed allieva e Sperlinga rappresenta la sintesi del Maestro di Scherma, che non è un diploma, ma uno status mentale.
    Certo ci dispiace che ancora una volta a gioire non ci sia il Maestro che ha reso tutto ciò possibile. Mentre vediamo nelle foto il CT, che se avesse meno manie di protagonismo raccoglierebbe di più (alla pari di chi prima di lui ha portato a casa un Oro olimpico lasciando spazio mediatico a fondo pedana al maestro dell'Atleta. Noi lo ricorderemo sempre come il CT dell'oro olimpico). Ma poi ci sono lodevoli maestri di atleti Gpg, ma che sicuramente meritano di essere lì per avere conseguito sul campo, negli uffici, ma forse poco in pedana, il ruolo di tecnici ad un Mondiale, ma senza allievi. Inutile dire che come per il primato della Fiammingo, unica a confermarsi oro mondiale nella spada, così la nostra nazionale di Spada vanta il merito di essere l'unica a portare 4 maestri senza che nessuno abbia atleti.
    Tutti festeggiano e si 'salvano' grazie all'oro di Fiammingo, ma Sperlinga sta a casa a preparare altri atleti da regalare alla nazionale che servano a legare la gente sulla loro 'poltrona'.
    Italo Rossi

    RispondiElimina
  2. L'annosa questione sul profondo rapporto che si instaura fra un maestro e il suo allievo mi porta alla mente un antico precetto vedico che raccomanda di non mangiare mai nulla che non sia stato seminato con le proprie mani. Purtroppo non sono molti gli uomini che hanno il coraggio di osservarlo fino al punto di rischiare di morire di fame.
    A. Fileccia

    RispondiElimina